Come coltivare l'alchechengi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L'alchechengi è una pianta solanacea che solitamente si coltiva come annuale (mentre è pianta perenne), può crescere fino a 60 cm di altezza e i fiori possono variare dal giallo all'arancione e raggiungere i due centimetri di larghezza. I calici, invece, sono di colore arancio scuro con una larghezza che può arrivare fino a 5 cm. La coltivazione di questa pianta non è molto complicata: basta seguire alcune semplici indicazioni. A tal proposito, nei passi di questa guida, vi illustrerò come coltivare l'alchechengi.

27

Occorrente

  • Semi di alchechengio
  • terriccio da vaso
  • vasetti da coltura
  • trapiantatoio
  • concime liquido
37

Procurarsi i semi

Innanzitutto, procuriamoci i semi in bustina che troveremo dal vivaio, in alcuni supermercati e anche online. Il miglior periodo per la semina è a metà inverno. Mettiamo del terriccio in alcuni vasetti inserendo in ognuno due o tre semi senza coprirli troppo, perché hanno bisogno di ricevere luce. Nebulizziamo con acqua e poniamoli vicino ad una finestra però al chiuso, cercando di mantenerli ad una temperatura più o meno costante. Nei giorni seguenti, non è necessaria una vera e propria innaffiatura ma sarà sufficiente una nebulizzazione ogni tanto per evitare i ristagni di acqua che potrebbero far marcire la pianta.

47

Concimare la pianta

Dopo circa tre settimane avviene la germinazione: quando le piantine sono alte circa 6/8 cm, lasciamo in ogni vasetto la più vitale e tagliamo via le altre. In questo periodo iniziamo ad abituare le piante a stare all'aperto per circa 2 ore al giorno aumentando il tempo man mano che crescono. In primavera le trapiantiamo in un vaso più grande o direttamente in terra lasciando una distanza minima di 40 cm tra una e l'altra. Ogni 15 giorni circa è consigliabile dare del concime liquido con alto contenuto di potassio per ottenere dei frutti più abbondanti e gustosi.

Continua la lettura
57

Evitare il ristagno dell'acqua

L'alchechengi richiede un terreno costantemente umido, quindi durante l'estate deve essere irrigata spesso cercando di evitare, come in precedenza, il ristagno dell'acqua. In autunno, sarà di un colore più intenso il che indicherà che è arrivato il momento di tagliare i rami con i frutti. Il frutto, che è la parte commestibile, può non uscire il primo anno, ma non dobbiamo rimanere delusi perché spesso la fruttificazione arriva dal secondo ciclo vitale. Il suo aspetto è simile ad una ciliegia e il sapore ricorda il lampone: se ben essiccato, dura molti anni. L'alchechengi predilige un'esposizione soleggiata ma non va posizionata direttamente a contatto con i raggi solari perché ciò provoca un essiccamento delle foglie.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come propagare gli alberi sempreverdi

Olivi, tassi, magnolie, conifere, corbezzoli ed eucalipti, sono solo alcune delle tante specie di piante sempreverdi che ingentiliscono i giardini delle nostre città. Piuttosto esigenti in fatto di terreno ed esposizione alla luce diretta, questi alberi...
Giardinaggio

Come creare un'aiuola con le viole

Arriva la bella stagione e torna il desiderio, e la necessità, di occuparci dei nostri spazi verdi.Se disponete di un piccolo giardino, cominciate a progettare l'inserimento e la disposizione di nuove piante. È tempo di sostituire le annuali, potare...
Giardinaggio

Come e quando potare le conifere

Pino, araucaria, larice, sequoia e cipresso sono solo alcuni dei più rinomati esponenti della famiglia delle conifere. Alcuni di questi alberi hanno carattere rustico ed ingentiliscono i declivi naturali di colline e montagne; altri esemplari, invece,...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante per propaggine

La moltiplicazione per propaggine è una tecnica di coltivazione arbustiva facile ed economica. Essa è adatta a replicare tutte quelle piante dall'andamento a cespuglio o tappezzante, caratterizzate dalla presenza di una serie di getti legnosi ed elastici...
Bricolage

Come fare una scimmia con la tecnica origami

La tecnica moderna dell'origami usa pochi tipi di piegature combinate in un'infinita varietà di modi per creare modelli anche estremamente complicati. Con la tecnica dell'origami potrai infatti fare le forme più strane che desideri, realizzando...
Giardinaggio

Come utilizzare il cicatrizzante per le piante

Il cicatrizzante per le piante ha un po' la stessa funzione dei cicatrizzanti sull'uomo, ovvero si applicano dopo le ferite per non far perdere, il sangue all'uomo e la linfa vitale per la pianta. Quindi è molto importante capire per primo cosa il cicatrizzante...
Altri Hobby

Come realizzare un menu su cartoncino

Compleanni, onomastici, anniversari, oppure festività importantissime come Natale, Carnevale e Pasqua: in tutte queste occasioni e eventi, offrire un menù ai vostri ospiti può rivelarsi un tocco di classe inaspettato, nonché un metodo per invogliare...
Giardinaggio

Come coltivare il cipresso

L'albero del cipresso, come pianta ornamentale, si coltiva generalmente nelle zone dal clima temperato. Spesso ai bordi dei laghi e lungo le rive delle aree mediterranee. Il suo aspetto sobrio ed elegante lo ha reso ideale per ornare dei luoghi particolari....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.