Come coltivare l'asparago

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L'asparago (Asparagus officinalis) fa parte della famiglia botanica delle Liliacee che annoverano tra le loro fila anche l'aglio, la cipolla e il porro e così altre numerose varietà.

Si tratta di una pianta che dimostra di avere una buona adattabilità, infatti sopporta bene sia il freddo che il caldo. Il terreno ideale è quello sciolto e sabbioso, dotato di calcare, che non presenti ristagni d'acqua.

Vediamo allora come coltivare l'asparago al meglio, potendo poi così sfruttarne la sua bontà creando delle deliziose prelibatezze casalinghe e assimilare tutti i valori nutrizionali di cui è composto.

27

Occorrente

  • Terreno sabbioso.
  • Acqua.
  • Attrezzi per coltivare.
37

Gli asparagi, piante dalle origini antichissime, costituiscono la parte commestibile di una pianta erbacea primaverile. Essa è molto amata e molto usata nelle nostre cucine, apportando grande gusto alle nostre ricette. Se vogliamo contare quindi su questo apporto, possiamo dedicarci alla sua coltivazione.



Coltivare l'asparago intanto non è così complicato, visto che questa pianta dimostra, come abbiamo detto, una buona adattabilità, sia per le condizioni climatiche che per il terreno.

Quindi procuriamoci o facciamo ripristinare un terriccio ben sabbioso.
Come caratteristica principale, molte di queste piante, possiedono alla base un bulbo più o meno ingrossato che rappresenta un vero e proprio organo di riserva alimentare dal quale traggono il nutrimento.

Per questo motivo per seminare l'asparago bisogna utilizzare le zampe (radici) che servono all'impianto dell'asparagiaia.

47

Queste si possono comprare in vivai oppure produrle in proprio partendo dal seme.

Seguendo questo metodo, il seme verrà distribuito in un semenzaio all'inizio della primavera poi dopo un mese si procederà al diradamento mantenendo sulla fila una piantina ogni 10-12 cm. Durante questo prezioso periodo di crescita opereremo delle opportune irrigazioni, le scerbature e le zappettature, come si fa con una pianta. Per avere i primi risultati bisognerà naturalmente aspettare un po' e rispettare delle stagioni precise per coltivarlo.
Ecco qualche altra informazione aggiuntiva. http://www.giardinaggio.it/video/coltivazione-degli-asparagi.asp.

Continua la lettura
57

L'anno successivo alla semina, verso metà Febbraio-Aprile, si otterranno infatti le zampe che useremo per impiantare l'asparagiaia.
Il trapianto invece, sia nel caso che le zampe siano state acquistate o prodotte, si dovrà effettuare da Novembre a Marzo. La prima raccolta consistente si potrà quindi effettuare solo dal terzo anno e comincerà verso Aprile per protrarsi per 30-40 giorni. In questo sito è possibile reperire ulteriori informazioni circa la coltivazione dell'asparago. http://www.coltivarelorto.it/ART/0066art0001b.html.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • attenersi ai passaggi indicati ed utilizzare l'occorrente richiesto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il pisello asparago

Il pisello asparago, o fagiolo di Goa, è un legume particolare, originario della Nuova Guinea e ampiamente diffuso in Indonesia e Thailandia, può raggiungere anche i 4 m di altezza grazie al clima equatoriale. Il fagiolo di Goa è caratterizzato da...
Giardinaggio

Come coltivare l'asparago ornamentale

L'Asparagus densifloras, nome scientifico dell'asparagina o asparago ornamentale, appartiene alla famiglia delle Liliacee. La pianta di asparagus non è solo il delizioso germoglio che tutti noi gustiamo ma è anche un'apprezzata pianta che conosciamo...
Giardinaggio

Come coltivare la salicornia

La salicornia o asparago di mare è una pianta poco conosciuta che cresce spontaneamente in prossimità del mare, sulla spiaggia e nelle zone paludose. Appartiene alla famiglia delle Chenopodiacee e si presenta come una pianta grassa. In Italia cresce...
Giardinaggio

Come realizzare un'asparagiaia

L'asparago (conosciuto anche con il nome scientifico Asparagus Officinalis), ortaggio saporito e versatile in cucina, è una pianta erbacea con rizoma costituito da molte radici (dette zampe) da cui nascono i carnosi germogli commestibili (turioni). La...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.