Come coltivare la bietola

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Le bietole sono ortaggi ricchi di benefici, contengono una buona quantità di sali minerali e vitamine, hanno poche calorie e sono quasi totalmente prive di grassi; inoltre hanno un effetto lassativo, rinfrescante e sono antianemiche, perciò possono essere inserite tranquillamente nelle diete che necessitano di questi benefici. Le bietole vengono utilizzate in cucina per preparare degli ottimi piatti, non costano tanto in commercio ma come la maggior parte degli alimenti acquistati, anch'esse non potranno darvi la garanzia di essere state coltivate con cura e senza prodotti dannosi aggiunti. Ecco perché il mio consiglio è quello di seguire attentamente questa guida che vi spiegherà come coltivare la bietola con le vostre mani. Se disponete di un piccolo pezzo di terra che potete adibire ad orto, potrete farlo tranquillamente: avrete in questo modo un prodotto biologico che vi servirà per realizzare delle ottime ricette a costo zero.

27

Occorrente

  • Semi di bietola
  • Pezzo di terreno
  • Acqua
37

Innanzitutto dovete preparare prima il terreno smuovendo la terra con una zappa o con una motozappa qualora fosse troppo dura e poi riportando tutto in piano. Fatto ciò, dovete creare dei solchi profondi almeno 10 cm e buttare dentro ogni buco una manciata di semi mantenendo una distanza tra l'uno e l'altro di almeno cinquanta centimetri. Gli ortaggi dovranno avere lo spazio di crescere ed aprirsi liberamente ricevendo così tutta l'aria di cui hanno bisogno.

47

Con un annaffiatoio o con una pompa distribuite l'acqua due volte al giorno, mattina e sera, sopra il terreno senza esagerare: quando spunteranno le bietole, gettate l'acqua intorno e mai sopra le foglie. Quando piove sapete di dover limitare quest'operazione al minimo indispensabile, ma d'estate avrete raramente questo problema. Il suolo dev'essere sempre pulito, dovete eliminare qualsiasi erbetta cresca qua e là: una volta al mese smuovete la terra in modo da far prendere aria.

Continua la lettura
57

In pochi mesi le vostre verdure saranno pronte per essere tagliate. Quelli di marzo e aprile sono giusti per la semina, proprio quando il tempo si fa bello col clima primaverile. Nell'irrigare state attenti che non si formino dei ristagni che farebbero marcire le piantine; se volete essere più sicuri, potete sistemare anche un impianto a goccia che collegato ad un rubinetto, vi permette di distribuire sempre la stessa quantità d'acqua: vi basta aprire alla medesima intensità e durata ogni giorno, non sarà difficile! Buona coltivazione!

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare le verdure idroponiche

Il termine "idroponico" si riferisce a speciali coltivazioni delle piante con un sistema di immersione delle loro radici in liquidi composti da acqua e sali nutritivi. Si è cominciato ad usare la denominazione di "coltivazione idroponica" a metà del...
Giardinaggio

I 10 ortaggi più facili da coltivare nell’orto di casa

Coltivare ortaggi nell'orto di casa oggi è divenuta una realtà molto frequente, paragonabile quasi ad una moda. Molti sono gli ortaggi a nostra disposizione, ma alcuni di questi richiedono lavorazioni e conoscenze approfondite in materia. Altri invece...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.