Come coltivare la calendula in giardino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La calendula è un fiore dai colori molto delicati: coltivarla nel proprio giardino può contribuire ad abbellire questo spazio verde in maniera raffinata ed allegra. Far nascere e crescere una graziosa piantina di calendula è molto semplice e non richiede competenze particolari. In questa guida vogliamo dunque illustrarvi come coltivare la calendula in giardino in un modo molto semplice ed efficace. Vedrete che il risultato sarà in grado di darvi ottime soddisfazioni e il vostro giardino rifiorirà a nuova vita.

26

Occorrente

  • Semi di calendula, terriccio, sabbia, fogli di plastica, concime, vasi.
36

Iniziate dunque a coltivare la vostra calendula, seguendo le tappe che vi illustreremo qui di seguito. Se desiderate fare la semina all'interno di un vaso, la pianta va trattata nel periodo primaverile. Per formare il giusto terreno all'interno del vaso, vi occorreranno del terriccio fertile e un po' di sabbia. Procuratevi poi dei semi di calendula e interrateli sotto al terreno. Ricordate che i semi dovranno essere collocati abbastanza in profondità, quindi per sistemarli adeguatamente utilizzate un pezzo di legno per spingerli più in profondità. Bagnate poi il terreno in modo il più possibile omogeneo e coprite il vaso con della plastica. La copertura sarà necessaria per mantenere la corretta temperatura all'interno del vaso. Sistemate poi il vaso con i semi di calendula in un luogo ombreggiato del giardino e che non sia troppo caldo.

46

Ora dovrete pensare al concime: usate sempre un fertilizzante che sia stato precedentemente diluito con dell'acqua. Dopo pochi giorni, inizieranno a germogliare le prime piantine di calendula. Arricchite il terreno con dell'altro concime che abbia come elementi l'azoto, il fosforo, il potassio. Leggete pertanto con estrema attenzione le indicazioni contenute sull'etichetta del concime. Tali elementi costitutivi del concime sono importantissimi per garantire una corretta ed armonica crescita della calendula.

Continua la lettura
56

Nel momento in cui i semi inizieranno a germogliare, potrete togliere la plastica sistemata sui vasi. Poi spostate i vasi della calendula in un luogo leggermente più luminoso, ma mai in pieno sole. Attendete ancora un paio di settimane e, quando le piante di calendula saranno piuttosto grandi, effettuate un trapianto e collocatele in vasi singoli. L'effetto visivo sarà ancora più accattivante. A questo punto, per almeno 4 o 5 mesi, potrete ammirare all'interno del vostro giardino queste meravigliose piante dai colori davvero particolari e delicati.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando coltivate la calendula, sistemate i suoi vasi in una zona ombreggiata del giardino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare la calendula in piena terra

Finalmente è arrivata la primavera e con essa le belle giornate che ci permettono di stare in giardino fino a tarda sera per dedicarci alle nostre amate piante. Avete già eliminato le erbacce e sistemato i vostri vasetti e ora state pensando di aggiungere...
Giardinaggio

Come propagare la calendula

Sia che si tratti di fiori gialli, arancioni o rossastri, la calendula è una delle piante più essenziali da coltivare nel proprio giardino. Le teste aromatiche di questi fiori primaverili, infatti, possono essere raccolte e trasformate in oli e sali...
Giardinaggio

Come coltivare il bambù nel proprio giardino

Il bambù è una pianta originaria delle zone tropicali e sub-tropicali, soprattutto dell'estremo oriente. Se ne conoscono molteplici specie; è proprio per questo che la sua altezza può variare da pochi centimetri, fino ad arrivare ad altezze imponenti....
Giardinaggio

Come coltivare un melo in giardino

La mela è uno dei frutti più apprezzati e che può essere consumato per tutto l'anno. Decidere di coltivare un melo nel proprio giardino significa poter mangiare frutti sani e deliziosi, nonché mettere alla prova il proprio pollice verde. Nella seguente...
Giardinaggio

5 ortaggi da poter coltivare senza fatica in giardino

Ci sono diversi ortaggi da poter coltivare in una parte del giardino, tutti gustosi e quindi ottimi per preparare deliziose pietanze, non tutti però sono semplici da coltivare, in quanto diversi di essi richiedono tempo e fatica, nonché il mantenere...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare aglio in casa o in giardino

Coltivare in casa qualsiasi prodotto è la migliore delle scelte. Potrete infatti risparmiare sulla spesa ma, soprattutto, saprete che quel prodotto è buono e privo di concimi chimici. Nella seguente guida vedremo come coltivare aglio in casa o in giardino....
Giardinaggio

Come coltivare agrumi sul terrazzo o in giardino

Originari dell'India e dell'Estremo Oriente, gli agrumi sono oggi ampiamente coltivati in tutta la fascia subtropicale del mondo. Attraverso piccole cure sarà possibile coltivare facilmente gli agrumi, sia sul terrazzo di casa che in giardino, dove,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.