Come coltivare la luffa o spugna vegetale

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La luffa è una pianta molto particolare che produce un frutto dal quale si ricava una spugna. Basterà piantare il seme di un tipo di zucchina per ottenere spugne vegetali, del tutto naturali. La pianta appartiene alla famiglia delle cucurbitacee, proviene dall'Asia ed è particolarmente conosciuta e coltivata in Oriente. Produce un frutto molto simile al cetriolo e, a maturazione avvenuta, la polpa diventa elastica e solida proprio come una spugna naturale. Nella seguente guida, passo dopo passo, vi forniremo dei consigli su come coltivare la luffa o spugna vegetale.

26

Semina

La luffa è una pianta che si sviluppa molto e produce grandi frutti pertanto richiede molta materia organica. È necessario quindi predisporre una buona concimazione, aggiungendo del compost maturo. È bene optare per zone soleggiate dal momento che la luffa non ama il freddo. La semina avviene in genere in primavera: si può seminare in vasetti, piantando i semi nei piccoli fori realizzati con le dita e trapiantando poi tra aprile e maggio. Per facilitare la germinazione, si consiglia di lasciare i semi in ammollo per 12 ore. È bene inoltre tenere le piante di luffa a circa 50 cm di distanza le une dalle altre.

36

Costruzione dei sostegni e innaffiatura

Dal momento che la luffa è una pianta rampicante, occorre un sostegno su cui si posso arrampicare. A tal fine è possibile utilizzare una rete, l'importante che il sostengo sia molto resistente dato che i frutti che formeranno sono piuttosto pesanti. Per lo sviluppo della pianta è inoltre essenziale l'innaffiatura: non dimenticate quindi di bagnare la luffa, il terreno deve rimanere quasi costantemente umido. Per fare ciò è bene aiutarsi con la pacciamatura a base di paglia, corteccia e qualche altro materiale organico. Quando la pianta comincerà ad espandersi, potrebbe essere necessario del nutrimento ulteriore, quale del concime biologico da spargere intorno alla luffa.

Continua la lettura
46

Raccolta ed utilizzo

Il frutto della luffa va fatto maturare sulla pianta; ciò avviene in genere dopo 5 o 6 mesi quando la buccia passa da verde a marrone. A questo punto si raccoglie e si lascia seccare per qualche giorno, poi si elimina la buccia. Una volta staccata la parte esterna, bisognerà pulire la parte interna schiacciandola più volte così da far uscire i residui di polpa e i semi, da utilizzare per la semina dell'anno successivo. Il risultato sarà una spugna, tagliata delle dimensione che desideriamo, ipoallergenica, naturale ed ecologica da utilizzare per la pulizia del corpo o della casa.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare i cactus

I cactus si annoverano fra le piante grasse o succulente. Infatti, essendo tipici delle aree desertiche e semi desertiche, sono in grado di immagazzinare dell'acqua. Questa viene trattenuta e poi rilasciata nei loro tessuti per poter sopravvivere ai lunghi...
Giardinaggio

Come coltivare l' Aechmea Fasciata

La natura ci ha regalato delle cose bellissime, piante, alberi, fiori, che abitano il nostro pianeta, arricchendolo di colori e profumi. Molti sono gli appassionati che ogni giorno studiano le piante e che ne conoscono tutte le specie e le caratteristiche....
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare il cavolo di Bruxelles

I cavoletti di Bruxelles sono i germogli ascellari dalla forma globulare di una varietà di Brassicacea che appartengono alla famiglia dei cavoli, ovvero alla parte edule della pianta: essi crescono alla base delle foglie principali e sono composte da...
Giardinaggio

Come coltivare le fave nell'orto

In alcune zone della Sicilia novembre è il periodo giusto in cui si piantano le fave, mentre nelle zone settentrionali bisogna aspettare la fine dell'inverno. Questo vegetale si adatta con facilità a tutti i tipi di terreni, purché non si presentino...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

6 cose da sapere per coltivare le erbe aromatiche in vaso

Le erbe aromatiche sono tra le piante più utili in cucina, perché in grado, anche da sole, di dare un gusto più raffinato alla pietanza. Si tratta di piantine non troppo grandi che si possono coltivare facilmente anche in vaso, adatte quindi anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.