Come coltivare la ninfea

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La ninfea è una delle più conosciute piante acquatiche. Bella e molto prolifera si può coltivare semplicemente seguendo alcuni accorgimenti che vi verranno forniti in questa guida. Vista la fioritura molto ricca e le foglie gradi e bellissime dal color verde smeraldo è un'ottima idea per decorare i piccoli laghetti (o in generale specchi d'acqua) presenti nel vostro giardino. Nel testo a seguire vedrete come coltivare questa splendida specie e come mantenerla bella ed in vita anche durante i mesi freddi.

24

Questa pianta, in particolare, necessita di acqua e molto sole per cui è importante, al fine di coltivarla al meglio, che scegliate il laghetto, od uno stagno, che abbia queste caratteristiche e sia ben esposto al sole. Per prima cosa munitevi di un comune vaso per fiori (se non lo avete potete scegliere di utilizzare una cassetta, quelle della frutta, bucherellata). Posizionatevi sul fondo un foglio di plastica isolante.
La ninfea dovrà essere inserita nell'acqua con tutto il vaso per cui dovrete prestare attenzione alla scelta del terreno. La vostra preferenza dovrà ricadere su un terreno di natura argillosa e non porosa (altrimenti galleggerebbe e sporcherebbe l'acqua). Non preferite nemmeno la terra "normale" che essendo formata da grani fin troppo sottili si disperderebbe. Per aiutarvi nel compito di tenere la base argillosa perfettamente salda al vaso aiutatevi mescolandola con della sabbia che renderà il tutto più pesante.

34

Ricreate un buco dove andrete a posizionare il rizoma (si tratta delle radici). Premete il terriccio con le mani per dargli compattezza e ricordatevi che il rizoma andrà posizionato parzialmente all'esterno del terreno, di circa un paio di centimetri (sarà qui che spunteranno le nuove foglioline). Se il lago che scegliete per la vostra ninfea è artificiale sarà più semplice controllarne passo a passo la crescita. La quantità d'acqua che la vostra superficie dovrà contenere varia al cambiare della specie di ninfea. Per quella tropicale ne saranno necessari circa una ventina di centimetri mentre ne occorre circa mezzo metro per quella rustica.
Il vaso va calato nell'acqua in modo lento. Ora dovrete attendere che questa cresca.

Continua la lettura
44

Se acquistate una pianta di ninfea che è già stata posizionata nel proprio vaso vi sarà sufficiente immergerla nel vostro specchio d'acqua. Potrebbe essere necessario cambiarle il vaso nel momento in cui vi rendete conto che il terreno deve essere sostituito con una tipologia di questo meno friabile.
Quando questa pianta sarà al massimo della sua fioritura occuperà uno spazio moderatamente grande (all'incirca due metri quadri), è un fattore da tenere in considerazione quando andrete ad immergere la vostra pianta. Il miglior periodo per coltivarla è quello primaverile; i mesi preferiti risultano essere, infatti, aprile e maggio. In caso voi decideste di fare quest'operazione in settembre vedrete i primi fiori l'anno successivo. Nel periodo invernale la ninfea va protetta da possibili gelate, dal vento e dalle grandinate. Anche nel periodo estivo dovrete adottare degli accorgimenti come mantenere il corretto livello dell'acqua.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come costruire un fiore di ninfea con l'origami

Gli origami sono delle belle riproduzioni in scala ridotta e costruite con la carta che rappresentano diverse figure. Sono molto famose in Giappone, ma è una tecnica che è stata importata anche in diversi altri paesi. Mediante la tecnica degli origami...
Altri Hobby

Come creare una bomboniera con foglia di ninfea

Per celebrare eventi importanti non c'è nulla di meglio che farlo regalando delle bomboniere. Le bomboniere possono essere usate per le comunioni, i matrimoni, le feste di laurea e molte altre ricorrenze più o meno importanti. In commercio ne esistono...
Giardinaggio

10 piante da inserire in un giardino con laghetto

Avere un giardino ben curato è un lusso che pochi di noi possono permettersi. Tuttavia, se si ha la possibilità di farlo, è preferibile arricchire il proprio giardino con delle piante idonee. A maggior ragione se all'interno vi è un grazioso laghetto....
Giardinaggio

10 piante acquatiche ideali per il giardino

Se avete la fortuna di possedere un giardino, allora vi sarete certamente resi conto che la presenza di una piccola fonte d'acqua, contribuirà a creare un'atmosfera ancora più rilassata all'interno della vostra oasi verde. Ma le piante acquatiche non...
Giardinaggio

Come Moltiplicare Le Ninfee

Le ninfee, il cui nome botanico è Nynphaea, sono delle piante acquatiche che hanno una durata perenne e sono generalmente utilizzate negli stagni, nei laghetti e nelle vasche: inoltre, esse fioriscono solitamente dal mese di Maggio fino a quello di Settembre....
Bricolage

Come realizzare dei portacandela decorativi di cartoncino

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri cari lettori, a capire come e cosa poter fare per realizzare dei portacandela, del tutto decorativi di cartoncini. Cercheremo di realizzare il tutto, con il classico metodo del fai da te, che ci da la...
Giardinaggio

Le 10 più belle piante da stagno

Se siete abbastanza fortunati da poter avere uno stagno in giardino allora dovete leggere assolutamente questa guida sulle 10 piante più belle da stagno. Un giardino è un'oasi di pace, ma con uno stagnetto ben curato e abbellito con piante può essere...
Giardinaggio

Le piante più resistenti al freddo

L'inverno è una stagione che si ama o si odia, e ciò varia in base ai gusti della persona. L'inverno è caratteristico per via della neve, del freddo, delle feste natalizie e di fine anno, le bevande calde, ecc. Di certo non è una stagione che fa pensare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.