Come coltivare un albero di albicocco

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Le albicocche sono normalmente dei frutti deliziosi, pieni di succo e hanno un sapore delicato. Queste qualità sono ancora più accentuate soprattutto se vengono mangiate direttamente dall'albero, in quanto sono più gustose rispetto a quelle che vengono acquistate in un supermercato. Questo vantaggio è dovuto soprattutto al fatto che il frutto non subisce alcun passaggio, bensì arriva direttamente dalla pianta al consumatore e mantiene inalterate le sue proprietà benefiche. Per coltivare un albero di albicocche non è necessario essere degli esperti del giardinaggio,, a è sufficiente seguire alcune semplici indicazioni. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come coltivare un albero di albicocco.

26

Occorrente

  • Acqua
  • Concime
  • Albero di albicocco
  • Antiparassitario spray
  • Forbici da potatura
36

Il terreno

Bisogna anzitutto dire che l'albicocco è un albero perenne e non ha particolari esigenze per quanto riguarda il terreno, quindi potete piantarlo sia nel giardino di casa, sia nel terreno di campagna. Gli albicocchi, solitamente, iniziano a fruttificare già al secondo anno di vita, ma raggiungono la piena maturità fra i 3 e i 5 anni. I frutti iniziano a spuntare a fine marzo e maturano non prima di giugno. Può, tuttavia, accadere che l'albero impieghi più di due anni, prima di offrire i suoi frutti e ciò può essere giustificato dalla presenza di un clima particolarmente rigido o di una innaffiatura non sufficiente.

46

Piantagione

Piantate l'albero in modo che stia al riparo da eventuali gelate e in un luogo in cui possa godere del calore del sole. Fate molta attenzione: il terreno scelto non deve essere né troppo arido né troppo umido, per evitare che eventuali batteri possano moltiplicarsi e infettare le radici della pianta. Innaffiate l'albero frequentemente e con cadenza regolare. Concimate poi con dei concimi specifici, applicando il prodotto in autunno e in primavera. Se necessario, spruzzate un antiparassitario sulle foglie, così da impedire agli insetti di rovinare i frutti del vostro albicocco.

Continua la lettura
56

Potatura

Ricordate di potare i rami periodicamente. Eliminate i rami interni e tagliate quelli più vecchi, stando attenti a non rompere le gemme e a non tagliare del tutto il ramo ma ad accorciarlo delicatamente. Curate eventuali malattie, mediante l'uso di antiparassitari e anticrittogamici, come prescritto dalle normative. Se notate che un ramo è stato infettato da qualche parassita, tagliatelo via e mettete una soluzione specifica nelle radici: così facendo, salverete la pianta da una possibile infezione e potete godere ancora dei suoi frutti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Piantate l'albero in modo che stia al riparo da eventuali gelate e in un luogo in cui possa godere del calore del sole.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare un albicocco nano in vaso

Se non abbiamo un giardino ed adoriamo le coltivazioni, non è il caso di disperarci, poiché è importante sapere che anche in vaso si possono coltivare alcune specie di piante da frutto e tra queste vale la pena citare l’albicocco nano. Si tratta...
Giardinaggio

Come e quando potare l'albicocco

L'albicocco o albero di albicocche ( Prunus Armeniaca) è un albero, della famiglia delle Rosacee.Una volta piantato, in giardino o in un vaso capiente, impiega un paio di anni per svilupparsi e per produrre i frutti. All'inizio le fioriture saranno modeste,...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura dell'albicocco

Le albicocche sono i frutti più buoni dell'estate, morbide e gustose imbastiscono la tavola da maggio a giugno. L'albero che le produce (se collocato su un terreno idoneo e un clima adeguato), non ha bisogno di particolari cure, ma non bisogna mai sottovalutare...
Giardinaggio

Come coltivare l'albero di limone

L'albero di limone è una pianta prettamente mediterranea. Il sud dell'Italia, nelle sue coltivazioni, si caratterizza spesso di colorate piante di agrumi. Fra di esse, spicca il giallo dei frutti dell'albero di limone. Ricchi di vitamina C, sono un vero...
Giardinaggio

Come coltivare un albero di sandalo

Il sandalo è un albero sempreverde. In natura raggiunge anche i 10 metri. Presenta fiori e frutti carnosi. L'albero di sandalo è originario dell'India meridionale, poi diffuso in Australia e via via in tutto il mondo. Conosciuto anche nell'antichità...
Giardinaggio

Come coltivare l'albero di ulivo

Per chi possiede un giardino ma anche un angolo verde dalle dimensioni ridotte, coltivare un albero di ulivo può essere la soluzione migliore e quella che, nella maggior parte dei casi, offre le soddisfazioni migliori. L'ulivo è infatti una pianta sempre...
Giardinaggio

Come coltivare un albero di anacardi

L'albero di anacardi è una pianta originaria dei Caraibi e del Brasile nord-orientale, anche se oggi viene coltivato in molte altre zone tropicali del mondo, soprattutto in Africa, in India e nel Sud-Est asiatico. Fa parte della famiglia delle Anacardiaceae,...
Giardinaggio

Come potare gli alberi di albicocco

L'albicocco è un albero appartenente alla famiglia delle Rosacee, di origini cinesi e venne diffuso in Europa molti secoli fa dagli arabi. È alto circa sette metri e può arrivare intorno ai nove; ha foglie dal colore verde e dai margini merlati a forma...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.