Come coltivare le more selvatiche anche in giardino

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

I cespugli di rovo crescono selvatici in gran parte dell'America settentrionale, così come nei paesi mediterranei ed il succoso frutto che ci regalano è la mora. Ne esistono varietà provviste di tralci spinescenti così come privi di spine; chiaramente i cultivar senza aculei sono i prediletti per le coltivazioni. Presentano lunghi rami angolosi, fogliame lussureggiante e infruttescenze abbondanti che, con la maturazione, assumono colore rosso, per diventare nero-bluastre verso la metà dell'estate. Grazie alla loro rusticità le more selvatiche si possono agilmente coltivare anche in giardino: vediamo come.

25

Il “Rubus fruticosus” o rovo selvatico, appartenente alla famiglia delle Rosacee, è un arbusto perenne provvisto di foglie caduche e produce fiori che hanno 5 petali bianchi o rosati. La fioritura avviene da maggio a giugno, mentre la fruttificazione da metà luglio fino settembre. Le more sono autofertili, ma l’impollinazione viene facilitata dalla presenza di api e bombi e dal vento. Il rovo sopporta bene sia il freddo invernale che le temperature estive elevate ed è la pianta ideale per ricoprire i muri di recinzione dei giardini sotto forma di filari o spalliere. Essendo peró un arbusto assai vigoroso ed invadente, non fatica ad assumere l'aspetto di una folta, intricata massa spinosa, che risulta impenetrabile.

35

Il rovo è infatti un arbusto perenne che si propaga come le fragole: annualmente produce polloni i quali, quando toccano terra, formano nuove piantine, che fruttificheranno l’anno seguente. Per evitare tale incontrollabile proliferazione è opportuno piantare questo cespuglio in contenitori, oppure delimitare lo spazio attorno alle radici con fogli di lamiera. Prima della messa a dimora, a fine inverno, occorre vangare e concimare con letame maturo e disporre le file ad una distanza di 1-1,5 m.

Continua la lettura
45

Il rovo ha buone capacità di adattamento, ma cresce meglio in terreni sciolti, aerati, umidi e ricchi di humus, leggermente acidi, concimati con letame o terricciato. Teme però i ristagni idrici. Va infatti irrigato solo in caso di prolungati periodi di siccità e durante la fase di maturazione dei frutti. Le more selvatiche possono essere coltivate con buoni risultati anche in vaso, purché quest’ultimo abbia una capienza di almeno 30 lt. Riempitelo con torba o terriccio leggero e subacido ed alimentate le vostre piantine distribuendo concime con l’acqua d’irrigazione oppure fornendo loro del concime complesso a lenta cessione in primavera.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il rovo è anche chiamato: more di rogo, more di pruno, more campagnole, mora selvatica, spina malesia, mora salvadega, spino comune, spino della Madonna, ruvetta.
  • Per quanto riguarda i parassiti, il rovo é particolarmente sensibile alla “muffa grigia”, malattia fungina che fa marcire le more durante la maturazione e curabile con l’impiego di fungicidi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare more da giardino

Le more da giardino sono molto diffuse proprio perché non hanno bisogno di particolari cure e sono caratterizzate dall'assenza di spine. Una volta piantate regaleranno i loro ottimi frutti. Le more contengono sostanze antiossidanti e sono usati anche...
Giardinaggio

Come coltivare le rose selvatiche

Le rose selvatiche tendono a portare i propri pensieri verso i tempi medievali di cavalieri, re, regine, principi e principesse, poiché molti di questi personaggi sono strettamente collegati a questa tipologia di rose. Il termine botanico è "Specie...
Giardinaggio

Come coltivare le more sul balcone

Il rovo è una pianta perenne arbustiva. Appartiene alla famiglia delle rosacee. Presenta dei fusti spinosi e, in contrapposizione a questi, produce dei frutti idilliaco. Le more sono una ricca fonte di antiossidanti che vanno a contrastare i radicali...
Giardinaggio

Come coltivare il bambù nel proprio giardino

Il bambù è una pianta originaria delle zone tropicali e sub-tropicali, soprattutto dell'estremo oriente. Se ne conoscono molteplici specie; è proprio per questo che la sua altezza può variare da pochi centimetri, fino ad arrivare ad altezze imponenti....
Giardinaggio

5 ortaggi da poter coltivare senza fatica in giardino

Ci sono diversi ortaggi da poter coltivare in una parte del giardino, tutti gustosi e quindi ottimi per preparare deliziose pietanze, non tutti però sono semplici da coltivare, in quanto diversi di essi richiedono tempo e fatica, nonché il mantenere...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi porcini in giardino

Tra tutti i funghi, il porcino è senza dubbio uno dei più apprezzati. In virtù del suo pregio e dell'inconfondibile odore che emana, questo fungo, negli anni, si è meritato l'appellativo di "re dei funghi". Data la sua specifica peculiarità, non...
Giardinaggio

Come coltivare gli asparagi in giardino

Crearvi un piccolo orto è un'esperienza che dovreste provare almeno una volta nella vita. Il piacere di curare e successivamente mangiare un ortaggio nato grazie alle vostre attenzioni dedicate alla terra, è un qualcosa che vi porterà indietro nel...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.