Come coltivare l'astro della cina

Tramite: O2O 28/02/2017
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Le piante da coltivare in ogni stagione sono moltissime specie nel periodo primaverile ed estivo, alcune poi ci regalano ingenti fioriture come ad esempio l'astro della Cina. Si tratta di una pianta annuale proveniente dai paesi asiatici, ed in particolar modo, come si evince dal nome, proprio dalla Cina. L'astro della Cina è una pianta dal portamento slanciato, presenta una struttura piramidale, è eretta e molto ramificata. Per quel che concerne le foglie, quelle inferiori sono dentate, mentre le superiori sono intere. I fiori nascono solitari all'estremità dei ramoscelli e sono grandi, stellati, bianchi, rosati, violetti, purpureo o turchini, presentano un disco centrale di color giallo. Ma ora vediamo come coltivare l'astro della Cina.

26

Occorrente

  • vaso
  • terriccio
  • concime
  • fertilizzante liquido
36

Si narra che un padre gesuita portò in Europa qualche seme fertile di questa specie e che i fiori inizialmente, fossero solo bianchi e rossi. Solo successivamente, ben un decennio dopo si riuscì ad ottenere degli ibridi dal colore azzurro. Furono necessari ancora 60 anni per poter avere una gamma completa di colori decorativi e di fiori di forma e grandezza differente. Molto più tardi si ottennero varietà a fiori gialli e bicolori.

46

La coltivazione di queste specie è molto semplice ma è molto importante assicurarsi che la varietà che si è acquistata, sia resistente alle malattie. Ricordiamo che si tratta comunque di pianti annuali e stagionali, salvo eccezioni. Queste piante hanno un propensione ad ammalasi e ad appassire improvvisamente, purtroppo senza rimedio. La semina dell'Astro dell Cina va effettuata nel periodo primaverile, in cassetta, in semenzaio, od anche all'aperto in terra piena o in vaso. I semi andranno adagiati su un letto torboso e ricoperti leggermente da uno strato di terriccio sottile.

Continua la lettura
56

Si consiglia di cambiare la collocazione delle piante di astro di anno in anno, rinnovando il terriccio che li ospiterà; questo eviterà l'insorgenza di malattie quali la virosi. Per quanto riguarda la concimazione, questa deve essere abbondante; ma oltre a ciò va ricordato che questa specie fiorifera gradisce molto integrazioni a base di calcio e il potassio, mentre le concimazioni fortemente azotate inducono l'insorgenza di malattie di vario genere. Dopo aver concimato bene il terriccio e preparato la pianta ad affrontare la stagione primaverile e le fioriture, è più indicato ricorrere a fertilizzanti liquidi che sono più consoni alla natura delle piante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Cosa coltivare su un terreno sabbioso

Un terreno sabbioso presenta lo svantaggio di trattenere scarsamente l'acqua, ma compensa questo difetto con la maggiore lavorabilità del terreno. Se vogliamo coltivare su terreni sabbiosi, dovremo quindi ricordarci di annaffiare poco e spesso le nostre...
Giardinaggio

Come coltivare, conservare e utilizzare l'actinidia o kiwi

Conosciuto da tutti sotto il nome di kiwi, il frutto che viene anche nominato "Topo di Cina" deve questo particolare soprannome alla sua esteriorità bruna e vellutata. L'actinidia, nonostante sia nata in Cina, è coltivata soprattutto in Nuova Zelanda...
Giardinaggio

Come coltivare il glicine

La Wisteria, o più conosciuta come glicine, è una pianta rampicante che, grazie alla sua vistosa e profumata fioritura primaverile, si rende perfetta come ornamento grazie anche alla sua capacita di arrampicasi su praticamente qualsiasi supporto che...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare il patchouly

Il Patchouli è una pianta appartenente alla famiglia delle Labiate ed è originaria principalmente della Malesia, dell’Oceania e dell’Asia tropicale. Nota anche con il nome di Pogostemon cablin è, al giorno d’oggi, coltivata in India, Cina e Filippine....
Giardinaggio

Come coltivare le peonie arbustive da seme

Le peonie sono dei fiori molto diffusi sul continente asiatico, soprattutto in Cina, utilizzato molto come fiore da giardino grazie ai suoi colori semplici ed intensi. Questo tipo di fiore trova il suo habitat naturale in luoghi miti-caldi, anche se necessita...
Giardinaggio

Come coltivare l'ardisia

L'Ardisia crispa, per chi non la conoscesse, è un arbusto originario della Cina e dell'India, caratterizzato da bacche di un rosso intenso e da foglie coriacee, appuntite e di colore verde scuro. I fiori, leggermente profumati e a forma di stella, si...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.