Come coltivare un prato di trifogli

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il trifoglio è una pianta conosciuta in ogni parte del mondo, infatti, ne esistono moltissime specie diverse a seconda del clima e del terreno su cui crescono, e si parla addirittura di alcune specie di trifogli conosciute fin dall'antichità. Fa parte della famiglia delle leguminose, ed è conosciuta nel mondo per la sua stravagante forma lanceolata divisa in tre foglie. Tra le moltissime specie conosciute, quelle più comuni, soprattutto nelle nostre zone, sono quelle rosse e le bianche, che crescono in altezza per circa 15 cm. L'obiettivo di questa guida è quello di spiegarvi come coltivare un prato di trifogli, spiegando quale tipo di terreno utilizzare e come "nutrirlo".

26

Occorrente

  • Semi
  • terreno
  • rastrello
  • pala
36

Acquistare i semi

Il primo passaggio fondamentale è, ovviamente, acquistare i semi di trifoglio, che potrete trovare in qualsiasi vivaio o negozio di giardinaggio. Il più appropriato e versatile per l’uso richiesto è il trifoglio bianco che, come è stato precedentemente accennato cresce fino a 15 cm, creando, durante il periodo di fioritura, delle fantastiche escrescenze bianche. Il trifoglio è una pianta molto conosciuta soprattutto perché è molto forte e cresce ovunque, quindi potete piantarla in ogni periodo dell'anno, anche se è comunque preferibile il periodo primaverile, essendo più caldo.

46

Occuparsi del terreno

La pianta predilige un terreno argilloso, o comunque non molto bagnato, quindi mescolate i semi insieme al terriccio. Spargete questa poltiglia sul terreno da coltivare, stando bene attenti a spargere i semi in maniera uniforme, così da non far venire buchi poco estetici. A questo punto ricoprite tutti i semini con uno strato di terriccio che non sia troppo spesso, dato che bloccherebbe la crescita della pianta. Adesso arriva il momento dell'innaffiamento: mi raccomando, siate delicati e utilizzare un getto d'acqua molto leggero, in modo tale che non scombussoli il terreno e faccia fuoriuscire i semini.

Continua la lettura
56

Conoscere le proprietà del trifoglio

Il trifoglio non richiede una semina molto frequente, se lasciato fiorire: infatti, questa pianta genera automaticamente nuovi semi che andranno a sostituire quelli vecchi. Per quanto riguarda il prato, esso non necessità di molte cure, a base di fertilizzante, perché le radici producono dei batteri capaci di trattenere l’azoto presente nell'aria, che aumenta la produzione delle piantine, evitando quindi la comparsa dei classici animali infestanti. Inoltre, è molto resistente ai periodi di siccità, tuttavia questo comporta una poca e lenta crescita della pianta. La guida termina qui: spero di essere stato il più chiaro possibile ed in bocca al lupo con la semina!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come realizzare un prato in giardino

Possedere un bel prato rigoglioso nel proprio giardino è da sempre il sogno di qualsiasi amante della natura. Non c'è nulla di meglio della propria oasi personale per far giocare i bambini in sicurezza oppure rilassarsi all'ombra nelle giornate primaverili...
Giardinaggio

Come far crescere rigoglioso il tuo prato

Un prato bello e rigoglioso è il miglior modo di "arredare" il proprio giardino. Crescere un prato non è difficile, e curarlo è un modo salutare di rilassarsi nel tempo libero. Un bel manto erboso uniforme regala luce ed allegria agli spazi all'aperto....
Giardinaggio

10 consigli pratici per un prato perfetto

Sognate da sempre un prato come quelli che si vedono nei giardini delle case inglesi o americane? Avete provato più volte a far crescere nel vostro giardino un prato verde e brillante ma non avete ottenuto i risultati sperati? Allora questa è proprio...
Giardinaggio

Come allestire un prato a rotoli

Immaginiamo un'ampia dimora con giardino, in cui passare gradevoli momenti di relax. Il contesto ideale per chiunque volesse godere del tempo libero senza allontanarsi dalla sicurezza di casa. Respirare i profumi di una ricca vegetazione, su un rigoglioso...
Giardinaggio

Prato: malattie e cure

Il prato è una superficie verde che richiede una cura ed un'attenzione tante assidue, quanto quelle dedicate alla coltivazione di una pianta o di un fiore. È fondamentale combattere sia la siccità (irrigando ogni qualvolta il terreno lo richiede) che...
Giardinaggio

Come scarificare e arieggiare il prato verde

Con la scarificazione, si rimuove il muschio che è cresciuto nel periodo estivo. Se il muschio e le erbacce vengono rimossi correttamente, l'erbetta del prato, riceve più aria e più luce e dunque presenta una maggiore durata. Dopo scarificazione, è...
Giardinaggio

Come tosare il prato

Saper tosare il prato è una capacità molto importante per chi ha intenzione di iniziare ad abbellire la zona verde della propria abitazione. Tale operazione viene spesso sottovalutata ma in realtà deve essere ben pianificata a monte dell'intervento:...
Giardinaggio

Come impiantare un prato erboso a rotoli

Se desiderate avere al più presto un bel prato verde, ma non avete alcuna intenzione di attendere che i semi germoglino, mettete direttamente a dimora i tappeti erbosi. In meno di una giornata, infatti, il vostro bel prato sarà impiantato e il vostro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.