Come coltivare l'euphorbia balsamifera

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per prendersi cura di una pianta non occorre solo la passione verso il mondo del giardinaggio. Occorrono infatti anche conoscenze specifiche che servono alla cura e alla coltivazione delle piante. In questa guida ci focalizzeremo principalmente su un pianta davvero molto particolare. Infatti vedremo come poter coltivare l'euphorbia balsamifera senza troppe difficoltà. Basta solo armarsi di tanta pazienza per ottenere comunque di risultati davvero sorprendenti.

25

Contrariamente alle altre piante grasse, questa pianta non riesce a sopportare temperature troppo rigide, ovvero delle temperatura di circa dieci/quindici gradi centigradi. Per di più l'euphorbia balsamifera andrebbe annaffiata in maniera regolare, ma comunque mantenendo una certa moderazione, in modo tale da evitare eventuale ristagni d'acqua. Quindi durante la stagione invernale, le operazioni di innaffiatura vanno notevolmente ridotte. Mentre durante la stagione estiva, quella più calda, e quella primaverile vanno notevolmente incrementate.

35

Un punto importante da tenere in estrema considerazione è l'esposizione al sole della nostra euphorbia balsamifera. Bisogna tener conto conto che quest'ultima ha bisogno di molta luce per poter crescere. Più nel dettaglio essa andrebbe esposta alla luce diretta del sole per almeno 2 o 3 ore quotidianamente. Per quanto riguarda la concimazione bisogna tener conto di un particolare molto importante. L'euphorbia balsamifera non è in grado di assorbire i sali minerali, per cui è di primaria importanza utilizzare un concime che ne sia particolarmente ricco. Nello specifico un concime che presenti una forte presenza di fosforo e potassio. Prima di utilizzarlo sulla pianta è bene bagnare quest'ultima. Solo successivamente è sufficiente sciogliere il concime nell'acqua per poter innaffiare la pianta.

Continua la lettura
45

Il substrato che si può utilizzare, per la coltivazione dell'euphorbia balsamifera, deve essere piuttosto sabbioso e sopratutto misto a della torba. Cosicché abbia un ottimo drenaggio e quindi non produce dei ristagni che potrebbero causare dei problemi alla pianta. La riproduzione dell'euphorbia balsamifera può avvenire in diversi modi. Ovvero per mezzo della germogliazione delle sementi, oppure attraverso il classico taglio per talea. A tal proposito è fondamentale evitare il contato con il liquido che secerne la pianta dopo il taglio. Quest'ultimo infatti è molto urticante e irritante.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per eliminare il liquido irritante dopo il taglio, occorre immergere la talea in acqua calda. Quind lasciarla in essiccazione per una ventina di giorni circa, prima dell'interramento
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare una Stella di Natale

L’Euphorbia Pulcherrima, o Stella di Natale è un arbusto sempreverde originario del Messico che appartiene alla famiglia delle laticifere. Per il suo colore rosso e grazie alle sue infiorescenze è considerata la pianta tipica del periodo natalizio....
Giardinaggio

10 piante grasse da coltivare in casa

Il giardinaggio è un hobby molto frequente e davvero salutare, ma se non si possiede un giardino o un lembo di terra da poter coltivare si può optare per la coltivazione in vaso. Se questa è la vostra idea di giardinaggio allora oggi vi mostreremo...
Giardinaggio

Come prendersi cura della Stella di Natale

La Stella di Natale che in botanica ha il nome di Euphorbia pulcherrima, è originaria del Centro America e precisamente del Messico. Si tratta di un'esemplare che come si evince dal nome stesso, viene molto utilizzata nel periodo di Natale per addobbare...
Giardinaggio

Come far rifiorire una stella di Natale

Le piante, sono ornamenti che abbelliscono: case, giardini, parchi, terrazzi, ognuna con attenzioni differenti per mantenersi sane e fiorite. La stella di natale è una delle piante più conosciute e più regalate nel periodo delle feste natalizie. Come...
Giardinaggio

Come curare le stelle di natale

Della stella di Natale ne sentiamo parlare generalmente nel periodo natalizio. Tuttavia, è una pianta tropicale, che trova le sue origini nel Messico; il suo nome scientifico è Euphorbia pulcherrima e talvolta viene anche denominata Poinsettia. Ovviamente,...
Giardinaggio

5 consigli per curare la stella di natale

La Stella di Natale è una splendida pianta verde il cui nome preciso è quello di Euphorbia pulcherrima. La Stella di Natale è una pianta di tipo tropicale e, pur essendo una classica pianta da acquistare durante la stagione invernale ed, in particolare,...
Bricolage

Come realizzare dei centrotavola con le stelle di natale

Le stelle di Natale sono delle piante decorative che hanno origini messicane. Il nome botanico della pianta è Euphorbia pulcherrima, detta anche Poinsettia, da Joel Robert Poinsett, che nel 1825 la introdusse negli Stati Uniti. Le stelle di Natale fioriscono...
Bricolage

Come realizzare un porta vasi per mini stelle di Natale

La stella di Natale (Euphorbia pulcherrima) è una pianta originaria del Messico, piuttosto diffusa in Europa. I colori delle sue brattee, sono molto variabili, dal rosso brillante al rosso più scuro, dal rosa salmone al giallo pallido e al color crema....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.