Come Coltivare Le Arachidi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Nella presente guida andremo a concentrarci sul tema arachidi. Più specificatamente, cercheremo di spiegarvi in modo sintetico lungo i tre passi che comporranno questa guida, Come coltivare le arachidi.
L'arachide è conosciuta da tutti come la nocciolina americana, in quanto essa è originaria del sud America. Appartiene al gruppo delle leguminose.
II semi interni sono molto buoni, e vengono consumati in grande quantità, oltre essere utilizzati nelle ricette culinarie. I semi crudi o tostati, infatti, ben si prestano alla preparazione di sfiziosi snack e al gustoso e famigerato burro di arachidi. Dall'alto contenuto proteico ed energetico, il consumo di arachidi è particolarmente indicato agli sportivi ma poco consigliabile a chi segue un regime alimentare a basso tenore calorico. È possibile cimentarsi, con grandi soddisfazioni, nella coltivazione delle arachidi nel giardino di casa o nell'orto in terrazzo.

25

Per prima cosa, acquistate i semi in una serra o in un vivaio. In alternativa, potete avvalervi di arachidi con guscio, acquistate in un comune supermercato. Attenzione a non scegliere, in quest'ultimo caso, arachidi sgusciate o tostate, perché non germoglierebbero. Il terreno migliore per questa tipologia di coltivazione è un terreno dalle caratteristiche friabili, che sia leggero, dove i ristagni d'acqua possano esser controllati. Vi consiglio vivamente di evitare i substrati, che risultano troppo argillosi. Andate ad aggiungere al vostro terreno della torba o, in alternativa, della sabbia. Qualora intendeste coltivare del arachidi dentro un vaso, aggiungete nel fondo dell'argilla espansa, in modo da garantire il deflusso dell'acqua.

35

Le arachidi preferiscono un clima mite ed un'esposizione soleggiata. Sebbene siano abbastanza resistenti, temono le gelate invernali, per cui è consigliabile coprirle di tessuto non tessuto durante la stagione fredda o riporre il vaso in un luogo ben riparato dai venti. Innaffiate in modo regolare, ma stando ben attenti a non abbondare, evitando in questo modo dei ristagni idrici. Per quanto riguarda il tema della concimazione, utilizzate del fertilizzante organico, in quanto è ricco sia di potassio che di fosforo.

Continua la lettura
45

Le arachidi temono le malattie fungine causate da uno scarso drenaggio. In via preventiva, rispettate i ritmi di annaffiature e trattate periodicamente con anti-fungini naturali come macerato di equiseto e ortica. Dopo circa 120 o 140 giorni, sarà possibile effettuare il raccolto. A questo proposito, può servire da indicatore la comparsa di piccoli fiori gialli. Per essere preventivamente sicuri del momento della raccolta, estirpate un baccello, in modo tale da poter verificare la presenza delle noccioline formate. Successivamente, proseguite estirpando la piante, lasciando asciugare in un luogo ventilato per un periodo di 2 settimane, fino a quando le foglie non si saranno seccate.
Vi allego un link sul tema: http://it.wikihow.com/Coltivare-le-Arachidi.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare i germogli sul balcone

Sentite di avere il pollice verde ma vi manca lo spazio per coltivare i vostri germogli? Non abbiate timore: non dovrete mai più rinunciare alla vostra passione. Anche in spazi ristretti è possibile coltivare le sementi ed i germogli che più vi aggradano,...
Giardinaggio

Come coltivare l'orto

Se vogliamo mangiare sano, senza spendere molto per costosissimi prodotti coltivati biologicamente, la soluzione ottimale è quella di coltivarci da soli un bell'orto pieno di verdure. Anche se non possediamo il classico pollice verde, non preoccupiamoci,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare la gardenia

La Gardenia è una pianta delicata e profumata. La si può coltivare sia in giardino sia come pianta da vaso. Per coltivare e curare la gardenia, una varietà di pianta molto delicata e piacevolmente profumata, vi consiglio di seguire con attenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.