Come coltivare le fragole in idroponica

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La coltivazione idroponica sta prendendo sempre più piede sia in Italia che all'estero perché questo sistema di coltivazione permette di ottimizzare gli elementi che contribuiscono alla crescita perfetta della frutta. In questa guida vi spiego come coltivare le fragole in idroponica. La caratteristica migliore di questo tipo di coltivazione è il suo basso costo e la semplicità con la quale essa può essere gestita.

26

Occorrente

  • Piantine di fragole, miscela di sali minerali, vasetti , argilla espansa
36

Se anche voi come tante altre persone desiderate iniziare la coltivazione delle fragole in idroponica, la prima cosa che dovete fare è quella di lavare le radici delle piante con la massima attenzione. Esse devono essere completamente libere da ogni traccia di terriccio. Quando le radici sono ben pulite sistematele dentro un vasetto di plastica o terracotta che abbia un piccolo foro sul fondo ed abbia un diametro minimo di quindici centimetri. Riempite il vasetto con dell'argilla espansa avendo cura che sia ben pulita e predisponete da parte un contenitore per l'acqua che possa contenere circa una quindicina di litri. Il mio consiglio è di acquistare un apposito kit dotato di timer. Questo sistema facilita molto la manutenzione delle piante poiché ad intervalli regolari spruzza sulle loro radici un prodotto nutriente che potenzia la crescita e dona frutti grandi e sani.

46

Acquistate un regolatore di acidità in un negozio di giardinaggio: esso vi sarà molto utile per controllare che l'acqua non raggiunga mai un grado di acidità superiore a 7. Vi servirà anche una lampada che illumini le piante, ma per quanto riguarda questo accessorio potete scegliere liberamente tra i diversi tipi di lampade che sono sul mercato, in quanto ogni modello è comunque valido. Durante il periodo di pre-fioritura abbiate cura di eliminare tutte le foglie in esubero poiché potrebbero indebolire le piante oppure arrecare delle malattie. Le fragole coltivate idroponicamente
hanno anche bisogno di una miscela speciale di sali minerali concentrati, in modo che possano crescere forti e robuste.

Continua la lettura
56

Eseguite la raccolta dei frutti soltanto quando le fragole sono completamente mature. Il ciclo di coltivazione va da metà ottobre alla fine di luglio ed i frutti solitamente sono pronti per essere raccolti da metà marzo in avanti. Se seguirete alla lettera le norme che vi ho appena indicato sicuramente avrete un ottimo raccolto e dei frutti belli e sani che vi ricompenseranno del tempo dedicato alla coltivazione in idroponica.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando lavate le radici delle piante fate attenzione a non spezzare i peli radicali perchè essi sono responsabili della crescita regolare delle fragole

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare le verdure idroponiche

Il termine "idroponico" si riferisce a speciali coltivazioni delle piante con un sistema di immersione delle loro radici in liquidi composti da acqua e sali nutritivi. Si è cominciato ad usare la denominazione di "coltivazione idroponica" a metà del...
Giardinaggio

Come coltivare le cipolle idroponiche

Le cipolle sono un ingrediente di base che la maggior parte delle persone desidera avere sempre a portata di mano. Con un semplice sistema idroponico, è possibile far crescere le cipolle tutto l'anno direttamente nel proprio giardino o sul balcone di...
Bricolage

Come realizzare una grow box per la coltivazione fai da te

Ecco una guida, pratica e veloce, mediante il cui aiuto concreto ed efficace, poter essere finalmente in grado di capire ed imparare come e cosa fare per realizzare una grow box, che sarà utile per la coltivazione fai da te, che ci permetterà di avere...
Giardinaggio

Come fare coltivazioni in acqua

La “coltura idroponica” (chiamata anche “idrocoltura”) è un particolare tipo di coltivazione eseguita “fuori dal suolo” e quindi senza l’utilizzo di terra o terriccio. Grazie a questo modo di procedere, è possibile eseguire delle vere...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare la lana di roccia

La lana di roccia è un materiale di origini vulcaniche. Tra le sue peculiarità più importanti vanno annoverate in particolare le qualità fonoassorbenti e quelle isolanti, dovute alla sua singolare struttura a celle aperte. Oltre a ciò essa ha la...
Giardinaggio

Come costruire un sistema di piantagione idroponico

Complice il fatto di non avere a disposizione un vero e proprio giardino e l'amore per le coltivazioni biologiche, in molti si dedicano alla passione per l'orto idroponico. Il termine significa letteralmente "fuori dal suolo" ed è molto utile negli orti...
Giardinaggio

Come coltivare le patate idroponiche

Un'alimentazione sana include sicuramente le squisite patate. Fin dall'antichità, le patate hanno rappresentato un alimento gustoso e che si presta a tante ricette. Mangiate in modo semplice, cucinate in pietanze e piatti particolari, le patate sono...
Giardinaggio

Come coltivare le piante con la torba di cocco

Negli ultimi anni la tecnologia di coltivazione delle piante sta facendo passi da gigante. Una delle ultime novità è la coltura idroponica: questa consiste nel coltivare piante alimentari in substrati diversi dal terreno. In questo modo si ha il pieno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.