Come coltivare lavanda in terrazza o in giardino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se siamo degli amanti del giardinaggio e abbiamo a disposizione un piccolo spazio dove poter coltivare delle bellissime piante, ma siamo alle prime armi con questo mondo, per imparare le vari tecniche non dovremo fare altro che provare a ricercare su internet delle guide che, in base al tipo di pianta, ci indichino tutte le cure necessarie per poterla farla crescere rigogliosa. In questo modo sarà sufficiente seguire tutte le indicazioni contenute nella guida e pur non essendo degli esperti di giardinaggio, riusciremo a creare un bellissimo spazio verde. Nei passi successivi di questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a coltivare correttamente la lavanda in terrazza o in giardino. Questa particolare pianta presenta un fiore a spiga dal colore violaceo, molto utilizzato per la sua buona profumazione in campo cosmetico o come profumatore per ambiente.

26

Occorrente

  • vaso largo
  • semi o telea di lavanda
  • terriccio drenante
36

Per iniziare, possiamo procedere per semina o talea. Reperiamo una bustina di semi di lavanda, acquistandola nei negozi specifici o presso un vivaio, seminiamoli nei periodi caldi, fine primavera, oppure, potremo prendere qualche fiore e utilizzare il metodo delle talee. Per creare la nostra talea, dovremo prendere uno stelo della lunghezza di almeno 10 cm. Una volta a casa, riempiamo una bustina di plastica, con una parte di torba e una di sabbia. Inseriamo l'apice dello stelo nella miscela appena creata e facciamolo radicare. Con metodo della talea la pianta impiegherà circa un anno per essere pronta prima dell'ultimo travaso definitivo, ma in compenso sarà già abbastanza grande.

46

Adesso vediamo quali sono tutte le cure di cui ha bisogno la nostra lavanda. Utilizziamo dei vasi larghi, le lavande crescono a cespugli e sono ottime per allestire una siepe. Potremo piantarle anche in piena terra, non richiedono esigenze particolari ma prediligono luoghi soleggiati. Le irrigazioni non devono essere abbondanti, anzi, un terreno umido danneggia l'apparato radicale lasciandolo marcire. Assicuriamoci che la pianta sia rimasta asciutta per un paio di giorni prima di innaffiarla nuovamente. Non necessita l'uso di fertilizzanti.

Continua la lettura
56

Per quanto riguarda la fioritura, questa, inizia in tarda primavera e continua per tutta l'estate. I fiori sono sui toni del viola ed emanano un forte profumo di fresco che è sgradito alle zanzare. Inoltre possono essere usati per profumare il bucato appena lavato. Finita la
stagione estiva, quando si saranno seccati tutti i fiori, potremo rimuoverli tranquillamente. Per toglierli, non è necessaria una forbice da potatura, perché basterà l'uso delle mani.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Usiamo i fiori della lavanda in sacchettini per profumare ambienti e armadietti.
  • Per la talea, la torba e la sabbia devono essere in quantità uguali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come allestire un giardino roccioso in terrazza

Valorizzare gli ambienti della casa è certamente meglio che allargare l'abitazione stessa: è inutile spendere e spandere quando c'è spazio libero anche in una sola stanza. Per l'esempio del giardino, potrebbe essere interessante evitare di progettare...
Giardinaggio

Come far crescere la lavanda nel giardino di casa

La lavanda è una pianta davvero straordinaria sia per la sua particolare bellezza che per il profumo dei fiori, ed inoltre si presta moltissimo per l'estrazione di oli essenziali e di altre sostanze che si rivelano antisettiche. Se dunque avete un ampio...
Giardinaggio

10 consigli per coltivare la lavanda

La lavandula, meglio conosciuta con il nome di lavanda, è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. Ne esistono specie differenti da quella più diffusa in natura, la lavanda Latifolia, a quella più comunemente coltivata dall'uomo,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare il basilico in terrazza

Il basilico è una pianta annuale. Si può coltivare durante il periodo primaverile ed attendere che cresca. In caso contrario si può acquistare una piantina già pronta presso una vivaio. In quest'ultimo caso è sufficiente rinvasare la pianta e prendersene...
Giardinaggio

Come coltivare il prezzemolo in terrazza

Coltivare il prezzemolo è molto semplice, non solo in cortile ma anche nella propria terrazza. È adatto alla cura nei balconi ed il risultato che si ottiene è ottimo anche dal punto di vista ornamentale. Questa pianta cresce velocemente, produce foglie...
Giardinaggio

Come coltivare l'alloro in terrazza

Grazie all'ampio uso delle erbe aromatiche in cucina, sono sempre di più le persone che preferiscono averne una piccola coltivazione in giardino o sul balcone. Questo perché avere le erbe aromatiche fresche sempre a disposizione permette di cucinare...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare il bambù nel proprio giardino

Il bambù è una pianta originaria delle zone tropicali e sub-tropicali, soprattutto dell'estremo oriente. Se ne conoscono molteplici specie; è proprio per questo che la sua altezza può variare da pochi centimetri, fino ad arrivare ad altezze imponenti....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.