Come coltivare l'anice

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

La parola anice ci ricorda il nome di alcune droghe ed erbe che posseggono un aroma caratteristico e gradevole, dovuto alla presenza di un olio essenziale detto anetolo. Molto noto è l'anice verde o ancio (Pimpinella anisum), pianta erbacea annua appartenente alle Ombrellifere, di cui si usano i piccoli frutti, affini a quelli del finocchio, che si raccolgono prima che siano completamente maturi onde evitarne la caduta. Questi frutti hanno azione carminativa e si usano specialmente per aromatizzare vari liquori ed in particolare la ben nota anisetta e per preparare pane, focacce e dolci. L'anice è una pianta aromatica estremamente diffusa nel nostro paese, sebbene sia originaria di tutt'altra parte del mondo, quindi sarebbe utile sapere come coltivare questa pianta. Vediamo come fare.

28

Occorrente

  • Semi di anice
  • terreno sabbioso o ghiaioso
  • innaffiature
  • diradamento
38

Per la coltivazione di questa pianta aromatica ombrellifera cercate di riservare sempre un angolino nel vostro orto, magari anche ai bordi dell'appezzamento, purché sia di facile accesso (per averla a portata di mano). Seminarla non è per niente complicato e in pochi mesi vi potrete vantare di avere a disposizione dell'anice fresco per le vostre ricette.

48

La sua riproduzione avviene per semi, che devono essere interrati direttamente nell'orto: bisogna evitare assolutamente i trapianti poiché possono danneggiare la radice carnosa. Siccome teme le gelate notturne, vi consiglio di effettuare la semina nei mesi di marzo o aprile. Il terreno deve essere morbido, mediamente fertile, anche sabbioso o ghiaioso, ma sempre ben drenato. La vostra piantina deve stare in un luogo ben soleggiato e riparato dai venti, che possono abbattere i fusti. I semi germogliano dopo un mese e le piantine vanno diradate a 10 cm di altezza, lasciando 20 cm di distanza. Dopo l'emissione delle prime foglie, il suo sviluppo vegetativo prosegue molto rapidamente. Fate in modo di mantenere sempre la terra libera da malerbe.

Continua la lettura
58

Le innaffiature, dopo la semina, dovranno essere costanti e particolarmente abbondanti: quando le piantine avranno raggiunto una ragionevole altezza (ad esempio 10 cm), dovrete effettuare il diradamento, in modo che esse possano restare distanziate di 30 cm l'una dall'altra nella fila. Man mano che le piantine cresceranno saranno necessarie scerbature e sarchiature (questi sono lavori molto importanti perché le erbe infestanti, nel loro pieno sviluppo, incominceranno a disseminare i semi ovunque).

68

Verso luglio agosto vedrete la fioritura delle piantine e il tempo della raccolta sarà vicino. Quando le ombrelle assumeranno il caratteristico colore grigio-verde, in genere in agosto o settembre, è tempo di recidere le piante alla base, formare dei fasci e metterli ad essiccare. Dopo l'essiccazione dovrete lasciarli in luoghi asciutti e ventilati, e in seguito dovrete praticare la battitura delle ombrelle per farne uscire i semi. Questi ultimi dovranno essere conservati al buio in barattoli di vetro a chiusura ermetica.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come coltivare una palma

La palma è una pianta ornamentale e ha un valore estetico inestimabile. Questo esemplare appartiene alla famiglia delle Arecaceae e si distingue per il suo particolare portamento. Coltivare una palma è davvero molto semplice e bastano pochi accorgimenti...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare la gardenia

La Gardenia è una pianta delicata e profumata. La si può coltivare sia in giardino sia come pianta da vaso. Per coltivare e curare la gardenia, una varietà di pianta molto delicata e piacevolmente profumata, vi consiglio di seguire con attenzione...
Giardinaggio

5 ortaggi da poter coltivare senza fatica in giardino

Ci sono diversi ortaggi da poter coltivare in una parte del giardino, tutti gustosi e quindi ottimi per preparare deliziose pietanze, non tutti però sono semplici da coltivare, in quanto diversi di essi richiedono tempo e fatica, nonché il mantenere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.