Come coltivare la bocca di leone

Tramite: O2O 26/07/2017
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Esistono piante, nei nostri giardini o terrazzi, che ad un dato momento si installano da sé. Può essere un seme portato con la terra o con il vento, o una pianta regalata, o il capriccio di un'unica stagione in cui si è deciso di seminare questa pianta. Proprio da quel momento diventa un ospite fisso, modificando il disegno ed i colori del giardino. Questo è ciò che accade con l'Antirrhinum, conosciuto con il nome di "bocca di leone". È uno di quei fiori che vegeta un po' dappertutto: lo si vede crescere rigoglioso persino in un pugno di pietrisco, arrampicato sopra i muri e rovine dove pochi altri fiori resisterebbero. All'interno di questa guida, spiegherò come coltivare la bocca di leone.

28

Occorrente

  • Clima mite
  • Terriccio ben drenato
  • Ottima esposizione al sole
38

Scegliere un terreno che non sia argilloso

Ad eccezione dei terreni acquitrinosi o troppo argillosi, dove non prospera, la bocca di leone cresce davvero ovunque, a patto che al terreno non manchi una buona percentuale di calcio. Cresce dunque bene nei luoghi sassosi e sempre in esposizione calda e soleggiata. Se si ha un terreno troppo acido, è utile correggerlo con un poco di calcinaccio vecchio.

48

Innaffiare la pianta quotidianamente

La bocca di leone ha un grande nemico, la ruggine, che quando attacca non perdona: comunque oggi, in commercio, si trovano varietà immuni, inattaccabili da questa malattia. E qualora le vostre piante si ammalassero di ruggine, una spruzzata di anticrittogamico, e anche di solfato di rame, risolverà. Se si coltiva in vaso, la bocca di leone va innaffiata quotidianamente (se il tempo si mantiene bello).

Continua la lettura
58

Seminare nel mese di agosto

Per quanto riguarda la semina, in climi rigidi, è utile seminare molto per tempo, magari sottovetro, a febbraio, per esempio. Nelle zone a clima mite, è opportuno seminare in agosto o settembre: nella primavera seguente si avrà una fioritura molto precoce. Converrà comunque seminare anche a primavera ed a scaglioni. Spesso, la bocca di leone si riproduce spontaneamente per mezzo dei semi caduti. I semi non vanno mai piantati troppo profondamente meglio non ricoprirli affatto piuttosto che esagerare nel senso contrario. Si picchiettano poi le piante in vasi piccoli o cassette e si pongono a dimora, ad una distanza di 50 cm.

68

Eseguire la moltiplicazione per talea

La bocca di leone si può anche moltiplicare agevolmente per divisione o talea. Come per altre piante, il colore del fusto e delle foglie può dare un'indicazione sul colore che avranno i fiori: quando le foglie ed i fusti sono verde chiaro o "biondi", si avranno quasi sempre fiori bianchi o a fondo bianco; le piante che producono invece fiori di colore carico o scuro, avranno foglie e fusti verde scuro o rossastri.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come liberare il prato dal dente di leone

Le erbe infestanti che invadono i manti erbosi sono molte e possono essere distinte in 2 categorie principali: quelle a foglia stretta o graminacee e quelle a foglia larga, tipologia cui appartiene il tarassaco o dente di leone. Le malerbe danno al prato...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come Coltivare Il Sommacco

Ecco un articolo, che sarà molto apprezzato da tutti quei lettori, che hanno il pollice verde e quindi amano le piante, i fiori e tutto ciò che ha a che fare con questo mondo. Nello specifico cercheremo di analizzare per bene e nei minimi dettagli,...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come coltivare una palma

La palma è una pianta ornamentale e ha un valore estetico inestimabile. Questo esemplare appartiene alla famiglia delle Arecaceae e si distingue per il suo particolare portamento. Coltivare una palma è davvero molto semplice e bastano pochi accorgimenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.