Come coltivare un alberello di fucsie

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Possiamo trasformare facilmente una vigorosa pianta di fucsia in un alberello, con la quale possiamo decorare il nostro terrazzo, rendendolo variopinto. L'operazione non è molto difficile e non crea assolutamente problemi alla pianta, se scegliamo solo un vaso di cotto, che con il suo peso è in grado di sostenere l'albero. Il genere Fucsia, appartenente alla famiglia delle Onagraceae, comprende numerose piante originarie dell'America centrale e meridionale e della nuova Zelanda, dove possiamo riscontrare piante sia a portamento arbustivo che arboreo a foglie decidue o sempreverdi, che possono assumere sia l'aspetto di un vero e proprio albero che avere un portamento prostrato. Se non sai come coltivare un alberello di Fucsie, allora non ti resta che continuare a leggere questa fantastica guida!

26

Occorrente

  • Pianta di fucsia
  • Vaso di cotto
  • Determinazione e passione
36

La coltivazione delle Fucsie non è affatto semplice, poiché occorre una grande pazienza e dedizione. Sicuramente si può essere facilitati se le condizioni pedo-climatiche della zona sono adatte alle loro esigenza. Prediligono posizioni molto luminose, ma non a contatto con i raggi solari per periodi di tempo eccessivamente prolungati; possono svilupparsi al meglio anche in zone ombreggiate. La gran parte delle specie in commercio, teme il freddo, quindi si devono coltivare in giardino solo durante la bella stagione, quindi si ripongono in serra temperata, con temperatura minima intorno ai 9 - 12 °C. Dato che sono piante originarie delle zone montane umide e fresche, richiedono pertanto un ambiente umido e al riparo dai raggi ultravioletti del sole.

46

La Fucsia, durante tutto il periodo primaverile-estivo, va annaffiata regolarmente, in modo che il terreno rimanga sempre umido, mentre durante il periodo del riposo invernale, occorre annaffiarla giusto un po', per non far seccare il terreno. Durante la stagione calda, la pianta bisogna nebulizzarla alla chioma, la mattina presto per mantenere un ambiente umido intorno alla pianta. Il rinvaso nelle fucsia si effettua alla fine dell'inverno, usando un buon terriccio fertile, miscelato con della torba ed un po' di sabbia.

Continua la lettura
56

La fucsia si pota alla fine dell'inverno accorciando i rami fino ad un terzo della loro lunghezza per darle una forma regolare in quanto tende a crescere disordinata. Una potatura così drastica non comprometterà la fioritura in quanto i fiori si formano sui rami dell'anno. Devono essere frequenti le cimature degli apici vegetativi per impedire che i fusti si allunghino eccessivamente e la pianta si spogli nella parte bassa. La fioritura della fucsia si ha, nella maggior parte delle specie, nel periodo primaverile-estivo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Durante tutto il periodo autunno-invernale le concimazioni vanno sospese in quanto la pianta entra in riposo vegetativo
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare un alberello di avocado

L'avocado è un gustoso frutto che si presta in cucina per la preparazione di svariate ricette. Una volta consumata la sua deliziosa polpa, sarà utile conservare il seme per poi piantarlo ed iniziare a far crescere una pianta rigogliosa e verde. All'interno...
Giardinaggio

Come coltivare e moltiplicare la yucca: l'alberello della felicità

La Yucca è una pianta d’appartamento che si riconosce per il fusto legnoso e ruvido e perché in cima ha ciuffi di foglie ensiformi. Questo genere comprende una quarantina di specie; allo stato spontaneo la pianta può raggiungere anche l’altezza...
Giardinaggio

Come potare una rosa ad alberello

Le rose ad alberello sono una particolare tipologia di rose leggermente più piccole rispetto alle altre specie. La dimensione inferiore è però compensata da una fioritura decisamente più abbondante. Si tratta pertanto di piante esteticamente molto...
Giardinaggio

Come impiantare nel giardino un alberello di Kaki vaniglia

È una pianta resistente anche alle basse temperature e pertanto diffusa anche nelle regioni del nord, il kaki vaniglia si differenzia dal kaki comune per la polpa soda, croccante e meno delicata, che ricorda molto quella della mela. Ha una forma leggermente...
Giardinaggio

Come coltivare un albicocco nano in vaso

Se non abbiamo un giardino ed adoriamo le coltivazioni, non è il caso di disperarci, poiché è importante sapere che anche in vaso si possono coltivare alcune specie di piante da frutto e tra queste vale la pena citare l’albicocco nano. Si tratta...
Giardinaggio

Come coltivare un ciliegio

Il ciliegio è una scelta vincente come pianta da giardino per la bontà dei suoi frutti e per la bellezza delle sue infiorescenze. È un albero molto semplice da coltivare e che richiede pochissimi interventi nel corso della sua vita. Il ciliegio non...
Giardinaggio

Come Coltivare L'Aralia Elata

Comunemente si conosce con il nome di Aralia, ma in realtà il termine botanico corretto è Fatsia. L'unica specie che appartiene a questo genere è la Fatsia japonica; essa è conosciuta anche come Aralia japonica oppure Aralia sieboldii. Le persone...
Giardinaggio

Come cominciare a coltivare i bonsai

"Bonsai", noi occidentali lo interpretiamo in due modi. Il bonsai, o meglio, quel bell'alberello che vediamo nei negozi. Quello piccolino, di cui vendono anche tanti manuali perché difficile da potare. Ma anche l'arte orientale di coltivare miniature...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.