Come coltivare le taccole in giardino

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le taccole sono degli ortaggi verdi molto simili ai piselli. La loro coltivazione è molto semplice e si può tranquillamente effettuare in giardino. Basterà solo rispettare alcuni semplici accorgimenti ed il risultato sarà davvero ottimale. Questi ortaggi, peraltro, risultano ricchi di numerose proprietà, utilissime per il nostro organismo. Essi sono un valido rimedio contro coliti e mal di stomaco, in quanto assai ricchi di fibre. In questa guida vogliamo illustrarvi come coltivare le taccole in giardino, per avere ortaggi sempre freschi e da consumare in ogni periodo dell'anno.

26

Occorrente

  • Semi di taccola, terreno, sistema di irrigazione, supporto.
36

Preparate il terreno

Prima di iniziare a coltivare le taccole, andrà opportunamente preparato il terreno che dovrà ospitare le piantine. Vi consigliamo di svolgere le operazioni che seguono almeno 7 giorni prima della sistemazione dei primi semi. Liberate dunque il terreno da tutte le erbacce ed effettuate una vangatura dello stesso. Spianate poi il terreno ed operate sulla sua superficie alcuni solchi che successivamente vi serviranno per dividere le varie piantine di taccola. Inumidite poi leggermente il terreno con dell'acqua.

46

Interrate i semi

A questo punto il terreno sarà pronto per ospitare i semi di taccola. Disponeteli piuttosto vicini, collocandoli all'interno di piccoli solchi che avrete precedentemente formato sul terreno. Il solco effettuato non dovrà essere superiore ai 4-5 cm di profondità. Ricoprite ora i semi con dell'altro terriccio e ripianate bene il terreno. Non vi rimarrà altro da fare che irrigare la zona (almeno una volta al giorno), somministrando acqua preferibilmente nelle ore del tardo pomeriggio. Ricordate comunque che le piante di taccola resistono abbastanza bene sia alle alte temperature sia soprattutto ai climi rigidi. Infatti, non a caso, le taccole si possono coltivare in qualsiasi periodo dell'anno, senza particolari distinzioni.

Continua la lettura
56

Aggiungete un adeguato supporto

Per un maggiore ordine nel vostro lavoro, ricordatevi di posizionare un cartellino in prossimità dei semi interrati, ove andrete ad appuntare la coltivazione e il giorno nel quale avete iniziato la semina. Nella maggior parte dei casi, se il terreno scelto è quello adatto e la posizione è quella corretta, dopo circa 15 giorni potrete notare le prime taccole. Esse spunteranno mano a mano dal terreno, in misura sempre più numerosa. Una volta cresciute, ricordatevi di aggiungere alle piante un adeguato supporto, in modo che possano crescere nella posizione più adatta per sviluppare taccole sane e genuine.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordatevi di posizionare un cartellino in prossimità dei semi interrati, ove andrete ad appuntare la coltivazione e il giorno della semina.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

5 ortaggi da poter coltivare senza fatica in giardino

Ci sono diversi ortaggi da poter coltivare in una parte del giardino, tutti gustosi e quindi ottimi per preparare deliziose pietanze, non tutti però sono semplici da coltivare, in quanto diversi di essi richiedono tempo e fatica, nonché il mantenere...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare more da giardino

Le more da giardino sono molto diffuse proprio perché non hanno bisogno di particolari cure e sono caratterizzate dall'assenza di spine. Una volta piantate regaleranno i loro ottimi frutti. Le more contengono sostanze antiossidanti e sono usati anche...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi porcini in giardino

Tra tutti i funghi, il porcino è senza dubbio uno dei più apprezzati. In virtù del suo pregio e dell'inconfondibile odore che emana, questo fungo, negli anni, si è meritato l'appellativo di "re dei funghi". Data la sua specifica peculiarità, non...
Giardinaggio

Come coltivare gli asparagi in giardino

Crearvi un piccolo orto è un'esperienza che dovreste provare almeno una volta nella vita. Il piacere di curare e successivamente mangiare un ortaggio nato grazie alle vostre attenzioni dedicate alla terra, è un qualcosa che vi porterà indietro nel...
Giardinaggio

Come coltivare rose in vaso o in giardino

Coltivare le piante è una una passione che richiede anche un pizzico di conoscenza di tale ambito. Quella del pollice verde quindi è un attitudine che va coadiuvata da un sapere. In questa particolare guida avremo l'opportunità di vedere come coltivare...
Giardinaggio

10 consigli per coltivare i legumi in giardino

Se avete un giardino ed intendete sfruttarlo come orto per coltivare i legumi, è importante conoscere a fondo le caratteristiche morfologiche di questi ultimi, in modo da regolarvi in base ad ogni singola specie. A tale proposito, ecco una lista con...
Giardinaggio

Come coltivare agrumi sul terrazzo o in giardino

Originari dell'India e dell'Estremo Oriente, gli agrumi sono oggi ampiamente coltivati in tutta la fascia subtropicale del mondo. Attraverso piccole cure sarà possibile coltivare facilmente gli agrumi, sia sul terrazzo di casa che in giardino, dove,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.