Come coltivare le angurie

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'anguria è un frutto prettamente estivo. Di origine africana, gli egiziani ne erano avidi consumatori. Dalla valle del Nilo viaggiava fino alla Cina e all'Europa, dove era molto apprezzata specialmente dai commercianti che, trovavano in essa un valido supporto rinfrescante durante i loro lunghi viaggi. L'anguria, come il melone, è un alimento ricco di vitamina A, in forma di carotene. È una componente con proprietà medicinali benefiche per l'organismo, tra tutte, è un buon antiossidante quindi previene malattie cardiovascolari, combatte l'invecchiamento e persino alcune forme tumorali. Nella seguente guida, passo dopo passo, vedremo in particolare come coltivare le angurie.

26

Tecniche di semina

Tradizionalmente le tecniche di semina sono così dette "in fila" o "in linea". Dopo aver accuratamente preparato il terreno, ed aver tracciato delle linee guida con un filo, si procede alla creazione con un badile, di piccole buche nel terreno del diametro di una decina di centimetri, ad una distanza di 1,40 m l'uno dall'altro, ove si andrà a deporre il seme alla profondità di 4 cm circa. La distanza tra le postarelle (buche) è importante perché la pianta nella sua fase di crescita svilupperà in larghezza. Se invece parliamo di coltivazione in pieno campo, andremo a piantare dai quattro ai sei semi per solco.

36

Irrigazione e raccolta

Il tempo di germogliamento può andare dai 7 ai 10 giorni circa, in stretta dipendenza tra terra e temperatura. L'irrigazione deve essere frequente se ci troviamo in presenza di terreni siccitosi, mentre regolare nei terreni umidi. La raccolta avviene tra l'undicesima e la quattordicesima settimana. Per riconoscere la maturazione del frutto, nel raschiare la pelle con l'unghia, questa si separerà facilmente da essa, inoltre nel colpirla con la mano si produce un suono sordo ed una vibrazione leggera lungo la corteccia.

Continua la lettura
46

Temperature

In conclusione l'anguria ha bisogno di un terreno fertile, con un buon livello di acidità, infatti si consiglia di evitare terreni argillosi e alcalini. L'esposizione al sole deve essere di almeno sei ore al giorno. La temperatura ottimale di sviluppo della pianta va dai 23 ai 28 gradi, mentre il fattore di umidità relativa che incide molto nella fase di fioritura, si attesta tra il 60% e 80%. I semi sono di diverso colore: bianco, marrone, nero ed hanno un potere di germinazione di 5 anni. Per ottenere una maggiore affidabilità bisogna utilizzare semi certificati sia per un discorso legato al rendimento, sia per evitare lo sviluppo di malattie nocive per l'anguria.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare l'anguria

L'anguria è un frutto voluminoso appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee. Essa è composta prevalentemente da acqua ed è ricchissima di sali minerali e vitamine. Ha tantissimi effetti: quello diuretico, antinfiammatorio e miorilassante. È infatti...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare i germogli sul balcone

Sentite di avere il pollice verde ma vi manca lo spazio per coltivare i vostri germogli? Non abbiate timore: non dovrete mai più rinunciare alla vostra passione. Anche in spazi ristretti è possibile coltivare le sementi ed i germogli che più vi aggradano,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.