Come coltivare la pianta di cachi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il cachi è una pianta di origine asiatica, con molte probabilità cinese. Di fatti proprio in Cina sono conosciute e si coltivano più di 400 varietà di cachi. In Europa giunge al termine dell'Ottocento, mentre ad oggi i Paesi produttori di questo frutto sono la Spagna, Cipro, l'Italia e infine la Francia. Questa pianta si presenta con foglie ampie e di colore verde lucido che, a seconda delle stagioni, varieranno dall'arancio al giallo, donando al vostro giardino uno spettacolo unico, tutto da ammirare. Di seguito, verranno elencati alcuni utili consigli su come coltivare la pianta di cachi.

27

Occorrente

  • luogo soleggiato
  • terreno fertile
  • calce
37

Piantare l'albero in un luogo ben esposto alla luce del sole

L'albero del cachi è amante della luce e quindi è opportuno piantarlo il luoghi ben esposti all'illuminazione. In campagna o in giardino andrà benissimo, purché non sia ombreggiato da costruzioni o da altri alberi. Non richiede cure specifiche o potature particolari. Non bisogna essere dei grandi esperti per poter introdurre questa coltura nel giardino di casa. La pianta del cachi è caratterizzata da una crescita molto lenta. Per questo motivo, occorreranno almeno tre o quattro anni prima di raccogliere i primi frutti. Tuttavia, una volta adulta, la produzione sarà davvero molto generosa. La pianta è longeva e può raggiungere un'altezza massima di dodici metri.

47

Innaffiare la pianta moderatamente

Per coltivare la pianta del cachi non c'è bisogno di esigenze specifiche. Il cachi infatti può adattarsi ad ogni tipologia di terreno. È una pianta resistente alle intemperie e alle basse temperature. Inoltre non ha bisogno di un apporto eccessivo di acqua, poiché essendo resistente alla siccità, ha bisogno di sporadiche irrigazioni. La raccolta del frutto deve avvenire quando è totalmente di colore arancio, senza striature verdi. È un lavoro che richiede parecchia cura e deve avvenire nel momento giusto: se troppo immaturo, il cachi sarà di pessima qualità e subirà alterazioni; se eccessivamente maturo, invece, potrà essere causa di infezioni da fungo.

Continua la lettura
57

Spennellare la corteccia con della calce

Ciò che può davvero mettere a repentaglio la fruttificazione, sono le gelate primaverili o i bruschi abbassamenti di temperatura del periodo autunnale, quando ancora i frutti sono sull'albero. Inoltre, anche la sesia (un insetto) contribuisce a danneggiare il tronco ed i rami. Si può intervenire manualmente, togliendo la corteccia ed uccidendo le larve. Per ridurre gli attacchi, si possono spennellare queste parti con della calce. Inoltre è molto sensibile in presenza di vento, specie quando si giunge alla fase della raccolta, in quanto potrebbe danneggiare ed in seguito spezzare i rami pronti per la raccolta.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare una pianta carnivora

La Dionaea muscipola è sicuramente la "pianta carnivora" per eccellenza, ovvero quella più conosciuta e apprezzata da tutti gli amanti di questa specie. Per la sua semplicità di coltivazione, è sicuramente quella più indicata per tutti i neofiti...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta di ciclamino

Il ciclamino è una pianta a fiori, di piccole dimensioni, adeguata infatti non solo per ambienti come il giardino ma anche per interni. Come lo stesso nome richiama, si tratta di una pianta a fiori dai colori che variano come il bianco, il rosa ed i...
Giardinaggio

Come Coltivare Una Pianta Di Cordilina

Se siete degli appassionati delle piante di ogni genere e siete anche in cerca di qualche nuova specie da coltivare nel vostro giardino, potete provare ad acquistare una pianta davvero particolare: la Cordilina. Si tratta di una pianta di origine australiana...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta di ananas

L'Ananas è tra i frutti tropicali più mangiati ed apprezzati di sempre, è possibile trovarlo negli scaffali e nei banchi frutta di moltissimi supermercati, anche se molto spesso è meglio scegliere qualcosa di più fresco e genuino. L'Ananas è un...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta di rosmarino

Il rosmarino può essere considerato un antidepressivo naturale, infatti alcuni studi hanno dimostrato la presenza, nella pianta, di un'essenza che stimola la sintesi della serotonina (il neurotrasmettitore del benessere) e che risulta un ottimo rimedio,...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta di ligustro

Il ligustro è una piccola pianta, che è stata coltivata principalmente nelle isole britanniche per secoli, dove si è adattata bene alla crescita in quasi tutti i tipi di terreno, sia all'ombra che al sole. Questa pianta, è una pianta densa e sempreverde....
Giardinaggio

Come coltivare una pianta antibatterica come l'Areca

Al mondo esistono una quantità infinita di piante, ed ognuna di esse possiede delle caratteristiche particolari. Alcune sono curative, altre solo decorative, studiarle per comprenderne le potenzialità potrebbe rivelarsi particolarmente utile. L'Areca...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta della lenticchia

Le lenticchie sono una buona fonte di proteine e di carboidrati e, poiché prive di glutine, sono adatte a chi ha problemi di celiachia. Poterle coltivare nel proprio orto, rappresenta una grande soddisfazione poiché si accontenta di terreni non troppo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.