Come coltivare la ceropegia woodii

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La coltivazione delle piante è un compito abbastanza delicato, che richiede almeno un minimo di conoscenza in materia. Non tutte le piante presentano lo stesso metodo di coltivazione e non tutte hanno bisogno delle stesse accortezze. Alcune piante hanno bisogno di un terreno fertilizzato, altre di maggiore terriccio o di ghiaia. Ci sono piante che necessitano della luce diretta solare, altre che devono stare all'ombra e altre ancora in penombra. In questa guida sarà illustrato come coltivare la ceropegia woodii. Ecco dunque come procedere.

25

Occorrente

  • Una piantina di ceropegia
  • Vaso di coccio
35

La posizione ideale

La Ceropegia Woodii si presenta con dei fusti lunghi e sottili e con delle foglie larghe e carnose. I suoi fiori sono veramente molto particolari e sono caratterizzati dall'avere una forma a calice e un colore viola tendente al nero. Inoltre, la pianta presenta un portamento cadente, quindi è importante, innanzitutto, riuscire a trovare un supporto ideale per poterla far crescere in lunghezza. Un vaso su piedistallo è risulta essere particolarmente indicato per questo scopo. La Ceropegia Woodii ama tantissimo la luce e le consente di crescere in modo ottimale, tuttavia non gradisce il sole diretto, soprattutto durante l'estate e per troppe ore consecutive. La posizione ideale per sistemarla in casa è davanti a una finestra con la luce filtrata da una tenda, o comunque con sole diretto per non più di due ore. Nel periodo primaverile/estivo è anche possibile portarla all'esterno, avendo sempre cura di scegliere un posto che sia il più possibile ombreggiato.

45

Le temperature

Le temperature casalinghe sono davvero ottimali per questa pianta e, per tale motivo essa è adatta a vivere all'interno delle nostre case. Teme, invece, le temperature invernali, che non devono scendere mai al di sotto dei 10 gradi centigradi, pena, la morte della pianta. Il fabbisogno idrico della Ceropegia Woodii è molto scarso. Sarà necessario, infatti, annaffiarla con parsimonia nel periodo estivo, aggiungendo ogni 3-4 settimane del fertilizzante, specifico per piante succulente, all'acqua delle annaffiature.

Continua la lettura
55

Il rinvaso

Il rinvaso di questa pianta può essere effettuato ogni 2/3 anni, andando a utilizzare del terriccio per cactacee. Se la pianta non è cresciuta molto in radici, è possibile addirittura tenere il vecchio vaso e cambiare solamente il substrato, che nel tempo può andare incontro a deterioramento. Durante il rinvaso, inoltre, è possibile anche approfittarne per andare a moltiplicare la pianta tramite suddivisione delle talee.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come separare le piantine per il rinvaso

Il giardinaggio è un'attività che può dare molta soddisfazione sotto tutti i punti di vista, Nel ciclo vitale delle piante capita di doversi cimentare nella separazione delle piante attraverso i vari metodi di moltiplicazione. Esistono differenti...
Giardinaggio

Come rinvasare le orchidee

Le piante, la cui presenza riesce a rinnovare e rallegrare ogni ambiente, non sono soltanto piacevoli elementi di arredo, ma soprattutto esseri viventi che rispondono in modo positivo alle cure ricevute con uno sviluppo rigoglioso ed un sempre più gradevole...
Giardinaggio

Come utilizzare lo sfagno nei rinvasi

Lo sfagno (nome scientifico Sphagnum) è una varietà di muschio con la caratteristica di essere particolarmente leggero e permeabile. Allo stato naturale non possiede radici, ma soltanto dei filamenti bruni, un piccolo fusto, e foglioline verde chiaro....
Giardinaggio

Come travasare una pianta di limone

Curare un giardino è un hobby interessante ed anche rilassante, anche se non tutti ne possiedono uno. Coloro che non dispongono dello spazio necessario per un giardino ma possiedono un certo pollice verde, possono optare per delle piante da balcone....
Giardinaggio

Come coltivare la passiflora caerulea

La passiflora caerulea, conosciuto come passiflora blu, è una pianta estremamente bella e rapida nella crescita e bella. È caratterizzata da fiori con diametro di circa 10 cm fiori con petali bianchi e filamenti blu. È molto popolare gli amanti del...
Giardinaggio

Come rinvasare la lavanda

Se amate i profumi, i detersivi ed altri articoli simpatici al profumo di lavanda, potrebbe venirvi anche voglia di avere delle piante in casa di cui prendervi cura. La lavanda è una pianta rustica che si adatta a diversi climi e in Italia meridionale...
Giardinaggio

Come trapiantare un bonsai

Il rinvaso di un bonsai è un' operazione molto delicata che va eseguita più volte nell'arco della vita di un bonsai. Di solito, viene fatta in primavera, alla ripresa vegetativa, oppure in autunno, al momento della pausa vegetativa e quando la pianta...
Giardinaggio

Come mantenere in casa una dieffenbachia

Gli amanti delle piante da interno sanno quanta cura e quante attenzioni occorrano per tenere in casa un po' di verde senza farlo soffrire ma, scegliendo la pianta giusta, tutti possono godere di un angolo vegetativo evitando troppi sforzi. Nonostante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.