Come coltivare le camelie nel giardino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La camelia è una pianta fiorita appartenente alla famiglia delle Theaceae e proveniente dall'Asia: venne infatti importata in Europa dal Giappone nel 17° secolo. Attualmente viene coltivata in tutta Italia e si adatta benissimo al nostro clima, tuttavia è bene sapere che, essendo una pianta subtropicale, predilige le estati piovose e gli inverni secchi, ma è in grado di resistere anche a temperature molto basse. Fiorisce in primavera, dando vita a dei fiori di colore bianco, rosa o rosso, non sempre profumati, ma comunque molto belli e decorativi. Questa pianta può essere coltivata tranquillamente sia in vaso che in giardino: ad ogni modo, affinché cresca sana e forte è necessario mettere in pratica alcune accortezze. Con i passi che seguono andremo a vedere come si possono coltivare le camelie nel giardino.

26

Occorrente

  • Camelia
  • Terreni non argillosi
  • Acqua
36

Scegliere il terreno

Cominciamo subito col dire che la Camelia predilige dei terreni di tipo vulcanico, come quelli presenti nel Lazio e nella Campania. Tuttavia, cresce bene anche in altre tipologie di terreni, a condizione che questi non siano argillosi, con un pH basico e ricchi di calcare: queste condizioni, infatti, predispongono in terreno a trattenere acqua, con la conseguenza che le radici marciscono portando la pianta alla morte. Inoltre, è bene posizionala in una zona in penombra, in quanto non ama essere esposta al sole diretto.

46

Valutare la posizione

La soluzione ideale da adottare sarebbe quella di piantare la Camelia vicino a dei grandi alberi, in modo tale che possa godere sia dell'ombra, sia dell'aria umida. Inoltre, è bene posizionarla in un'area del giardino non esposta al vento e al freddo, in quanto la pianta teme le temperature troppo rigide: nel caso di aree geografiche particolarmente fredde, pertanto, è preferibile optare per la coltivazione in vado, che limita l'esposizione alla basse temperature, facendo crescere la pianta in modo sano.

Continua la lettura
56

Innaffiare la pianta

La Camelia ama l'acqua piovana, ma in assenza di questa necessita di essere innaffiata in modo regolare, soprattutto durante la stagione estiva. L'acqua dev'essere diretta alla base della pianta, mentre bisogna evitare di bagnare i fiori e le foglie per non danneggiarli. Infine, è importante sapere che la fioritura avviene a partire dall'inizio della primavera e si mantiene per tutta l'estate, tuttavia esistono delle Camelie che fioriscono anche durante l'inverno: in quest'ultimo caso è necessario proteggere ancora di più la pianta dalle basse temperature, in quanto risulta essere più delicata.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Proteggete la pianta dal freddo e dal vento
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come curare e coltivare le camelie

Per mantenere sempre i nostri giardini, terrazzi e balconi pieni di verde e di fiori colorati è molto importante saper curare tutte le nostre piante, ma generalmente, sopratutto se non siamo degli esperti di giardinaggio, preferiamo rivolgerci a giardinieri...
Giardinaggio

Come coltivare il bambù nel proprio giardino

Il bambù è una pianta originaria delle zone tropicali e sub-tropicali, soprattutto dell'estremo oriente. Se ne conoscono molteplici specie; è proprio per questo che la sua altezza può variare da pochi centimetri, fino ad arrivare ad altezze imponenti....
Giardinaggio

Come stimolare la fioritura delle camelie

Se siete amanti dei fiori e delle piante in generale sicuramente conoscerete la camelia. Noi la conosciamo come una pianta ornamentale con fiori ma, principalmente, la camelia è un arbusto che può arrivare anche a dieci metri di altezza. Il fiore, che...
Giardinaggio

Come coltivare un melo in giardino

La mela è uno dei frutti più apprezzati e che può essere consumato per tutto l'anno. Decidere di coltivare un melo nel proprio giardino significa poter mangiare frutti sani e deliziosi, nonché mettere alla prova il proprio pollice verde. Nella seguente...
Giardinaggio

5 ortaggi da poter coltivare senza fatica in giardino

Ci sono diversi ortaggi da poter coltivare in una parte del giardino, tutti gustosi e quindi ottimi per preparare deliziose pietanze, non tutti però sono semplici da coltivare, in quanto diversi di essi richiedono tempo e fatica, nonché il mantenere...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare aglio in casa o in giardino

Coltivare in casa qualsiasi prodotto è la migliore delle scelte. Potrete infatti risparmiare sulla spesa ma, soprattutto, saprete che quel prodotto è buono e privo di concimi chimici. Nella seguente guida vedremo come coltivare aglio in casa o in giardino....
Giardinaggio

Come coltivare agrumi sul terrazzo o in giardino

Originari dell'India e dell'Estremo Oriente, gli agrumi sono oggi ampiamente coltivati in tutta la fascia subtropicale del mondo. Attraverso piccole cure sarà possibile coltivare facilmente gli agrumi, sia sul terrazzo di casa che in giardino, dove,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.