Come coltivare una dalia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La dalia è un fiore di origine messicana appartenente alla famiglia delle composite. Possiede uno stelo lungo e lineare, mentre i fiori sembrano formati da tante margherite concentriche. Le dalie presentano fiori colorati ed appuntiti che, generalmente fioriscono, da metà estate fino al primo gelo. Esse variano sia nel colore che nelle dimensioni: dalla più grande (che arriva quasi a 25 cm di circonferenza), alla più piccola (che è di 5 cm). Le dalie crescono maggiormente quando sono a contatto diretto con la luce solare: esse, infatti, necessitano dalle 6 alle 8 ore di luce, oltre che di un terreno ricco e ben drenato. Il livello del pH del terreno deve essere tra i 6,5 ai 7,0 di acidità. In questa guida, vi illustrerò come coltivare correttamente una dalia.

26

Occorrente

  • Luce solare diretta
  • terriccio sciolto arricchito con concime organico
  • Annaffiature abbondanti
36

Esporre la pianta alla luce del sole diretta

Anzitutto, provenendo da un paese molto caldo, la dalia necessita di una perenne esposizione alla luce del sole, meglio se diretta. Sarà comunque preferibile che la posizione scelta per interrare questa composita offra anche la possibilità di godere di una brezza leggera. In inverno, però, data l'assoluta incapacità di sopportare freddo e gelate, la pianta andrà tenuta al riparo dagli agenti atmosferici, ma comunque al caldo ed alla luce. Per quanto riguarda il terreno, l'ideale sarà del terriccio sciolto arricchito con concime organico (quest'ultimo va aggiunto se la pianta è ancora giovane ed in fase di crescita). La temperatura del suolo dovrà raggiungere i 60 gradi circa. Oltre a ciò, si consiglia di attendere che siano completamente trascorse le gelate primaverili, prima di piantare le dalie.

46

Effettuare delle abbondanti annaffiature

Successivamente, la messa a dimora andrà effettuata non appena sarà cessato ogni pericolo di gelata. In genere, si predilige la primavera e, in particolare, il periodo che va da marzo ad aprile. La dalia necessita anche di abbondanti annaffiature, facendo comunque attenzione a non eccedere troppo. Ciò, infatti, significherebbe far marcire il bulbo e quindi uccidere la pianta. Non appena avrà inizio la stagione delle piogge, bisognerà ridurre il quantitativo di acqua.

Continua la lettura
56

Potare settimanalmente la pianta

La concimazione dovrà avvenire con cadenza quindicinale ed avvalendosi di concimi a lenta cessione oppure organici, fino a quando non nasceranno le prime foglie. Una volta fiorita, la dalia non richiederà più l'apporto nutritivo di alcun tipo di concime. Per far fiorire spesso la pianta e godere della vista di fiori sempre più belli, sarà bene potarla settimanalmente eliminando tutto ciò che sarà secco.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Durante la fioritura, le dalie andranno trattate con fungicidi ed antiparassitari.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come piantare la dalia

La dalia è senza dubbio una bellissima pianta. Appartiene alla famiglia delle "bulbose" e nel linguaggio dei fiori, regalare una dalia esprime un senso di gratitudine. Oltre ad essere molto bella questa pianta, risulta davvero gratificante riceverla...
Giardinaggio

Come propagare la dalia

La dalia, nome scientifico Dahlia pinnata, fu chiamata così in onore di un discepolo dello scienziato Linneo che si chiamava Dahl. È una delle poche piante che trova nel nostro paese un gran favore, anche se viene maggiormente coltivata in altre parti...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.