Come Coltivare L'Erica Carnea

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

L'erica carnea è una specie botanica a portamento cespuglioso, che appartiene alla famiglia delle Ericaceae. Cresce spontaneamente tra le rocce dei rilievi montuosi alpini e appenninici. Predilige le temperature rigide, ma necessita di luce intensa. D'inverno produce piccole infiorescenze di colore rosa-violaceo dalla corolla tubolare. Le foglie, piccole e aghiformi, hanno un colore verde scuro, come il rosmarino. Può raggiungere l'altezza massima di venti centimetri e i sottili rami si orientano verso il basso.
Si suddivide in numerose varietà, ciascuna con delle caratteristiche particolari.
I suoi fiori hanno proprietà medicinali e si possono utilizzare per preparare decotti diuretici. Inoltre, svolgono una blanda azione antisettica delle vie urinarie.
È una pianta rustica, facile da coltivare sia in vaso che in piena terra. È perfetta per decorare giardini rocciosi e grandi fioriere.

26

Occorrente

  • Semi o talea oppure pianta di erica carnea
  • Terriccio torboso misto a sabbia, non calcareo
  • Acqua piovana
  • Solfato di ferro
  • Grandi fioriere oppure terreno aperto
36

L'erica carnea è una pianta da esterni. La si può coltivare anche in vaso, ma d'estate vive meglio in zone ombreggiate. Richiede una certa protezione dai raggi solari intensi.
Le innaffiatura devono essere frequenti, ma moderate. L'erica, infatti, non sopporta i ristagni d'acqua né i depositi di calcare. Come tanti altri cespugli autoctoni, prospera bene tra pietre e rocce, dove cresce rigogliosa. Il clima deve essere umido e ventilato, piuttosto che secco e afoso.

46

Per coltivare con successo l'erica carnea, è importante ricreare un habitat simile a quello naturale. La pianta ha bisogno di un terreno ricco di torba e sabbia, ben drenato con ciottoli e ghiaia.
Eventuali rinvasi si effettuano poco prima della ripresa vegetativa e subito dopo la fioritura.
Gli esemplari nei vasi necessitano di concimazione regolare, a base di solfato di ferro. Questo stimolerà la fioritura ed eviterà l'ingiallimento delle foglie.
Chi preferisce coltivare l'erica carnea in piena terra, deve limitarne la crescita eccessiva e infestante con frequenti potature. La fioritura è abbondante e durevole, se le temperature non superano i 15 gradi centigradi.

Continua la lettura
56

L'erica carnea si riproduce per talea oppure per seme a inizio primavera. Con delle forbici da giardinaggio, si recidono dei rami lunghi circa 15 centimetri. S'interrano in vasi pieni di torba umida e si attende l'emissione delle radici. Durante questo periodo, il terriccio deve sempre essere leggermente umido. Nel momento in cui spuntano i primi germogli, si può mettere a dimora la giovane pianta. La germogliazione indica che l'erica carnea ha sviluppato l'apparato radicale.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • In mancanza di solfato di ferro, porre intorno al fusto dei fondi caffè
  • Innaffiare l'erica con acqua piovana
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare la Jacobinia Carnea

È impressionante quante piante e fiori esistano al mondo. Forme, colori, profumi, tutto il fascino della natura in un essere vivente. Sembra quasi che i fiori esistano per ricordarci della magnificenza e perfezione di Madre Natura. Tante di queste piante...
Giardinaggio

Come coltivare la erica gracilis

Oggigiorno avere la possibilità di dedicarsi ad un hobby risulta il miglior modo per allontanarsi momentaneamente dai pensieri e dalle faccende quotidiane. In quest'ottica s'inserisce una delle tante possibilità, costituita dal giardinaggio. La Erica...
Giardinaggio

Come coltivare l'erica in vaso

L'erica è un arbusto sempreverde a basso tenore, le cui dimensioni e la forma variano notevolmente a seconda della specie. L'erica comune (Calluna vulgaris) è nativa delle paludi d'Europa e può essere difficile da coltivare in alcune aree secche. Tuttavia,...
Giardinaggio

Come potare la lavanda e l'erica

Avere il pollice verde non è da tutti, ma quasi ogni persona presenta nella propria abitazione oppure in giardino delle piante. In particolar modo, in questa guida semplice ed esauriente guida, parleremo della lavanda e dell'erica, per definire nello...
Giardinaggio

Come seminare e coltivare i pomodori

La pianta di pomodoro generalmente si sviluppa lungo un unico fusto principale, su cui si trovano le foglie: nella parte più bassa, cresce una gemma che dà origine ad un'altra piantina, ma purtroppo dev'essere eliminata perché sottrae linfa e nutrienti...
Giardinaggio

Come coltivare la camelia di appartamento

La famiglia delle camelie si divide in quarantacinque varietà, ma soltanto una decina si possono coltivare in giardino. La camelia nel linguaggio floreale vuol dire "bellezza e superiorità celate"; quando si regala una camelia significa che si ha grande...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

10 piante perenni resistenti al freddo da coltivare in Inverno

Se l'estate ci regala dei bei prati fioriti e l'autunno ci ha abituato a vedere paesaggi dai molteplici colori che vanno dal verde al rosso scuro, dall'arancione al giallo. L'inverno può riservare delle sorprese inaspettate all'occhio di un profano del...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.