Come coltivare la pianta della lenticchia

Tramite: O2O 05/08/2017
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Le lenticchie sono una buona fonte di proteine e di carboidrati e, poiché prive di glutine, sono adatte a chi ha problemi di celiachia. Poterle coltivare nel proprio orto, rappresenta una grande soddisfazione poiché si accontenta di terreni non troppo fertili, di conseguenza non è difficile da curare ma, come ogni pianta ha bisogno di essere seguita soprattutto nei primi tempi di semina. In questa guida spiegherò come coltivare la pianta della lenticchia con semplici consigli.

27

Occorrente

  • confezioni di semi di lenticchia
  • del cotone
  • una vaschetta in alluminio usa e getta
37

Acquistare i semi

Innanzitutto, dovremo comprare dei semi di lenticchia, che possiamo reperire facilmente nei negozi di giardinaggio più riforniti. Una volta comprati i semi, mettiamo in una piccola vaschetta di allumino usa e getta, uno strato di cotone, adagiamo comodamente i semi sul cotone, mettendo poi uno strato di cotone per coprirli. A filo, con l'acqua del rubinetto, inumidiamo il cotone e lasciamo i nostri semi in un luogo fresco e asciutto della nostra abitazione, controllando almeno una volt al giorno che il cotone sia umido, se è secco, dovremo inumidirlo con un goccio di acqua fresca. Dopo circa 3-4 giorni i germogli che si saranno formati saranno abbastanza lunghi e i semi saranno pronti per essere piantati.

47

Seminare in modo giusto

In un angolo del nostro orto, piantiamo i semi nel terreno a circa 2 cm di profondità con il germoglio rivolto verso l'alto e ad almeno 10 cm di distanza l'uno dall'altro. Nei giorni seguenti, annaffiamo il terreno, che deve rimanere umido per favorire la crescita e lo sviluppo della pianta. Nel caso il clima sia molto caldo, il suggerimento è quello di innaffiare il terreno la notte, in questo modo l'acqua non evaporerà e le sostanze nutritive presenti in essa, giungeranno completamente alla pianta. Dopo circa tre settimane, quando la pianta si sarà formata, potremo iniziare a dargli qualche fertilizzante naturale, come per esempio il fondo del caffè. Gli insetti più pericolosi per la lenticchia sono il tonchio, gli afidi e le lumache.

Continua la lettura
57

Utilizzare concimi naturali

Nel caso la pianta sia infestata da questi piccoli insetti, sarà opportuno utilizzare un valido insetticida. Per coltivare la lenticchia, dovremo piantare i semi nei mesi invernali ovvero nei mesi di Ottobre, Novembre e Dicembre, per poi raccogliere le lenticchie a Giugno-Luglio, prima che le lenticchie si secchino. Le lenticchie contengono importanti sostanze al loro interno utili per l'organismo come le proteine, il fosforo, il sodio e il magnesio, inoltre contengono un'alta percentuale di fibre e possono aiutare il nostro organismo a tenere sotto controllo il colesterolo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare la pianta di ciclamino

Il ciclamino è una pianta a fiori, di piccole dimensioni, adeguata infatti non solo per ambienti come il giardino ma anche per interni. Come lo stesso nome richiama, si tratta di una pianta a fiori dai colori che variano come il bianco, il rosa ed i...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta di ligustro

Il ligustro è una piccola pianta, che è stata coltivata principalmente nelle isole britanniche per secoli, dove si è adattata bene alla crescita in quasi tutti i tipi di terreno, sia all'ombra che al sole. Questa pianta, è una pianta densa e sempreverde....
Giardinaggio

Come coltivare una pianta antibatterica come l'Areca

Al mondo esistono una quantità infinita di piante, ed ognuna di esse possiede delle caratteristiche particolari. Alcune sono curative, altre solo decorative, studiarle per comprenderne le potenzialità potrebbe rivelarsi particolarmente utile. L'Areca...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta del caffè

Meraviglioso, corroborante, aromatico caffè! Poche cose riescono a stimolarci come l'aroma inconfondibile e ristoratore del caffè, soprattutto al mattino.Per chi ama il giardinaggio, non sarà difficile cimentarsi nella produzione della pianta del caffè....
Giardinaggio

Come coltivare la pianta del caffè in vaso

Forse non tutti sanno, che è possibile tenere in casa le piante del caffè. Più precisamente, la varietà Coffea Arabica, che è originaria degli altopiani etiopi, ma ormai diffusa nelle zone tropicali di tutti i paesi. La pianta è formata da un arbusto...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta di cachi

Il cachi è una pianta di origine asiatica, con molte probabilità cinese. Di fatti proprio in Cina sono conosciute e si coltivano più di 400 varietà di cachi. In Europa giunge al termine dell'Ottocento, mentre ad oggi i Paesi produttori di questo frutto...
Giardinaggio

Come Coltivare La Pianta Di Fico

Il Fico è un albero avente delle origini provenienti dall'Asia, specialmente nella sua zona ovest. Per quanto riguarda l'Italia, esso è facilmente visibile al sud, specie in Puglia, in Calabria e in Campania. Lo troviamo nei frutteti, negli orti, come...
Giardinaggio

Come Coltivare Una Pianta Di Viburno

La pianta di Viburno detta anche Viburnum è volgarmente chiamata palla di neve, appartiene alla Famiglia delle Caprifoliaceae ed è originaria dell'Europa, America ed Asia. La pianta del viburno solitamente può arrivare a circa 10 metri di altezza mentre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.