Come coltivare la noce moscata

Tramite: O2O 09/03/2017
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La noce moscata (il cui nome scientifico significa "odore fragrante") deriva la denominazione dalle dimensioni del nocciolo (grande quanto una noce) e dall'odore di muschio. Originaria dell'isola di Banda nelle Molucche (Indonesia), giunse nel Mediterraneo al seguito degli Arabi, venendo poi diffusa su larga scala dai Crociati, per profumare gli ambienti: era così pregiata che veniva conservata in una scatolina d?argento o legno (perché l?aroma tendea svanire rapidamente se è esposta all'aria), insieme a una piccola grattugia. Il monopolio dell?importazione spettò dapprima ai Portoghesi, poi sostituiti dagli Olandesi. La noce moscata, un alberello sempreverde di 6-10 m d'altezza, con piante femminili e piante maschili (specie dioica), in fiore tutto l?anno a partire dai 15 anni d?età. Ha foglie ovali, appuntite, verde scuro, con la pagina superiore lucida e cerosa, profumate. I fiori sono poco appariscenti, campanulati, carnosi, i femminili raccolti in piccoli racemi ascellari, quelli maschili singoli. Ne derivano numerosi frutti piriformi, delle dimensioni di un?albicocca, di colore giallo pallido a maturazione, quando si aprono a metà, rivelando una noce ricoperta da un arillo (?membrana?) di colore rosso acceso. All'interno della noce c?è un unico seme, morbido, che diviene presto legnoso. Nei passi della guida a seguire sarà illustrato come coltivare la noce moscata.

25

La noce moscata teme temperature inferiori a 12 °C, quindi va coltivata in vaso anche nel Sud Italia, riparandolo in serra calda o veranda d?inverno. Il substrato deve essere molto fertile, sempre leggermente umido ma molto ben drenato. È importante anche l?umidità ambientale: è bene vaporizzare la pianta più volte al giorno, soprattutto d?estate. Le annaffiature devono essere abbondanti e regolari, soprattutto durante la bella stagione. La posizione migliore è pienamente soleggiata. Si può riprodurre per seme (non quello commestibile!): germoglia facilmente, ma per avere i frutti è necessario possedere sia il maschio sia la femmina.

35

Oltretutto questa pianta ha bisogno di un terreno particolarmente ricco, come quello di una zona vulcanica; le innaffiature possono anche non essere abbondanti, purché siano regolari e sia garantita l'umidità dell'aria. Per generare quanti più semi possibili, occorre fare in modo di sviluppare il maggior numero di piante femmina; pertanto si sceglie la riproduzione via talea piuttosto che via seme.

Continua la lettura
45

La talea è un frammento di pianta reciso e coltivato a parte, che rigenererà una pianta dello stesso sesso. Per quanto riguarda il calore, inoltre, per garantire uno sviluppo ottimale della noce moscata bisogna tenerla costantemente ad almeno dieci gradi di temperatura. Infine, occorre armarsi di molta pazienza: la myristica fragrans infatti impiega circa sette anni per dare il suo primo raccolto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come potare il noce da frutto

Nelle campagne e negli orti di tutta Italia è facile imbattersi in piante da noce molto imponenti, che in alcuni casi possono facilmente raggiungere gli ottanta o addirittura i cento anni. Di aspetto vigoroso con tronco dritto e slanciato, il noce è...
Giardinaggio

Come piantare un albero di noce

Spesso ci accorgiamo del cambio di stagione dai nuovi prodotti che compaiono sui banchi di mercati e negozi; infatti, nel caso dell'autunno pochi frutti come le noci sono in grado di avvisare dell'arrivo della stagione fredda. Le noci giungono a completa...
Giardinaggio

Noce da frutto: come avviene la potatura

Tra gli alberi da frutto di maggiore bellezza possiamo sicuramente annoverare il noce. Questa pianta è originaria dell'Asia, ed è arrivata in Europa nei tempi antichi. In Italia la sua coltivazione è particolarmente rilevante in Campania. Il nome botanico...
Giardinaggio

Come potare il pesco noce

La potatura è una fase importantissima della coltivazione; ometterla o realizzarla in maniera errata può infatti determinare non soltanto un prossimo raccolto insoddisfacente, ma addirittura compromettere la vita della pianta. Per questo motivo è...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare in casa una pianta di cocco

La palma da cocco è una pianta originaria delle isole dell'Oceano Pacifico, rinomata per il suo famoso frutto. Grazie alle sue foglie molto allungate e slanciate che partono direttamente dal grosso seme (la noce di cocco), questa pianta non di rado assume...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.