Come coltivare lattuga

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Con tutto quello che si sente dire sull'inquinamento del suolo e sui cibi contaminati, sarebbe bene acquistare esclusivamente prodotti biologici, a chilometro zero o - meglio ancora - coltivare in casa i beni di prima necessità. Oggi vi verrà mostrato come seminare e crescere la lattuga. In natura ne esistono moltissime varietà, ma il modo di prendersene cura è sempre uguale. Quindi, scegliete quella che più gradite e iniziate a coltivarla nell'orticello sul retro, in giardino o anche sul balcone o sulla terrazza di casa. Non è necessario possedere ampi spazi, né essere degli esperti agricoltori; è sufficiente armarsi di una buona dose di pazienza e di buona volontà. In questo modo, potrete avere insalata genuina per gran parte dell'anno. Lasciamoci guidare dai passi di questa guida per scoprire come coltivare lattuga.

27

Occorrente

  • cassettoni o giardino
  • bustina di semi di lattuga
  • telo di plastica trasparente
  • fertilizzante a base di fosforo e azoto
37

Per cominciare, acquistate una bustina di semi della lattuga prescelta e, riversatela su di un cassettone pieno di terriccio. Ricoprite la semente con un velo di terreno e irrigate delicatamente con poca acqua, altrimenti rischiate di far marcire il seme. A questo punto aspettate qualche giorno perché i semi germoglino e, quando la pianta avrà raggiunto 2-3 cm di altezza, sarà pronta per la messa a dimora (di solito la piantina raggiunge queste dimensioni dopo circa un mese dalla semina).
In alternativa, se non volete perdere troppo tempo, potete acquistare delle piantine già avviate, di circa 3 cm. Il prezzo si aggira sui 20 centesimi per esemplare.

47

Se cercate dei consigli sul periodo di semina, sappiate che è possibile coltivare la lattuga nei mesi che vanno da febbraio a settembre. Tuttavia, se risiedete nel sud Italia, potete iniziare la semina anche in autunno inoltrato. La lattuga predilige infatti un clima temperato e, in estate necessita di abbondanti irrigazioni. Se, invece, vi trovate in una zona dove il clima è più rigido e, le gelate sono frequenti, coprite la vostra coltivazione con un semplice telo di plastica trasparente.

Continua la lettura
57

Quando metterete le piantine a dimora, distanziatele di circa 25 cm l'una dall'altra. Prima di iniziare la coltivazione, concimate bene il vostro terreno con del fertilizzante a base di fosforo e azoto e, cercate di mantenere pulito lo spazio circostante, rimuovendo periodicamente le erbe infestanti. Se avete deciso di coltivare la lattuga in terrazza o sul balcone, trasferite le piantine in un cassettone con del terriccio soffice. La raccolta avviene a seconda del periodo di semina, ma potrete farla quando vedrete che i cespi avranno raggiunto una vegetazione ricca e vigorosa. Ricordate di non aspettare troppo, altrimenti la lattuga si indurirà.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

10 ortaggi da coltivare in terrazzo

Il biologico è il settore alimentare che più si sta espandendo. Il mangiare sano e il vivere in forma sono ormai un vero e proprio stile di vita per certi versi irrinunciabile. Tuttavia spesso capita che i prodotti a carattere biologico siano salutari...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

I 10 ortaggi più semplici da coltivare

In termini culinari per ortaggio si indica una pianta o un frutto, commestibile totalmente o in parte, utilizzata/o per essere cucinata/o oppure gustata/o cruda/o. In termini biologici, invece, designa i membri del regno vegetale. La definizione non biologica...
Giardinaggio

10 ortaggi coltivabili facilmente a casa

Coltivare un orto in casa è un'idea che si può realizzare facilmente. Tuttavia non si parla soltanto di piccole piante come quella aromatiche, Ma di ortaggi come pomodori, zucchine, lattuga e cipolle che richiedono maggiore attenzione. Per coltivare...
Giardinaggio

5 ortaggi da poter coltivare all'ombra

Gli ortaggi, come la parola stessa suggerisce, sono dei tipici prodotti della natura che è possibile ricavare dalla coltivazione degli orti. Una delle caratteristiche essenziali di questi prodotti è che devono crescere su un terreno adatto e fertile,...
Giardinaggio

Le 10 migliori verdure invernali da coltivare in giardino

In questa lista vedrete elencate le 10 migliori verdure invernali da coltivare in giardino. Se avete un bel giardino spazioso e fertile e avete il pollice verde questa lista fa al caso vostro. Infatti, potrete creare un orticello accanto a casa vostra....
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.