Come coltivare la robinia

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il nome scientifico Robinia deriva da quello di Jean Robin, erborista vissuto nel Seicento alla corte di Enrico IV di Francia, che trapiantò questa leguminosa nell'Orto botanico di Parigi nel lontano 1636. Originaria del Nord America, ed in particolare degli Stati Uniti centro orientali, venne allora introdotta anche in Europa. Le sue dimensioni possono raggiungere livelli ragguardevoli (può infatti toccare i 25 metri). I fiori, normalmente bianchi o color crema, si presentano come dei grappoli ed hanno un profumo spiccato e gradevole. La più strana utilizzazione dei fiori di Robinia è quella che ne vede la trasformazione gastronomica in croccanti e profumate frittelle. Procediamo nell'enunciare come coltivare con successo la robinia.

25

La robinia è fra le specie più generose e bisognose di minori esigenze, tanto da essere considerata alla stregua di una pianta infestante; essa, infatti, si propaga con estrema facilità e rapidità ed in pochi anni può formare gradevoli macchie arbustive o arboree che si accostano in modo assai decorativo alle betulle, ai faggi e a varie altre piante da giardino a foglia caduca. È opportuno annaffiarle ogni settimana con qualche secchio d'acqua, almeno durante la stagione più calda, malgrado sappia acclimatarsi in ambienti fresco umidi e tipicamente oceanici, ma anche in zone più calde ed aride.

35

La concimazione deve essere somministrata durante l'autunno e la primavera, usando del fertilizzante organico in polvere; da aprile a settembre è consigliabile annaffiarle almeno una volta ogni mese con concime minerale completo da diluire in acqua. Per garantire alla robinia una vegetazione rigogliosa e fioriture abbondanti, è indispensabile procedere ad una decisa potatura alla fine dell'inverno, soprattutto nei primi anni di impianto.

Continua la lettura
45

Le robinie possono essere allevate ad albero o a cespuglio secondo la loro utilizzazione. Sono piante ideali per risanare terreni sconnessi e frananti, dato che le loro radici si protendono velocemente intessendo una vera e propria rete che impedisce all'acqua delle annaffiature e a quella piovana di far slittare la terra verso il basso e di perdere di coesione. Riescono inoltre a migliorare sensibilmente il terreno e creano un sottobosco molto fitto. I fiori penduli compaiono nel mese di maggio; i frutti, che hanno l'aspetto di un vero e proprio legume, scuri e piatti e lunghi fino a dieci centimetri, restano attaccati ai rami anche per buona parte dell'inverno.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • È una pianta molto utile per consolidare i versanti collinari scoscesi e poco coesi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come coltivare una palma

La palma è una pianta ornamentale e ha un valore estetico inestimabile. Questo esemplare appartiene alla famiglia delle Arecaceae e si distingue per il suo particolare portamento. Coltivare una palma è davvero molto semplice e bastano pochi accorgimenti...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare la gardenia

La Gardenia è una pianta delicata e profumata. La si può coltivare sia in giardino sia come pianta da vaso. Per coltivare e curare la gardenia, una varietà di pianta molto delicata e piacevolmente profumata, vi consiglio di seguire con attenzione...
Giardinaggio

5 ortaggi da poter coltivare senza fatica in giardino

Ci sono diversi ortaggi da poter coltivare in una parte del giardino, tutti gustosi e quindi ottimi per preparare deliziose pietanze, non tutti però sono semplici da coltivare, in quanto diversi di essi richiedono tempo e fatica, nonché il mantenere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.