Come coltivare l'ardisia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L'Ardisia crispa, per chi non la conoscesse, è un arbusto originario della Cina e dell'India, caratterizzato da bacche di un rosso intenso e da foglie coriacee, appuntite e di colore verde scuro. I fiori, leggermente profumati e a forma di stella, si riuniscono a formare un' infiorescenza a pannocchia. Il contrasto tra i colori la rendono adatta e perfetta a rappresentare le festività natalizie. In questa semplice guida vi spiegherò dunque come coltivare e curare l'Ardisia, questa bellissima pianta.

27

Occorrente

  • terreno costituito da torba e sabbia
  • foglio di pellicola trasparente
  • antiparassitario
37

La riproduzione dell'Ardisia può avvenire per seme oppure per talea. Tuttavia, la moltiplicazione per seme richiede molto tempo e delle cure adeguate, in particolare la temperatura deve essere sempre costante e attorno ai 24°C. La specie ha una crescita molto lenta, dopo un anno la piantina sarà alta non più 2 cm. Per ovviare a questo inconveniente è preferibile optare per la riproduzione per talea, che assicura inoltre di avere una pianta uguale alla pianta madre. Il periodo indicato per la riproduzione in talea, è maggio-agosto. Ciò che dovete fare è, prelevate dunque in questi mesi le talee semilegnose dai rami secondari, insieme ad una porzione di corteccia; i germogli devono essere lunghi 8-10 cm, e il taglio deve essere eseguito obliquamente. Piantate le talee in un terreno costituito da torba e sabbia in parti uguali. Innaffiate la talea e ricopritela con un sacchetto o foglio di pellicola, in modo tale da garantire una certa umidità al terriccio e la presenza di una temperatura costante intorno ai 24°C. Ogni giorno per circa due mesi, togliete la pellicola e fate respirare la pianta. Quando vedrete i primi germogli, togliete la copertura e, attendete ancora qualche giorno affinché la piantina diventi un po' più robusta.

47

A questo punto potete trapiantare la piantina in un vaso stabile poi, aggiungete del concime liquido nell'acqua e innaffiate la pianta. Nel periodo estivo, le innaffiature devono essere regolari e giornaliere, il terreno deve essere sempre umido ma non devono esserci ristagni d'acqua. La fioritura inizia in primavera e termina a giugno.

Continua la lettura
57

Per mantenere le bacche fino alla successiva fioritura, provate a lasciare la pianta in un locale luminoso, caldo e ad una umidità adeguata. In queste condizioni ottimali, fiori e bacche si presenteranno sullo stesso esemplare, rendendolo ancora più decorativo. Ricordiamo che, la pianta è soggetta all'attacco degli afidi, sulle foglie e sui germogli, e della cocciniglia farinosa sui frutti. Per debellare questi due parassiti è necessario intervenire in tempo, con degli antiparassitari specifici che potrete acquistare dal vivaista.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare i germogli sul balcone

Sentite di avere il pollice verde ma vi manca lo spazio per coltivare i vostri germogli? Non abbiate timore: non dovrete mai più rinunciare alla vostra passione. Anche in spazi ristretti è possibile coltivare le sementi ed i germogli che più vi aggradano,...
Giardinaggio

Come coltivare l'orto

Se vogliamo mangiare sano, senza spendere molto per costosissimi prodotti coltivati biologicamente, la soluzione ottimale è quella di coltivarci da soli un bell'orto pieno di verdure. Anche se non possediamo il classico pollice verde, non preoccupiamoci,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.