Come coltivare la noce di cocco

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La noce di cocco è un frutto esotico che di solito prolifera nelle zone calde del Pacifico. Da un punto di vista strettamente tecnico, possiamo dire che essa altro non è che il frutto prodotto dalla palma da cocco. Seguendo i giusti accorgimenti, una pianta da cocco può essere coltivata anche in ambienti piuttosto ristretti, come un giardino o un parco. Vi sembra impossibile? Eppure è così. In questa guida vogliamo pertanto illustrarvi come coltivare la noce di cocco.

26

Occorrente

  • Piantina di cocco, terriccio, concime, sabbia, acqua.
36

Acquistate una piantina di cocco

Il primo consiglio che vi diamo è quello di iniziare la coltivazione collocando sul terreno una piantina di cocco. Questa potrà facilmente essere acquistata presso i vivai specializzati. In alternativa potreste anche procurarvi una noce di cocco intera non sottoposta ad alcun trattamento e che abbia mantenuta intatta la sua capacità di proliferare altri frutti della stessa specie.

46

Inserite la pianta nel terreno

Qualora abbiate acquistato una piantina di cocco, provvedete a toglierla dal vaso e a sistemarla lungo un terreno adeguato. Assicuratevi quindi che il terreno sia provvisto del giusto grado di humus e mescolate al terriccio della sabbia che ne favorisca il corretto smaltimento dell'acqua. Vi raccomandiamo, una volta sistemata la pianta nel terreno, di irrigarla con molta parsimonia, a giorni alterni e nelle ore meno calde della giornata. La sistemazione della pianta da cocco va effettuata in una zona ombreggiata del giardino o di un ampio terrazzo. Ricordate tuttavia che la noce di cocco cresce con maggiore frequenza nelle zone calde e che non ama molto le temperature fredde o, peggio ancora, le gelate.

Continua la lettura
56

Irrigate la pianta con molta parsimonia

A questo punto, in attesa della crescita della pianta da cocco, occorre effettuare periodicamente degli importanti interventi di manutenzione. Per prima cosa dovrete ogni mese aggiungere del nuovo terriccio e, almeno una volta l'anno, anche del concime piuttosto fluido. Assicuratevi inoltre che l'irrigazione della pianta non abbia determinato come conseguenza il ristagno dell'acqua stessa attorno alla pianta. Dopo circa un mese dall'inizio del processo di coltivazione, ecco che i primi elementi della pianta di cocco inizieranno a germogliare. Per alcune specie di cocco sarà anche possibile veder nascere delle piccole noci, frutto caratteristico di questa speciale pianta. Sarà così davvero un piacere oltre che una grande soddisfazione avere a portata di mano una coltura così esotica ed originale. E con i suoi succosi frutti da assaporare ogni volta che lo si desidera.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Assicuratevi che l'irrigazione della pianta non determini un eccessivo ristagno dell'acqua attorno alla pianta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare la noce moscata

La noce moscata (il cui nome scientifico significa "odore fragrante") deriva la denominazione dalle dimensioni del nocciolo (grande quanto una noce) e dall'odore di muschio. Originaria dell'isola di Banda nelle Molucche (Indonesia), giunse nel Mediterraneo...
Giardinaggio

Come coltivare la palma da cocco

La Cocos nucifera, più conosciuta come palma di cocco, è una pianta tipica delle coste di regioni tropicali. Essa infatti è ampiamente coltivata in Asia, Africa e America meridionale. Con le dovute accortezze, tuttavia, è possibile coltivare questa...
Giardinaggio

Come coltivare le piante con la torba di cocco

Negli ultimi anni la tecnologia di coltivazione delle piante sta facendo passi da gigante. Una delle ultime novità è la coltura idroponica: questa consiste nel coltivare piante alimentari in substrati diversi dal terreno. In questo modo si ha il pieno...
Giardinaggio

Come potare il noce da frutto

Nelle campagne e negli orti di tutta Italia, è facile imbattersi in piante da noce; alberi imponenti che in alcuni casi possono facilmente raggiungere gli ottanta o addirittura i cento anni. Di aspetto vigoroso con tronco dritto e slanciato, il noce...
Giardinaggio

Noce da frutto: come avviene la potatura

Tra gli alberi da frutto di maggiore bellezza possiamo sicuramente annoverare il noce. Questa pianta è originaria dell'Asia, ed è arrivata in Europa nei tempi antichi. In Italia la sua coltivazione è particolarmente rilevante in Campania. Il nome botanico...
Giardinaggio

Come piantare un albero di noce

Spesso ci accorgiamo del cambio di stagione dai nuovi prodotti che compaiono sui banchi di mercati e negozi: nel caso dell'Autunno, pochi frutti come le noci sono in grado di avvisare dell'arrivo della stagione fredda. Le noci, infatti, giungono a completa...
Giardinaggio

Come potare il pesco noce

La potatura è una fase importantissima della coltivazione; ometterla o realizzarla in maniera errata può infatti determinare non soltanto un prossimo raccolto insoddisfacente, ma addirittura compromettere la vita della pianta. Per questo motivo è...
Giardinaggio

Come piantare un albero di cocco nano

Coltivare ortaggi e alberi da frutto in casa propria è un'attività sempre più comune. Le persone riscoprono pian piano il contatto con la terra. Complice di questo nuovo amore per il giardinaggio è anche la crisi economica. La necessità di risparmiare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.