Come coltivare una dracaena warneckei

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La Dracaena Warneckei appartiene alla famiglia delle Dracaene Dermensis, una tipologia di piante molto adatte all'arredamento perché di grande bellezza ed eleganza e, sprovviste di fiori e di frutti. È una pianta sempreverde ornamentale caratterizzata da un piccolo tronco e da lunghe foglie di colore verde scuro con una o più righe bianche nel centro o con dei tratti più chiari. Tuttavia non è una pianta che richiede particolari cure e, per garantire una lunga vita a questo arbusto non ci rimane che seguire dli utili suggerimenti di questa guida su come coltivare una Dracaena Waeneckei.

26

Questa pianta proviene dall'Africa quindi non è amante delle basse temperature, si consiglia di non esporla ai raggi diretti del sole e, di evitare che le condizioni termiche scendano sotto i 10/13 gradi centigradi, è sconsigliabile, quindi, mantenere la pianta all'esterno durante l'inverno, quando la temperatura può scendere drasticamente. La Dracaena sopporta anche le temperature più secche.
Per mantenerla in buona salute è un bene annaffiarla abbondantemente da maggio a settembre, meno assiduamente d'estate e ancora meno d'inverno. Le foglie vanno lavate, asciugate e pulite con dei panni umidi, per garantire la lucentezza e la salute del fogliame, da eliminare se secco.

36

L'acqua non dovrà comunque mai ristagnare, il terreno utilizzato dovrà garantire la possibilità di drenare i liquidi in eccesso; per garantire una buona crescita della pianta, sul fondo del vaso deve essere steso uno strato spesso almeno 3/4 centimetri di sabbia o di materiale grossolano come pomice, lapillo o argilla. Il resto del terriccio da utilizzare deve essere soffice e concimato (terra di foglie e torba).

Continua la lettura
46

La moltiplicazione di questa pianta può avvenire per margotta o per talea.
La margotta è una tecnica di riproduzione che garantisce la creazione di nuove piantine: da un ramo ancora attaccato alla pianta madre si deve eliminare la corteccia, questa parte scoperta va avvolta in un sacco ricolmo di terriccio dove le radici cominceranno a formarsi e, una volta completato il procedimento, eliminando il sacco e il ramo, le radici appena create verranno trapiantate in un nuovo vaso per ottenere un nuovo arbusto. La talea è una parte della pianta precisamente recisa che posta in acqua o in terra, in virtù delle proprietà rigenerative delle piante, inizierà a riprodurre nuovamente le radici, o le parti mancanti, garantendo la nascita di una nuova pianta.

56

Guarda il video

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come Riconoscere Il Dracaena Draco

Il Dracaena draco è un magnifico albero di origini subtropicali. Si sviluppa principalmente nelle Isole Canarie, a Tenerife è infatti uno dei simboli rappresentativi del posto. Purtroppo questo splendido arbusto sta via via perdendosi, gli esemplari...
Giardinaggio

Come coltivare una spirale di bambù

Occuparsi di una pianta non sempre è una cosa semplice, specie per chi non possiede il cosidetto "pollice verde". Nonostante ciò alcuni di voi vorranno cimentarsi comunque in questo genere di hobby, dunque non vi resterà che scegliere la pianta che...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.