Coltivare una pianta di fagioli: esperimento di scienze

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Curare e veder crescere le piante è un'esperienza bellissima ed è molto appagante per tutti noi. È per questo motivo che desidereremmo condividerla con i nostri bambini, anche se, essendo un’operazione abbastanza delicata, temiamo che possano, senza volerlo, provocare dei danni ai nostri carissimi vegetali. Ma c’è un sistema per avvicinare i piccoli, in modo semplice e molto divertente, a questa pratica insegnandogli a coltivare una pianta di fagioli: per loro sarà come partecipare a un esperimento di scienze che potranno raccontare ai loro compagni di scuola e alle loro maestre. In questa guida vi spiegherò come procedere.

26

Occorrente

  • fagioli
  • vasetti di yogurt vuoti o bicchieri di plastica
  • ovatta
  • acqua
  • vaso da fiori con sottovaso
  • terra
36

Lava i fagioli

In questa nuova esperienza i bambini potranno e dovranno partecipare attivamente, e vedrete, per loro sarà una fantastica avventura. Per prima cosa è necessario procurarsi tutto quello che serve per la nostra piantagione: qualche fagiolo, dell’acqua, un cucchiaio, dell’ovatta e dei vasetti vuoti, che possono essere quelli dello yogurt, naturalmente ben lavati, ma possono andare bene anche dei bicchieri di plastica.

46

Versare un po’ di acqua

Dopo essersi procurati tutto il necessario, si prende l’ovatta e si mette alla base del vasetto o del bicchiere e qui si adagia un fagiolo che poi si ricoprirà con un altro strato di ovatta. È consigliabile piantarne più di uno in altri contenitori, perché è possibile che non tutte le semine vadano a buon fine. Fatto questo, si deve versare un po’ di acqua sull’ovatta della quantità di un cucchiaio da minestra. A questo punto si mettono i vasetti in un posto della casa che sia ben lontano da fonti di calore o da luoghi freddi e che sia, soprattutto, abbastanza luminoso.

Continua la lettura
56

Controllare ogni giorno

Trovata la posizione adatta per i nostri fagioli, si deve controllare ogni giorno per verificare il loro stato di salute e quello dell’ovatta che, se sarà asciutta, dovrà essere inumidita con un goccio d’acqua. Non occorrerà che i nostri bambini aspettino molto per assistere al “miracolo”, infatti, nel giro di una settimana, sui fagioli troveremo un piccolo germoglio e, pian piano, cominceranno anche a mettere delle radici. A questo punto si calcola ancora una settimana in cui bisogna mantenere i fagioli nel vasetto in modo che si rafforzino sia i germogli che le radici. Trascorso questo lasso di tempo, si possono finalmente piantare in terra e continuare, ovviamente, ad annaffiarli in maniera regolare, in modo che le piantine crescano sempre di più diventando motivo di orgoglio anche per i nostri piccoli.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare i fagioli

I fagioli sono tra i legumi più diffusi al mondo, e si contraddistinguono in varie specie. Per quanto riguarda la coltivazione, la procedura è identica per tutti i tipi, ma tuttavia è importante conoscerla a fondo per ottenere un raccolto soddisfacente....
Giardinaggio

Come coltivare e utilizzare la pianta delle giuggiole

Se avete il desiderio di acquistare una pianta per il vostro appartamento, dovrete innanzitutto verificare le vostre abilità di coltivatori. La coltivazione, infatti, risulterà fondamentale per far sì che la pianta in questione cresca sana e forte;...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta di ciclamino

Il ciclamino è una pianta a fiori, di piccole dimensioni, adeguata infatti non solo per ambienti come il giardino ma anche per interni. Come lo stesso nome richiama, si tratta di una pianta a fiori dai colori che variano come il bianco, il rosa ed i...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta di ligustro

Il ligustro è una piccola pianta, che è stata coltivata principalmente nelle isole britanniche per secoli, dove si è adattata bene alla crescita in quasi tutti i tipi di terreno, sia all'ombra che al sole. Questa pianta, è una pianta densa e sempreverde....
Giardinaggio

Come coltivare una pianta antibatterica come l'Areca

Al mondo esistono una quantità infinita di piante, ed ognuna di esse possiede delle caratteristiche particolari. Alcune sono curative, altre solo decorative, studiarle per comprenderne le potenzialità potrebbe rivelarsi particolarmente utile. L'Areca...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta della lenticchia

Le lenticchie sono una buona fonte di proteine e di carboidrati e, poiché prive di glutine, sono adatte a chi ha problemi di celiachia. Poterle coltivare nel proprio orto, rappresenta una grande soddisfazione poiché si accontenta di terreni non troppo...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta del caffè

Meraviglio, corroborante, aromatico caffè! Poche cose riescono a stupirci come l'aroma inconfondibile e ristoratore del caffè, soprattutto al mattino. Allora perché non proviamo a crescere una pianta di caffè tutta nostra? Anche se non riuscirà a...
Giardinaggio

Come Coltivare La Pianta Di Fico

Il Fico è un albero avente delle origini provenienti dall'Asia, specialmente nella sua zona ovest. Per quanto riguarda l'Italia, esso è facilmente visibile al sud, specie in Puglia, in Calabria e in Campania. Lo troviamo nei frutteti, negli orti, come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.