Come coltivare l'albero di pesche

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sempre più persone preferiscono piantare all'interno del proprio giardino alberi da frutto, così poi da assaporare frutti succosi e profumati maturati al sole. Ma per godere di buoni risultati finali, bisogna partire con il piede giusto, accudendo la pianta in maniera giusta. Vediamo allora qualche consiglio su come coltivare l'albero di pesche.

26

Occorrente

  • acquistare una nuova pianta
  • vanga
  • fertilizzante azotato
  • potatura
36

Quando ci rechiamo ad acquistare la pianta, dovremmo dare al commesso alcune delucidazioni riguardanti il terreno dove andremo a mettere a dimora la pianta, il luogo dove abitiamo e naturalmente la tipologia di frutto che vorremmo raccogliere. Con tutte queste informazioni molto importanti, il venditore saprà consigliarci la varietà giusta per noi. La tipologia d'albero migliore per l'acquisto, è quello con almeno un anno di vita in quanto si riesce ad adattare facilmente alla nuova sistemazione.

46

Dopo circa 6 settimane dalla messa a dimora, concimiamo il terreno utilizzando fertilizzante azotato. In genere le piante da frutto devono essere piantate in primavera, dal secondo anno, verso la metà di aprile, dobbiamo cominciare a potare il nostro albero eliminando qualche centimetro per ogni ramo che troviamo e tutti quelli che sono cresciuti cercando di dare alla pianta una forma "aperta". Questa operazione deve essere eseguita ogni anno, in questa maniera, si stimolerà il nostro pesco ad una maggiore produzione di frutti. Sarebbe inoltre opportuno poter riparare la pianta dagli eventi atmosferici come ad esempio la grandine, utilizzando una rete apposita. Con questo sistema provvederemo inoltre a ripararla dai raggi cocenti del sole di Agosto. Inoltre non dovremo mai concimare la pianta dal momento che i frutti sono in formazione. Dal terzo anno di vita in poi, provvediamo ad eliminare tutti i germogli e i rametti che sono cresciuti al di fuori della forma originale.

Continua la lettura
56

Scegliamo ora la zona dove sistemare la nostra pianta, questa dovrà essere in un luogo soleggiato, con il terreno ben drenato, possibilmente riparato da correnti. Cominciamo con lo scavare la buca, per farlo utilizziamo una vanga e la dimensione del buco dovrà essere di qualche centimetro più grande dell'apparato radicale da mettere a dimora. Una volta che il buco è stato realizzato, sistemiamo esattamente al centro un pochino di terra, in maniera da formare una piccola montagnetta e proprio su questa posizioniamo il nostro alberello. Ricopriamo il tutto facendo attenzione a pigiare la terra attorno alle radici, una volta terminato bagniamo abbondantemente il terreno.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Gli alberi da frutto devono essere piantati a primavera
  • Potati tutti gli anni
  • Sistemati in luoghi soleggiati

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare l’albero di banano

Non è inconsueta la presenza di un albero di banano in un giardino o in un orto della nostra penisola. Infatti questa pianta può crescere vigorosamente, nonostante la si ritenga esclusivamente tropicale. Purché esistano le condizioni necessarie per...
Giardinaggio

Come coltivare un albero di albicocco

Le albicocche sono normalmente dei frutti deliziosi, pieni di succo e hanno un sapore delicato. Queste qualità sono ancora più accentuate soprattutto se vengono mangiate direttamente dall'albero, in quanto sono più gustose rispetto a quelle che vengono...
Giardinaggio

Come coltivare un albero di sandalo

Il sandalo è un albero sempreverde. In natura raggiunge anche i 10 metri. Presenta fiori e frutti carnosi. L'albero di sandalo è originario dell'India meridionale, poi diffuso in Australia e via via in tutto il mondo. Conosciuto anche nell'antichità...
Giardinaggio

Come coltivare l'albero di ulivo

Per chi possiede un giardino ma anche un angolo verde dalle dimensioni ridotte, coltivare un albero di ulivo può essere la soluzione migliore e quella che, nella maggior parte dei casi, offre le soddisfazioni migliori. L'ulivo è infatti una pianta sempre...
Giardinaggio

Come coltivare un albero di anacardi

L'albero di anacardi è una pianta originaria dei Caraibi e del Brasile nord-orientale, anche se oggi viene coltivato in molte altre zone tropicali del mondo, soprattutto in Africa, in India e nel Sud-Est asiatico. Fa parte della famiglia delle Anacardiaceae,...
Giardinaggio

Come coltivare l'albero d'arance

Arance, limoni e mandarini sono tra le piante di agrumi maggiormente coltivate nella nostra penisola e, con i loro innumerevoli ibridi, concorrono a definire il paesaggio mediterraneo delle nostre coste. Coltivare uno di questi esemplari può apparire...
Giardinaggio

Come coltivare l'albero del Paradiso

L'albero del Paradiso, o Ailanto, è originario dell'Asia e fu importato in Europa e negli Stati Uniti nel '700, dove oggi è anche molto diffuso. È una pianta molto forte, che cresce e si diffonde in fretta. Per chi ha voglia di coltivare questo albero,...
Giardinaggio

Come riconoscere e come coltivare l'albero dei fazzoletti

In un giardino quello che fa la differenza, che lo rende particolare, unico e diverso dagli altri, è senza dubbio la presenza di piante rare, inusuali, ma di notevole impatto visivo. Tra le tante varietà di piante particolari c'è l'albero del fazzoletto,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.