Come coltivare lo schizocentron elegans

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Avete un'aiuola o uno spazio da poter ricoprire in modo uniforme e colorato? Potete applicare un prato verde oppure se la zona non sarà calpesta potrete allietare i vostri occhi piantando la schizocentron elegans, comunemente conosciuta come scialle spagnolo.
Vediamo come coltivare lo schizocentron elegans.

24

Lo schizocentron elegans, che da questo momento chiameremo scialle spagnolo, è una pianta sempreverde che inizia a fiorire in primavere raggiungendo il culmine nel periodo estivo. In alcune zone la sua fioritura può durare fino al periodo autunnale grazie alle temperature miti. È una pianta adatta ai climi torridi che non ama molto l'umidità.
È ideale per coprire delle aiuole non calpestabili perché il suo fogliame ricoprirà interamente la superficie formando un vero e proprio manto gradevole all'aspetto.

34

Lo scialle spagnolo è una pianta tuberosa e come tutte le tuberose non ama molto l'acqua ristagnante nè eccessiva. Gli steli raggiungono i sessanta centimetri circa e sono ricoperti da foglie tonde e verdi. I fiori hanno diverse cromie, infatti si possono trovare varietà rosa o magenta, in entrambi i casi la pianta è splendida. I fiori hanno cinque petali e sono su piccoli steli che spuntano direttamente dal ramo.

Continua la lettura
44

Questa splendida pianta può essere coltivata direttamente in terreno o in vaso. Affrontiamo i due casi singolarmente. Lo schizocentron elegans ama tutti i tipi di terreno, purché sia ben drenato. In terreno sarà necessario interrare i bulbi ed innaffiarli gradualmente in modo da stimolare la germinazione e quindi successivamente la fioritura. Ama essere innaffiata periodicamente ma non in modo abbondante. In vaso, invece, sarà necessario preparare un terreno che permetta un eccellente drenaggio. Quindi sarà necessario aggiungere al comune terriccio della sabbia oppure dell'argilla espansa. È possibile trovare questi materiali in qualsiasi negozio di piante oppure nei vivai. Dopo aver sotterrato il bulbo, iniziare con una innaffiatura regolare e graduale mantenendo il terreno umido ma non bagnato; questo permetterà la geminazione del bulbo e quindi la sua fioritura. I metodi di propagazione dello scialle spagnolo sono molto semplici e si praticano nel periodo autunnale. Infatti, si può duplicare o per talea o per separazione del rizoma. In quest'ultimo caso si deve separare il bulbo originario in due parti ed interrarlo in un vaso che dovrà essere ricoperto con una pelliccola e non essere esposto direttamente direttamente ai raggi del sole. La pellicola permetterà di mantenere costante l'umidità del suolo. Ricordate di non mantenere acqua sul fondo del vaso. Buona fioritura!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare la palma della fortuna

La palma delle fortuna, conosciuta anche come palma Chusan, è una pianta di origine cinese coltivata soprattutto in parchi e giardini pubblici di tutto il mondo, ma in particolar modo nelle zone con climi temperati e subtropicali. La sua tolleranza di...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare i germogli sul balcone

Sentite di avere il pollice verde ma vi manca lo spazio per coltivare i vostri germogli? Non abbiate timore: non dovrete mai più rinunciare alla vostra passione. Anche in spazi ristretti è possibile coltivare le sementi ed i germogli che più vi aggradano,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.