Come coltivare una crassula falcata

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La crassula falcata è una pianta conosciuta in tutto il mondo, appartenente al genere delle succulenti ed originaria delle zone aride del'Africa meridionale. Il nome deriva dal latino "crassus" che significa grasso: infatti, sia i fusti che le foglie, hanno una costituzione carnosa, utile per accumulare acqua. Le foglie hanno la particolarità di avere una forma che ricorda quella di una falce e sono ricoperte da una sostanza cerosa, oppure da una lieve peluria. I fiori hanno la forma di una stella e la loro grandezza varia da specie a specie. Coltivare questo tipo di pianta non è particolarmente difficile e a tal proposito, nella seguente guida, illustrerò come coltivare una crassula falcata nella maniera corretta. Vediamo quindi come procedere.

27

Occorrente

  • acqua
  • terreno
  • concime
  • vaso in terracotta
37

Come prima cosa, la crassula falcata ha bisogno di molta luce in tutte le stagioni, quindi va posizionata preferibilmente a sud, ossia dove i raggi del sole arrivano senza però colpirla direttamente. Come tutte le succulente, non necessita di forti quantitativi di acqua anche se in estate va innaffiata regolarmente. In ogni caso, è bene assicurarsi che la superficie del terriccio sia completamente secca prima di bagnarla nuovamente. In inverno, si deve innaffiare molto raramente, perché trattenendo i liquidi non necessita di grossi quantitativi di acqua, specialmente se il clima è freddo.

47

Successivamente, rispetto alle altre specie, la crassula falcata è un po' più delicata e quindi se le temperature scendono al di sotto dei 9/10 gradi, essa deve rimanere completamente asciutta. Evitare assolutamente i ristagni di acqua nel sottovaso che farà marcire le radici portandola alla morte. Il terreno in cui va coltivata, deve essere dotato di una buona capacità drenante, quindi, è bene aggiungere della sabbia che permetterà all'acqua in eccesso di scorrere più agevolmente. Dopo il periodo freddo, è consigliabile arricchire il terreno con un concime ricco di potassio e fosforo, ma povero di azoto.

Continua la lettura
57

Periodicamente, inoltre, la pianta va rinvasata e il periodo migliore è la primavera. Si consiglia di scegliere vasi in terracotta e di evitare quelli in plastica, che non permettono alla terra di respirare come dovrebbe. I vasi devono essere più larghi che profondi visto che, le radici di questo particolare tipo di pianta si sviluppano più in larghezza che in profondità. Per ottenere delle nuove piantine, si possono utilizzare dei polloni, ovvero le piccole piantine che si vedono alla base della pianta madre.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare i germogli sul balcone

Sentite di avere il pollice verde ma vi manca lo spazio per coltivare i vostri germogli? Non abbiate timore: non dovrete mai più rinunciare alla vostra passione. Anche in spazi ristretti è possibile coltivare le sementi ed i germogli che più vi aggradano,...
Giardinaggio

Come coltivare l'orto

Se vogliamo mangiare sano, senza spendere molto per costosissimi prodotti coltivati biologicamente, la soluzione ottimale è quella di coltivarci da soli un bell'orto pieno di verdure. Anche se non possediamo il classico pollice verde, non preoccupiamoci,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.