Come coltivare le erbe officinali

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se vi siete sempre chiesti come coltivare le erbe officinali, questa è la guida che fa per voi. Quello di utilizzare questo tipo di erbe a scopo curativo risale a secoli e secoli fa, e ai giorni nostri si sta pian piano riscoprendo questa arte. Per farlo, è necessario avere un giardino o, al limite, un terrazzo o un balcone spazioso. Qui di seguito i nostri consigli. Buona lettura!

25

Procurarsi i semi

La prima cosa da fare è certamente quella di informarsi sulle qualità medicamentose di ogni singola pianta, in modo da scegliere saggiamente quelle da coltivare nel proprio giardino. I semi di quasi tutte queste piante si trovano in vendita senza troppi problemi, soprattutto in vivai specializzati.

35

Procurarsi le radici

In caso non doveste trovare i semi in vendita, ma sapete dove trovarla al naturale, ad esempio in un bosco, potete sradicarla facendo attenzione a non rovinare le radici e poi piantarla nuovamente in casa vostra. Non lasciate trascorrere molto tempo tra l'estirpazione e il nuovo impianto, e assicuratevi che il nuovo terriccio sia coltivabile ed esposto al sole, ma non durante le ore troppo calde della giornata. Ricordatevi anche di innaffiare con regolarità.

Continua la lettura
45

Come piantare l'erba

Sia che abbiate scelto di partire con il seme, sia che abbiate scelto di partire con una piantina già dotata di radici, ci sono alcuni consigli da seguire riguardo la zona di terriccio da coltivare o riguardo il vaso dove volete piantarla. È necessario che l'erba abbia abbastanza spazio per sviluppare le radici, affinché possa svolgere il suo ruolo officinale, quindi non scegliete zone di terriccio poco estese oppure vasi molto piccoli.

55

Informazioni generali

I più rappresentativi e diffusi esempi di erbe officinali sono: il finocchio selvatico, la salvia, il rosmarino, il timo ed il basilico. Allorchè le piantine diventeranno adulte, potremo raccoglierne i semi e le foglie ed utilizzarli per il processo di essiccazione e successivamente, per la conservazione. Ed è proprio quest'ultima che ci consentirà all'occorrenza di sfruttarne i poteri medicamentosi. Gli allestimenti magistrali di erbe officinali sono indicati per ottenere degli infusi, delle tisane, dei cataplasmi ed anche dei succhi pronti da bere. L'essiccazione delle erbe officinali consente anche il prelievo dei semi. Questi ultimi, se conservati e seminati in inverno in maniera opportuna, ossia "sottovetro", fino alla germogliazione, andranno successivamente interrati nei primi periodi della stagione primaverile in piena terra, per ottenere più facilmente, rispetto alla prima volta, la riproduzione di queste fantastiche erbe.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare le erbe aromatiche

Sono dette "erbe aromatiche" quelle piante ricche di profumo e di aroma, che comunemente usiamo in cucina per dare più sapore ai nostri cibi o alle nostre bevande, come l'origano, la salvia, il rosmarino, il cerfoglio, l'alloro, il basilico, ecc. Queste...
Giardinaggio

6 cose da sapere per coltivare le erbe aromatiche in vaso

Le erbe aromatiche sono tra le piante più utili in cucina, perché in grado, anche da sole, di dare un gusto più raffinato alla pietanza. Si tratta di piantine non troppo grandi che si possono coltivare facilmente anche in vaso, adatte quindi anche...
Giardinaggio

Come coltivare erbe aromatiche in casa

Le erbe aromatiche rendono i nostri piatti più saporiti e profumati senza aggiungere calorie indesiderate. In ogni supermercato troviamo le erbe aromatiche pronte, secche o surgelate, ma il profumo ed il sapore delle stesse erbe fresche, appena colte...
Giardinaggio

Come coltivare le erbe aromatiche in giardino

Per chi ne ha la possibilità, coltivare le erbe aromatiche nel proprio giardino, invece che acquistarle preconfezionate, è un'idea sensata e consigliabile. Erbe aromatiche come alloro, menta, basilico, erba cipollina e ancora peperoncino, origano, prezzemolo,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare le erbe aromatiche

Chi non ama il profumo di basilico che arieggia per casa? Quel profumo così intenso che ti ricorda l'estate, e la mamma indaffarata ai fornelli. Basilico, Timo, Coriandolo, Maggiorana e Menta, sono tutte piante aromatiche che possiamo coltivare facilmente...
Giardinaggio

Come concimare le erbe aromatiche

Le erbe aromatiche sono senza dubbio un ingrediente indispensabile nelle ricette della cucina italiana: non c'è "caprese" senza basilico, o focaccia senza rosmarino, o ancora nei ravioli burro e salvia, l'aromatizzante la fa da padrone. Perciò, se ne...
Giardinaggio

10 consigli per concimare le erbe aromatiche

Le erbe aromatiche, utili e profumatissime, possono essere un'ottima ed importante risorsa per un giardino oppure per una cucina. Le erbe aromatiche come il basilico, il rosmarino, la salvia, possono infatti essere utilizzate quotidianamente per rendere...
Giardinaggio

Come riconoscere le erbe aromatiche

Ecco pronta una guida, molto utile, tramite la quale, poter essere finalmente in grado d'imparare come riconoscere le erbe aromatiche, in modo tale da poterle utilizzare non solo in cucina, ma anche in altri ambiti, per curare malanni e non solo. Imparare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.