Come coltivare la mina lobata

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La mina lobata è una pianta annuale coltivata prevalentemente in Italia. La sua caratteristica principale, è quella di essere una rampicante di grande sviluppo, particolarmente adatta a ricoprire recinzioni, steccati e pergolati, poiché raggiunge un'altezza massima di 5-6 metri. Per trovare una somiglianza con un'altra pianta, la possiamo definire simile all'edera. Rispetto a quest'ultima, però, la mina lobata è molto più colorata (le sue foglie, infatti, assumono colori caldi come il rosso, il giallo e l'arancione) e vigorosa. In questa guida, vi spiegherò come coltivare la mina lobata nella maniera corretta.

26

Occorrente

  • Semi di mina lobata
  • Vasetti di torba
  • Terriccio e sabbia
  • Annaffiatoio
36

Anzitutto, la mina lobata è una pianta perenne, appartenente alla famiglia delle Convolvulaceae. La sua caratteristica principale (come già accennato in precedenza) è data dai boccioli, che sono di un colore rosso fuoco, mentre quando si schiudono, diventano di un colore arancione con l'apertura finale di corolle gialle e bianche. Per coltivare la mina lobata, recatevi presso un vivaio ed acquistate i semi (granulari). Il seme, richiede circa tre settimane per germogliare, quindi dovrete tenerlo immerso in una ciotola di acqua a temperatura ambiente per circa 10-15 ore, in modo da ammorbidirlo prima di interrarlo.

46

Successivamente, potrete seminare i granuli in piccoli vasetti per lo più composti da torba compressa, interrando due o tre semi per ciascun vasetto. Va sottolineato che il periodo di semina è in primavera (in particolare, nei mesi iniziali della stagione primaverile, vale a dire marzo/aprile), mentre il periodo di fioritura è la stagione estiva. In seguito, dovrete tenere i vasi in un locale luminoso, fin quando non si svilupperà la piantina e questa raggiungerà un'altezza di 15-18 centimetri. Potrete trapiantare la mina lobata in piena terra o in vasi grandi, per farla correre ed arrampicare lungo tralicci di legno e graticole di plastica opportunamente fissate.

Continua la lettura
56

Oltre a ciò, il terreno dovrà essere ricco di sali minerali con l'aggiunta di terra di bosco e sabbia. Queste piante, fioriscono nei mesi che vanno da luglio a settembre, ed è per questo che, essendo periodi molto caldi, bisognerà ogni mese utilizzare concimi fertilizzanti liquidi e solubili, annaffiarli con frequenza e, di tanto in tanto, rimuovere il terreno per favorirne un buon sviluppo. A questo punto, sperando che questa guida vi sia stata d'aiuto per capire come coltivare la mina lobata e avervi fatto venire voglia di correre ad acquistarla, vi auguro una buona coltivazione!

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare i germogli sul balcone

Sentite di avere il pollice verde ma vi manca lo spazio per coltivare i vostri germogli? Non abbiate timore: non dovrete mai più rinunciare alla vostra passione. Anche in spazi ristretti è possibile coltivare le sementi ed i germogli che più vi aggradano,...
Giardinaggio

Come coltivare l'orto

Se vogliamo mangiare sano, senza spendere molto per costosissimi prodotti coltivati biologicamente, la soluzione ottimale è quella di coltivarci da soli un bell'orto pieno di verdure. Anche se non possediamo il classico pollice verde, non preoccupiamoci,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare la gardenia

La Gardenia è una pianta delicata e profumata. La si può coltivare sia in giardino sia come pianta da vaso. Per coltivare e curare la gardenia, una varietà di pianta molto delicata e piacevolmente profumata, vi consiglio di seguire con attenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.