Come coltivare l'alchechengi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L'alchechengi è una pianta solanacea che solitamente si coltiva come annuale (mentre è pianta perenne), può crescere fino a 60 cm di altezza e i fiori possono variare dal giallo all'arancione e raggiungere i due centimetri di larghezza. I calici, invece, sono di colore arancio scuro con una larghezza che può arrivare fino a 5 cm. La coltivazione di questa pianta non è molto complicata: basta seguire alcune semplici indicazioni. A tal proposito, nei passi di questa guida, vi illustrerò come coltivare l'alchechengi.

27

Occorrente

  • Semi di alchechengio
  • terriccio da vaso
  • vasetti da coltura
  • trapiantatoio
  • concime liquido
37

Procurarsi i semi

Innanzitutto, procuriamoci i semi in bustina che troveremo dal vivaio, in alcuni supermercati e anche online. Il miglior periodo per la semina è a metà inverno. Mettiamo del terriccio in alcuni vasetti inserendo in ognuno due o tre semi senza coprirli troppo, perché hanno bisogno di ricevere luce. Nebulizziamo con acqua e poniamoli vicino ad una finestra però al chiuso, cercando di mantenerli ad una temperatura più o meno costante. Nei giorni seguenti, non è necessaria una vera e propria innaffiatura ma sarà sufficiente una nebulizzazione ogni tanto per evitare i ristagni di acqua che potrebbero far marcire la pianta.

47

Concimare la pianta

Dopo circa tre settimane avviene la germinazione: quando le piantine sono alte circa 6/8 cm, lasciamo in ogni vasetto la più vitale e tagliamo via le altre. In questo periodo iniziamo ad abituare le piante a stare all'aperto per circa 2 ore al giorno aumentando il tempo man mano che crescono. In primavera le trapiantiamo in un vaso più grande o direttamente in terra lasciando una distanza minima di 40 cm tra una e l'altra. Ogni 15 giorni circa è consigliabile dare del concime liquido con alto contenuto di potassio per ottenere dei frutti più abbondanti e gustosi.

Continua la lettura
57

Evitare il ristagno dell'acqua

L'alchechengi richiede un terreno costantemente umido, quindi durante l'estate deve essere irrigata spesso cercando di evitare, come in precedenza, il ristagno dell'acqua. In autunno, sarà di un colore più intenso il che indicherà che è arrivato il momento di tagliare i rami con i frutti. Il frutto, che è la parte commestibile, può non uscire il primo anno, ma non dobbiamo rimanere delusi perché spesso la fruttificazione arriva dal secondo ciclo vitale. Il suo aspetto è simile ad una ciliegia e il sapore ricorda il lampone: se ben essiccato, dura molti anni. L'alchechengi predilige un'esposizione soleggiata ma non va posizionata direttamente a contatto con i raggi solari perché ciò provoca un essiccamento delle foglie.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare i germogli sul balcone

Sentite di avere il pollice verde ma vi manca lo spazio per coltivare i vostri germogli? Non abbiate timore: non dovrete mai più rinunciare alla vostra passione. Anche in spazi ristretti è possibile coltivare le sementi ed i germogli che più vi aggradano,...
Giardinaggio

Come coltivare l'orto

Se vogliamo mangiare sano, senza spendere molto per costosissimi prodotti coltivati biologicamente, la soluzione ottimale è quella di coltivarci da soli un bell'orto pieno di verdure. Anche se non possediamo il classico pollice verde, non preoccupiamoci,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare la gardenia

La Gardenia è una pianta delicata e profumata. La si può coltivare sia in giardino sia come pianta da vaso. Per coltivare e curare la gardenia, una varietà di pianta molto delicata e piacevolmente profumata, vi consiglio di seguire con attenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.