Come coltivare le fave: dalla semina alla raccolta

Tramite: O2O 23/09/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Uno degli alimenti più mangiati in questo periodo dell'anno è la fava, che accompagnata ad un buon formaggio rendono la pietanza ancora più squisita. Le fave possono essere anche cotte o preparate in diverse maniere, ma affinché siano davvero buone è necessario che vengano coltivate come si deve. La fava (nome scientifico Vicia faba) appartiene alla famiglia delle leguminose, caratterizzate appunto dalla presenza del legume o baccello, contenente i semi della pianta. È originaria dell'Asia ma è ormai presente in Italia da diversi secoli. Esistono quattro varietà botaniche di fava, alcune utilizzate come foraggio, altre come ortaggi. Vediamo qualche utile suggerimento relativo a come coltivare le fave, dalla semina alla raccolta. In questa guida daremo utili consigli in merito, che serviranno soprattutto a chi si cimenta per la prima volta nella semina di questo legume. Mettiamoci quindi all'opera.

26

Occorrente

  • Semi di fave
36

Preparate il terreno

La fava non necessita di condizioni climatiche particolari per poter essere coltivata. Per quanto riguarda il tipo di terreno da utilizzare, non è necessario che sia particolarmente fertile, anzi, sarà proprio la pianta a contribuire a fertilizzarlo. È consigliato un terreno senza ristagni idrici, parzialmente argilloso e ricco di calcio. Preparate quindi innanzitutto il terreno un po' in anticipo rispetto al momento della semina: scavate a circa 40 cm di profondità, spianate con un rastrello ed eliminate le erbe infestanti. Trascorsa qualche settimana, procedete alla semina, consigliata nel periodo autunnale oppure, se vi trovate in una zona molto calda, all'inizio dell'inverno. Non sono necessari trapianti e spostamenti, quindi potete tranquillamente seminare le fave nel luogo definitivo.

46

Irrigate le piantine

Realizzate filari distanti l'uno dall'altro circa 60 cm; create piccole buche profonde non più di 5 cm e in ognuna collocate non più di tre semi, dato che ogni pianta richiede uno spazio di almeno mezzo metro quadro per potersi sviluppare. Per velocizzare la germinazione è consigliabile lasciare a bagno i semi per qualche giorno; le piantine cominceranno a spuntare dopo circa un paio di settimane. Occupatevi successivamente dell'irrigazione, valutando di volta in volta quanta acqua utilizzare, a seconda della stagione e delle condizioni climatiche. Non dovete preoccuparvi particolarmente per la concimazione, dato che alle fave solitamente è sufficiente quanto riescono ad assorbire dai residui delle concimazioni delle colture precedenti.

Continua la lettura
56

Togliete periodicamente la "cima" delle piante

Quando le piantine saranno arrivate a circa 16-17 cm, procedete con la cimatura. Togliete periodicamente la "cima" delle piante. Non appena le piante avranno raggiunto i 20 cm, dovrete togliere del terreno tra le file e accumularlo ai piedi delle piante stesse, in modo tale da proteggerle dal freddo ed eliminare eventuali erbacce. Il raccolto avviene a circa sei mesi dalla semina autunnale, in modo scalare: iniziate dalle fave il cui baccello sarà sufficientemente maturo, per evitare che siano troppo amare. Dopo il raccolto, le fave fresche possono essere congelate. A fine estate, quando le piante saranno ormai secche, dovranno essere falciate.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • È consigliato un terreno senza ristagni idrici, parzialmente argilloso e ricco di calcio.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come effettuare La semina in vaso

Con l'approssimarsi della stagione primaverile è abbastanza naturale dedicarsi, specie per chi vanta il cosiddetto "pollice verde", al proprio hobby, ossia il giardinaggio, che certamente, praticato con le necessarie cure e una buona dose di pazienza,...
Giardinaggio

Come effettuare la semina a dimora

Questa guida fa al caso di chi voglia effettuare la semina a dimora nel proprio giardino o terreno. Seguendo ogni passo di questa guida riusciremo ad effettuare la semina a dimora senza grandi difficoltà, in modo semplice e veloce. La buona riuscita...
Giardinaggio

Consigli per fare la semina a spaglio

Quando si prende un seme e lo si mette in terra ad una determinata profondità, avviene la semina. Questa operazione è semplice e complicata nello stesso momento. Semplice perché l'atto di donare un seme alla terra è un gesto che gli uomini hanno sempre...
Giardinaggio

Errori da evitare nella semina a spaglio

Se nella lista delle nostre cose da fare troviamo la voce orto, in questo caso prima di cominciare i lavori dobbiamo aver ben chiaro il procedimento in maniera tale da non incorrere poi in gravi errori. Per quanto riguarda la tipologia di semina ad esempio,...
Giardinaggio

Come Sperimentare La Semina Con I Bimbi

Per far crescere i bimbi con la voglia di fare e sperimentare, è necessario certe volte sottoporli ad alcuni lavori leggeri da compiere insieme, per capirne anche le tendenze e le passioni che potranno essere sviluppate in futuro. Bisogna compiere con...
Giardinaggio

10 consigli per coltivare i legumi in giardino

Se avete un giardino ed intendete sfruttarlo come orto per coltivare i legumi, è importante conoscere a fondo le caratteristiche morfologiche di questi ultimi, in modo da regolarvi in base ad ogni singola specie. A tale proposito, ecco una lista con...
Giardinaggio

Come coltivare il riso

Il riso è uno degli alimenti più comuni nelle tavole italiane. In particolare, nel corso della stagione estiva, le insalate estive diventano il cibo preferito da tutti coloro che sono alla ricerca di qualcosa di fresco e gustoso da mangiare. Tuttavia,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate

La patata è una pianta erbacea originaria del Messico e portata in Europa dalle flotte spagnole nel 1570. È un alimento fondamentale nell'alimentazione umana; in alcuni paesi dell'Europa centrale e occidentale costituisce in alcuni casi l'alimento base...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.