Come Coltivare Piante Di Papiro

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il papiro appartiene alla famiglia delle Ciperacee (piante acquatiche). Cresceva anticamente sulle rive del Nilo e in alcune zone del Mediterraneo e veniva utilizzato nell'antico Egitto per produrre fogli per la scrittura, ma anche farmaci, cordami e indumenti. In questa guida, a tal proposito, vi sarà spiegato come coltivare a scopo ornamentale una pianta di papiro, attraverso pochi e semplici passaggi e dei consigli utili e pratici. Vediamo quindi insieme il procedimento da seguire.

26

Occorrente

  • Pianta di papiro
36

Collocate il papiro in un luogo soleggiato

Per acquistare un papiro e iniziare la coltivazione, potete benissimo recarvi presso un negozio di fiori o in un vivaio preferendo le piante con ciuffi verdi e rigogliosi a quelle con foglie ingiallite o scure. Se invece conoscete qualcuno che già ne possiede uno, potete farvi tagliare degli steli con infiorescenza. Il papiro è un pianta che necessita di molta acqua, crescendo in zone paludose o sulle rive di fiumi, laghi o stagni. Va quindi collocato in posti soleggiati o comunque luminosi. Durante la stagione primaverile-estiva i papiri devono essere annaffiati con maggiore frequenza, ma senza esagerare inzuppando eccessivamente il terreno.

46

Utilizzate il concime liquido

Sarebbe utile anche un sottovaso che possa contenere l'acqua accumulata dall'annaffiatura e che assicuri sempre una buona umidità del terriccio. Durante i periodi più freddi dell'anno o quando la temperatura è al di sotto dei 15°C, l'annaffiatura deve essere ridotta, perché a causa del freddo, la capacità della pianta di assorbire l'acqua è minore, le radici iniziano a marcire con conseguenti macchie scure che si formano sulle foglie che si trovano alla base del papiro. Per quanto riguarda la concimazione, si può somministrare del concime liquido per piante verdi durante il periodo vegetativo dei papiri (da marzo a settembre).

Continua la lettura
56

Tagliate regolarmente l foglie

Il papiro è una pianta che viene raramente attaccata da parassiti, ma nel caso ci fosse un'eventuale presenza di afidi, usate un apposito antiparassitario. Rinvasate ogni anno a primavera, soprattutto se la pianta presenta segni di carente crescita dovuti alla ristrettezza del vaso o a un terriccio inadeguato. Il papiro è una pianta che non ha bisogno di potatura, ma si possono comunque tagliare regolarmente le foglie che ingialliscono e si seccano per prevenire malattie parassitarie. Il papiro è una pianta antica. Coltivarla non è difficile ma ci vuole comunque molta pazienza e dedizione, in quanto il clima in cui verrà coltivata è diverso dal suo habitat naturale. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Sarebbe utile anche un sottovaso che possa contenere l'acqua accumulata dall'annaffiatura e che assicuri sempre una buona umidità del terriccio.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il papiro

Il papiro è originario dell'Africa tropicale. Era molto diffuso nel delta del Nilo, dove ha avuto origine il suo impiego come materiale di supporto alla scrittura. Oggi vi è ancora presente seppure in quantità piuttosto ridotte. In Europa cresce spontaneamente...
Giardinaggio

Come curare il papiro

Il papiro è una specie molto antica che ricorda l'affascinante storia del popolo Egizio. Si tratta di una sorta di canna di palude che cresce in quelle zone dove vi è una presenza massiccia di acqua. Necessita della temperatura calda dell'aria: ciò...
Giardinaggio

Come propagare il papiro

Il Cyperus papyrus, chiamato comunemente papiro, è un'affascinante pianta erbacea perenne dall'aspetto esotico. Amante del caldo e dell'acqua, può essere coltivata in casa senza troppe difficoltà, a patto che si rispettino le sue esigenze peculiari...
Giardinaggio

Come e quali piante coltivare in camera da letto

Chi ama davvero molto le piante, tenerle in casa, curarle ed ammirarne l'eleganza ed i colori trova naturalmente molto difficile dover rinunciare al loro effetto rilassante e vivificante in camera da letto. Si dice, infatti, che coltivare piante in una...
Giardinaggio

Piante aromatiche da coltivare in vaso

Le piante aromatiche si prestano agli utilizzi più svariati, soprattutto in campo culinario. Ma davvero pochi conoscono i pregi che la coltivazione casalinga di queste piante speciali è in grado di dare. In questa guida vogliamo dunque illustrarvi le...
Giardinaggio

Come piantare e coltivare le piante grasse in vaso

Se avete il pollice verde, potreste piantare e coltivare le piante grasse in vaso. Tali piante, conosciute anche come succulente, sono perfette per gli ambienti aridi. Queste, infatti, sviluppano foglie e steli molto carnosi che accumulano e conservano...
Giardinaggio

Come coltivare le piante selvatiche

Quando si ha una casa con un appezzamento di terreno, si fa di tutto per renderlo il più carino possibile, coltivando delle piante oppure sistemando degli spazi con degli arredi da esterno. A volte, facendo delle passeggiate in natura si possono osservare...
Giardinaggio

Come Coltivare Le Piante Sospese

Le piante sospese sono un ornamento capace di donare un tocco di eleganza e freschezza agli ambienti che le ospitano. Soprattutto in caso di spazi piuttosto piccoli, questo tipo di decorazione è un'ottima soluzione da adottare.Tuttavia, le piante sospese...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.