Come coltivare l'albero di ciliegio

Tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Il ciliegio è uno degli alberi più belli che esistano al mondo, e in Giappone è particolarmente amato e curato ed oggetto di molti testi antichi. La stagione più bella per ammirarne i fiori è certamente la primavera. Anche in Italia sono presenti moltissimi alberi di ciliegio sparsi per i parchi delle nostre citta'. La coltivazione è una delle attività più antiche svolte dall?uomo e racchiude una serie di operazioni importanti che vanno dalla preparazione della terra alla raccolta dei frutti. Per quanto per decenni si sia praticata poco questa attività, negli ultimi anni vi è stata una riscoperta ed un ritorno alla terra da parte di molti giovani. Chi ha la fortuna di avere un piccolo appezzamento di terreno od un giardino, non può assolutamente perdersi l'opportunità di avere delle piante da frutto o coltivare delle verdure. La genuinità ed il sapore dei questi cibi appena colti non ha eguali. In questa guida, vi spiegheremo come procedere nella coltivazione dell'albero di ciliegio e vi dispenseremo alcuni consigli utili a riguardo. Vediamo, allora, come fare nel dettaglio per coltivare l'albero di ciliegio. Mettiamoci all'opera quindi.

29

Occorrente

  • terreno
  • albero di ciliegio
  • pala
  • concime organico
39

L'innaffiatura

L'albero di ciliegio è apprezzato non solo per la bontà del suo frutto, ma anche per l'imponenza della pianta e per i suoi splenditi fiori che abbelliscono e donano una profumazione molto gradevole. Grazie al clima mediterraneo, cresce in modo molto rapido e riesce a sopravvivere anche a temperature relativamente rigide. E? bene tenerlo lontano dai ristagni idrici perché l?umidità eccessiva è la sua peggior nemica. Bisogna, dunque, controllare le annaffiature, soprattutto quando è previsto il cattivo tempo. Un eccessiva quantità di acqua, infatti fa marcire le radici e, conseguentemente, può portare la pianta alla morte.

49

Preparare il terreno

La preparazione del terreno è la prima fondamentale fase della coltivazione. È importante che sia miscelato con un ottimo concime organico come lo stallatico. Questa operazione va fatta perché sia presente ogni sostanza nutritiva necessaria e per mantenerlo sempre florido. Bisogna aggiungere anche della sabbia fine per perfezionare il drenaggio. Dopo un mese circa, si può interrare la piantina che si è acquistata nei negozi specializzati del settore o nei vivai.

Continua la lettura
59

Interrare la pianta

Per prima cosa, bisogna scavare una buca un po' più grande del necessario. Si deve estrarre la piantina dal vaso senza farle subire alcun tipo di stress: il procedimento deve essere fatto senza muovere il terriccio e le radici. Si prosegue poi poggiando nella buca e ricoprendo con la terra. Fatto ciò, si deve annaffiare abbondantemente. Se l?alberello è troppo minuto, sottile e gracile, lo si può aiutare con una canna o con un qualsiasi sostegno da aggiungergli accanto, legandolo bene con dello spago o della rafia, ma senza stringere eccessivamente. E? importante seguire le legature fattegli, allargandole o addirittura togliendole col tempo perché, se divengono strozzature, influiscono negativamente sulla crescita del fusto e di conseguenza sull'intera vegetazione.

69

Potatura e coltivazione

I vari interventi di coltivazione, quali la potatura e la concimazione, si devono affrontare con molta cautela perché è un arbusto molto delicato che potrebbe essere attaccato, con molta facilità, da parassiti e da muffe. Per quanto riguarda la concimazione, oltre al trattamento iniziale del terreno, si deve procedere col somministrare alla pianta, in fase di produzione del raccolto, di prodotti ricchi di azoto. La potatura, invece, si fa generalmente a cavallo tra la primavera e l'estate, ma visto che è una vera e propria sofferenza per questo albero, sarebbe bene farla solo se necessaria. Se non si hanno conoscenze in materia, per evitare danni irreparabili sul ciliegio, bisogna rivolgersi necessariamente ad un esperto per fare questa operazione.

79

Terreno pulito

E? bene tenere il terreno dove vive sempre pulito, privo di erbacce che potrebbero portare insetti, funghi e parassiti. Quando diventa adulto, nel mese di giugno e, per alcune varietà, a luglio questo albero donerà delle splendide ciliegie mature dal colore rosso vivo e dalla polpa dura e appetitosa.
Coltivare l'albero di ciliegio richiede tempo e pazienza prima che cresca nella maniera corretta. Se avete deciso di coltivarne uno nel vostro giardino e non sapete bene come fare, non vi preoccupate, vi bastera' seguire i consigli di questa guida per svolgere il lavoro al meglio e far crescere il vostro albero forte e sano. Se avete ancora dei dubbi potrete chiedere consiglio a qualche esperto che vi dia qualche consiglio in merito e vi metta nella giusta direzione per farlo crescere nel migliore dei modi.
Vi auguro quindi buon lavoro e buona fortuna.
Alla prossima.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non cimentatevi nelle potatura se non siete pratici perchè la pianta ne soffrirebbe
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare l'albero di limone

L'albero di limone è una pianta prettamente mediterranea. Il sud dell'Italia, nelle sue coltivazioni, si caratterizza spesso di colorate piante di agrumi. Fra di esse, spicca il giallo dei frutti dell'albero di limone. Ricchi di vitamina C, sono un vero...
Giardinaggio

Come coltivare un albero di albicocco

Le albicocche sono normalmente dei frutti deliziosi, pieni di succo e hanno un sapore delicato. Queste qualità sono ancora più accentuate soprattutto se vengono mangiate direttamente dall'albero, in quanto sono più gustose rispetto a quelle che vengono...
Giardinaggio

Come coltivare un albero di sandalo

Il sandalo è un albero sempreverde. In natura raggiunge anche i 10 metri. Presenta fiori e frutti carnosi. L'albero di sandalo è originario dell'India meridionale, poi diffuso in Australia e via via in tutto il mondo. Conosciuto anche nell'antichità...
Giardinaggio

Come piantare e curare il ciliegio

Il ciliegio è una pianta che siamo abituati a trovare solitamente in campagna, dove produce deliziosi frutti da gustare; la sua bellezza lo rende perfetto anche come albero ornamentale, adatto dunque anche ai giardini di città. Sicuramente non va coltivato...
Giardinaggio

Come coltivare l'albero di ulivo

Per chi possiede un giardino ma anche un angolo verde dalle dimensioni ridotte, coltivare un albero di ulivo può essere la soluzione migliore e quella che, nella maggior parte dei casi, offre le soddisfazioni migliori. L'ulivo è infatti una pianta sempre...
Giardinaggio

Come coltivare un albero di anacardi

L'albero di anacardi è una pianta originaria dei Caraibi e del Brasile nord-orientale, anche se oggi viene coltivato in molte altre zone tropicali del mondo, soprattutto in Africa, in India e nel Sud-Est asiatico. Fa parte della famiglia delle Anacardiaceae,...
Giardinaggio

Come innestare un ciliegio

Il ciliegio è un albero che appartiene alla famiglia delle piante Rosacee. Già lo stesso nome evoca un senso di dolcezza e di romanticismo. Il ciliegio in fiore è infatti uno spettacolo vivente della natura! A volte infatti si usa prevalentemente per...
Giardinaggio

Come coltivare l'albero d'arance

Arance, limoni e mandarini sono tra le piante di agrumi maggiormente coltivate nella nostra penisola e, con i loro innumerevoli ibridi, concorrono a definire il paesaggio mediterraneo delle nostre coste. Coltivare uno di questi esemplari può apparire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.