Come coltivare la lophophora williamsii

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

La lophophora williamsii è una pianta succulenta appartenente al genere delle Cactacee. Meglio conosciuta come Peyote, si presenta come una specie di cactus verde che nasce spontaneo al confine tra gli Stati Uniti e il Messico. La pianta contiene uno dei più potenti allucinogeni esistenti in natura. I Nativi americani la usavano come farmaco, per curare i problemi della pelle e alleviare dolori di varia natura. In Italia detenere il Peyote è illegale in quanto il suo principio attivo, la mescalina, è considerato a tutti gli effetti una sostanza stupefacente. La pianta, in sé, è comunque bellissima, soprattutto quando produce i suoi meravigliosi fiori rosa. Vediamo dunque come coltivare la lophophora williamsii in ambiente domestico, come pianta ornamentale.

28

Occorrente

  • Riconoscere la Lophophora williamsii per distinguere i semi da altri cactus e capire i rischi che si corrono nel coltivarla
  • Vaso ampio e profondo
  • Innaffiature frequenti d'estate
  • Terriccio bilanciato, lapillo e sabbia
38

Come iniziare la coltivazione

Per iniziare a coltivare la lophophora williamsii è necessario procurarsi il materiale da utilizzare. In internet sono facilmente reperibili semi e terriccio, che si possono vendere e comprare legalmente in quanto non contengono ancora il principio attivo. Tra gli altri cactus della stessa famiglia ci sono la Torcia Peruviana e il San Pedro, che si può decidere di coltivare insieme alla lophophora per formare una composizione di cactacee. La lophophora williamsii è una pianta a forma piatta che cresce molto lentamente. Intorno al 1896 il chimico tedesco Heffter isolò l'alcaloide psichedelico, che quindi è ben conosciuto e studiato da anni.

48

Come procedere con la coltivazione

Una volta interrati i semi, per coltivare la lophophora williamsii è sufficiente bagnare il terriccio con molta parsimonia e porre il vaso in luogo tiepido e molto luminoso, ma senza che il sole colpisca direttamente la pianta. Una volta che il Peyote inizierà a spuntare, si dovrà somministrare del concime specifico per cactacee. Potremo coltivare la nostra lophophora fino a quando non vedremo comparire sulle spine della lanugine. Si verifica, più o meno, tra gli otto e i dieci anni di vita. Da questo momento diventa illegale possedere la pianta, per via della produzione del principio attivo. Informiamoci sempre circa le norme giuridiche che regolano queste coltivazioni.

Continua la lettura
58

Come coltivare la pianta adulta

È opportuno iniziare a coltivare la lophophora williamsii in primavera o all'inizio dell'estate. Meglio usare un vaso robusto e profondo con terriccio bilanciato, lapillo o sabbia. Il Peyote ama le zone luminose ma non i raggi diretti del sole 24 ore su 24. Va annaffiato poco e spesso durante la stagione calda, facendo attenzione ai ristagni d'acqua, che questa pianta non ama. Anche se è meglio mantenere piuttosto asciutto il terreno, è necessario fare attenzione ai periodi di siccità, cercando di somministrare con regolarità piccole quantità d'acqua. La nostra pianta resiste bene al freddo invernale, ma se la temperatura scende al di sotto dei 4 gradi è opportuno porla in serra fredda, con temperatura compresa tra i 6 e gli 8 gradi. Durante l'inverno è opportuno sospendere le annaffiature. Nella stagione fredda il Peyote può tranquillamente essere tenuto in casa, avendo cura, in questo caso, di somministrare una tazzina d'acqua ogni 15 giorni. La lophophora williamsii soffre principalmente di cocciniglia e può essere colpita dalle patologie fungine.

68

Come eradicare le malattie della pianta

La prima è un parassita farinoso che colpisce molte piante. Ci rendiamo conto della sua presenza quando le foglie perdono colore e vivacità. Se il problema è all'inizio bastano alcool e cotton fioc per cacciare il nemico. Ma in questo modo, per rimuovere le uova, ci vuole una pazienza infinita! Tuttavia, prima di passare ad un insetticida, insistiamo con un energico getto d'acqua miscelata ad alcool denaturato. Dopodiché, con un pennello, passiamo sulla pianta del sapone da bucato. Per le malattie fungine basta spruzzare sulla lophophora williamsii una miscela di olio minerale e sostanze antifungine non appena si riscontrano i primi sintomi di infestazione. Per salvare i nostri vegetali serve attenzione e dedizione.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Evitate di esporre la pianta ai raggi diretti del sole
  • Non appena vedete segni di cocciniglia o patologie fungine intervenite subito per evitare che la malattia si espanda e faccia morire la pianta
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come coltivare una palma

La palma è una pianta ornamentale e ha un valore estetico inestimabile. Questo esemplare appartiene alla famiglia delle Arecaceae e si distingue per il suo particolare portamento. Coltivare una palma è davvero molto semplice e bastano pochi accorgimenti...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare la gardenia

La Gardenia è una pianta delicata e profumata. La si può coltivare sia in giardino sia come pianta da vaso. Per coltivare e curare la gardenia, una varietà di pianta molto delicata e piacevolmente profumata, vi consiglio di seguire con attenzione...
Giardinaggio

5 ortaggi da poter coltivare senza fatica in giardino

Ci sono diversi ortaggi da poter coltivare in una parte del giardino, tutti gustosi e quindi ottimi per preparare deliziose pietanze, non tutti però sono semplici da coltivare, in quanto diversi di essi richiedono tempo e fatica, nonché il mantenere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.