Come coltivare l'acmea

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L'Acmea è una pianta che si porta un nome alquanto strano, ma non per questo l'Acmea risulta poco conosciuta, anzi, è molto nota al grande pubblico. L'Acmea appartiene ad un specie di piante, le epifite sempreverdi, la cui altezza varia tra i quaranta ed i 70 centimetri. I fiori dell'Acmea hanno delle foglie lunghe e carnose, dalla forma a punta, vicine l'un l'altra a mo' di rosa e dal colore che va dal rosa al blu-grigio. Nel centro della pianta si viene a formare un fiore piuttosto grande e carnoso, veramente molto particolare, che risalta negli anche negli ambienti con molte piante e risulta per questo parecchio decorativo. L'Acmea appartiene alla famiglia delle Bromeliacee e la sua terra di originaria appartenenza è l'America Centrale e tropicale. In questa guida osserviamo come coltivare l'Acmea.

27

Occorrente

  • Terriccio torboso - temperatura superiore ai 20 ° C - Umidità costante
37

Iniziate adagiando la vostra Aechmea (conosciuta anche con il nome di Ecmea), in un luogo molto luminoso della casa ma non a diretto contatto con i raggi solari; tuttavia può benissimo vivere in una zona ombreggiata o semiombreggiata della casa senza alcun problema. Questa è una pianta che mal sopporta il freddo, infatti non deve essere collocata in luoghi con temperatura inferiore ai quindici gradi, ciò in virtù del suo luogo di origine rinomato per il clima caldo ed umido. Dalla primavera e fino all'autunno, concimare il terriccio con concime liquido disciolto nell'acqua di irrigazione.

47

L'Aechmea vive in ambienti molto umidi, quindi è opportuno mantenerla in queste condizioni vaporizzandole dell'acqua sulle foglie saltuariamente, è utile anche versare dell'acqua nel calice del suo fiore colmando di acqua la rosetta centrale; questo vegetale è in grado di sopportare l'assenza di acqua per brevi periodi. L'acqua inserita all'interno del pozzetto fiorifero, andrà sostituita almeno una volta al mese con dell'acqua nuova. Per moltiplicarla, occorre rimuovere il fiore centrale e piantarlo in un vaso con torba e sabbia. Difficilmente la pianta fiorisce in appartamento e generalmente viene acquistata già fiorita. La sua riproduzione può avvenire anche utilizzando i polloni laterali che si formano alla base della pianta.

Continua la lettura
57

Il terriccio ideale dell'Aechmea è morbido e ricco, composto da corteccia e altri materiali, ciò occorre per ricreare l'ambiente e il substrato che solitamente possiedono in natura. Questa pianta non ha bisogno di essere rinvasta, a meno che non sia cresciuta così tanto da non star più con le radici nel vaso. In questo caso trapiantatela in un contenitore poco più grande ponendo sulla fondo dello stesso della ghiaia o dell'argilla espansa in grado di garantire un buon drenaggio. Questa pianta non ha un ciclo vitale molto lungo e in genere dopo la fioritura muore.  

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Versate dell'acqua nella rosetta centrale
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare i germogli sul balcone

Sentite di avere il pollice verde ma vi manca lo spazio per coltivare i vostri germogli? Non abbiate timore: non dovrete mai più rinunciare alla vostra passione. Anche in spazi ristretti è possibile coltivare le sementi ed i germogli che più vi aggradano,...
Giardinaggio

Come coltivare l'orto

Se vogliamo mangiare sano, senza spendere molto per costosissimi prodotti coltivati biologicamente, la soluzione ottimale è quella di coltivarci da soli un bell'orto pieno di verdure. Anche se non possediamo il classico pollice verde, non preoccupiamoci,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare la gardenia

La Gardenia è una pianta delicata e profumata. La si può coltivare sia in giardino sia come pianta da vaso. Per coltivare e curare la gardenia, una varietà di pianta molto delicata e piacevolmente profumata, vi consiglio di seguire con attenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.