Come coltivare la melaleuca ericifolia

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La Melaleuca Ericifolia è un pianta di origine australiano-asiatica appartenente alla famiglia delle Mirtacee, diffusa soprattutto in Australia, Malesia, Indonesia, Nuova Caledonia e Nuova Guinea. Essa comprende circa 200 specie e il suo nome (mélas=nero e leukòs=bianco) deriva dal fatto che il tronco e i rami vecchi sono neri, o molto scuri, mentre i rametti nuovi sono bianchi. Con questa guida, attraverso pochi e semplici passaggi, andremo a illustrarvi come coltivare la Melaleuca Ericifolia, fornendovi tutte le informazioni necessarie affinché possiate far crescere questa pianta nel miglior modo possibile. Vediamo quindi in che modo bisogna procedere.

26

Occorrente

  • Acqua
  • Ammendante organico
  • Humus
  • Stallatico
  • Concime granulare
36

Come prima cosa è bene sapere che la Melaleuca Ericifolia è composta da degli arbusti e piccoli alberelli che, una volta cresciuti, raggiungeranno i 2-3 metri di altezza, ovvero quella che è la dimensione di un albero comune. È caratterizzata dalla presenza di fiori davvero particolari e molto belli, simili a delle spazzole che presentano dei lunghi ciuffi di stami riccamente colorati. Quanto al colore, sia dei fiori che degli stami, bisogna dire che esso varia a seconda della specie. Per quanto riguarda la coltivazione di questa pianta, partiamo dalla sua esposizione, in quanto risulta essere il fattore determinante per una crescita sana e rigogliosa. Per prevenire i danni dovuti principalmente al freddo, durante i mesi con temperature minime decisamente rigide, possiamo proteggere gli arbusti ricoprendo il terreno attorno con della paglia o con delle foglie secche. Ad ogni modo, è bene precisare che questa pianta non teme il freddo durante la stagione invernale, quindi può anche essere coltivata all'aperto, magari in luogo luminoso con la luce diretta del sole.

46

Se desideriamo coltivare questa pianta in vaso, sarà necessario innaffiarla molto più frequentemente rispetto alle altre piante che, invece, vengono piantate in piena terra. Inoltre, ogni due o tre anni sarà necessario rinnovare il substrato contenuto nel vaso o arricchirlo con dell'ammendante organico. Bisognerà innaffiarla solo sporadicamente, circa una volta ogni due o tre settimane, con uno o due secchi d'acqua, lasciando il terreno asciutto per un paio di giorni prima di ripetere l'annaffiatura; quando annaffiate, il consiglio è quello di evitare gli eccessi, ma di bagnare per bene in profondità il terreno, altrimenti rischierete di far marcire quest'ultimo.

Continua la lettura
56

Gli arbusti, durante il periodo primaverile, sviluppano dei nuovi germogli e preparano i fiori. Ricordiamo, quindi, di fornire già alla fine dell'inverno una buone dose di humus o di stallatico maturo, oppure, in alternativa, del concime granulare a lenta cessione, che dovrà essere aggiunto al terreno ai piedi delle piante. Durante la primavera possiamo inoltre scegliere un concime ricco di azoto e potassio, da mescolare all'acqua delle annaffiature, ogni venti o venticinque giorni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come coltivare una palma

La palma è una pianta ornamentale e ha un valore estetico inestimabile. Questo esemplare appartiene alla famiglia delle Arecaceae e si distingue per il suo particolare portamento. Coltivare una palma è davvero molto semplice e bastano pochi accorgimenti...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare la gardenia

La Gardenia è una pianta delicata e profumata. La si può coltivare sia in giardino sia come pianta da vaso. Per coltivare e curare la gardenia, una varietà di pianta molto delicata e piacevolmente profumata, vi consiglio di seguire con attenzione...
Giardinaggio

5 ortaggi da poter coltivare senza fatica in giardino

Ci sono diversi ortaggi da poter coltivare in una parte del giardino, tutti gustosi e quindi ottimi per preparare deliziose pietanze, non tutti però sono semplici da coltivare, in quanto diversi di essi richiedono tempo e fatica, nonché il mantenere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.