Come coltivare un pino marittimo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il pino marittimo è tipico del mediterraneo e può essere coltivato con estrema facilità anche da chi è meno esperto nel campo. Esso si sviluppa notevolmente e dà grandi soddisfazioni a chi lo coltiva. Il suo caratteristico profumo resinoso è in grado di far rilassare le persone ed inoltre consente di apprezzare la vita all'aria aperta. L'ambiente ideale per la crescita è quello in prossimità delle coste; se il clima è temperato si adatta anche a vivere nell'entroterra. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come è possibile coltivare questa pianta meravigliosa.

26

Occorrente

  • Pianta di pino marittimo
36

Scelta della zona della coltivazione

La prima cosa da sapere è che il pino marittimo cresce con estrema rapidità. Si può scegliere di piantare un seme oppure, per velocizzare i tempi, si può comprare una piantina. Il periodo migliore per piantarlo è quello che va dai primi di ottobre all'inizio della primavera. È fondamentale non scegliere un punto vicino ai muri oppure ad altre strutture. Infatti, siccome le radici crescono notevolmente sollevandosi in superficie possono causare dei seri danni facendo crollare le pareti.

46

Cosa fare per una crescita ottimale

Il terreno più adatto al pino marittimo è costituito principalmente da sabbia. Esso non deve essere argilloso in quanto la pianta teme i ristagni d'acqua. Questi ultimi possono far marcire le radici e di conseguenza portarla alla morte in breve tempo. Durante i primi anni di vita è opportuno innaffiare regolarmente la pianta soltanto quando il terreno si presenta asciutto. Invece, successivamente, quando l'albero si è ben sviluppato è sufficiente l'acqua piovana per farlo crescere in modo sano.

Continua la lettura
56

Come proteggerlo dalle malattie

Come tutte le specie vegetali anche il pino marittimo è soggetto a malattie ed all'attacco di pericolosi parassiti. Tra le più note e pericolose c'è la cocciniglia corticola del pino marittimo. Questa malattia colpisce la sua corteccia e per poter salvaguardare la pianta da questo parassita è necessario eseguire dei trattamenti preventivi specifici. In questo modo si riescono a tenere lontano i parassiti. I segnali tipici di questa malattia sono rappresentati dalla presenza di cisti tonde e squamose sulla corteccia dell'albero. Il parassita è in grado di causare l'indebolimento del pino marittimo succhiando la sua linfa. In questo caso è consigliabile intervenire in maniera tempestiva ed efficace. Bisogna necessariamente abbattere la pianta per evitare la contaminazione delle altre che sono vicine.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nei primi anni di vita proteggete il pino marittimo dalle basse temperature

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come piantare un pino

Il pino è una pianta straordinaria in grado di abbellire e arricchire i più estesi spazi. Tuttavia, vederlo crescere, oppure trovarlo già grande nei nostri giardini, non darà altro che un meraviglioso apporto per noi che lo pianteremo. In questa guida,...
Giardinaggio

Come potare gli alberi di pino giapponese

In questa bella guida, che vogliamo proporre a tutti i nostri lettori appassionati del fai da te ed in particolar modo di giardinaggio, vogliamo aiutarli ad imparare e capire, come poter potare gli alberi di pino giapponese, nel migliore dei modi ed in...
Giardinaggio

Come potare il pino

Gli alberi di pino sono tra i pochi che non richiedono cure particolari e possono crescere anche in condizioni di terreno non ottimali. Tuttavia la potatura è necessaria, per cui bisogna effettuarla correttamente, eliminando tutto ciò che si è essiccato,...
Giardinaggio

Come essiccare gli aghi di pino

La natura ci regala tantissimi prodotti e soprattutto semi e foglie da poter essiccare, per poi utilizzarli per preparare gustose e benefiche bevande e tisane, oltre che per alcune decorazioni per la casa come ad esempio cestini e corone ornamentali....
Giardinaggio

Come pacciamare il giardino con gli aghi di pino

Ogni terreno si deve, sempre saper mantenere, concimandolo perfettamente e proteggendolo dall'erosione e dai vari fenomeni atmosferici che, sicuramente provocano una crosta nella sua superficie e la crescita di erbacce che si potrebbero evitare se si...
Giardinaggio

Come combattere la processionaria del pino

I pini sono degli alberi bellissimi, che abitano la maggior parte delle campagne italiane, e non è infrequente trovarli come alberi nei giardini di ogni villetta. Purtroppo però questo splendido albero è abitato periodicamente da alcuni piccoli animaletti...
Giardinaggio

Come Coltivare La Forsizia

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i lettori, a capire ed imparare come poter coltivare, nel modo corretto e propizio, la forsizia. Iniziamo subito con il dire che la Forsizia altro non è che un arbusto ornamentale proveniente dalla famiglia delle...
Giardinaggio

Come coltivare piante acidofile nel terreno calcareo

Possedete un giardino o un bel balcone dove sono posizionate diverse piante ma molte di queste nonostante tutta la nostra cura ed amore nell'innaffiarle regolarmente, tendono a morire vanificando i nostri sforzi? Nessun problema perché allora questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.