Come Coltivare Una Pianta Di Viburno

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La pianta di Viburno detta anche Viburnum è volgarmente chiamata palla di neve, appartiene alla Famiglia delle Caprifoliaceae ed è originaria dell'Europa, America ed Asia. La pianta del viburno solitamente può arrivare a circa 10 metri di altezza mentre gli arbusti circa 5 metri. Presenta un fogliame caduco e persistente e lo caratterizza un'abbondante fioritura che ne favorisce l'aspetto decorativo. I suoi fiori sono solitamente bianchi, molto profumati che si riuniscono in mazzettini a forma di ombrello. La coltivazione della pianta di viburno richiede una zona esclusivamente soleggiata o a mezzo sole, e di un terreno che sia acido fresco. Si moltiplica con la semina per mezzo di talea, margotta ed innesto. Vediamo in questa guida come coltivare una pianta di viburno.

26

Occorrente

  • vasi grossi
  • aiuole
  • terriccio
36

Si tratta di una pianta che ama i luoghi umidi e freschi, di conseguenza per coltivarla è necessario trovare un luogo che sia prevalentemente ombreggiato. Prima di coltivarla è necessario constatare il terreno: deve essere umido ma non stagnante di acqua, come quelli argillosi. Data la sua fioritura si trova spesso in giardini ben curati e di pregio ed il periodo ideale per poterla coltivare è nella stagione primaverile.

46

Per la coltivazione è necessario eseguire una buca piuttosto larga, di circa 50 centimetri con una profondità di 25 centimetri, dove bisogna mettere un buon quantitativo di concime organico azotato. Disposta la pianta al centro è necessario assicurarsi che le radici siano disposte tutte all'interno e ricoperte con abbondante terriccio. Da questo momento in poi bisogna assicurarsi che il terreno sia costantemente umido ma non troppo bagnato. Dal periodo primaverile fino al tardo autunno l'innaffiatura dovrà essere effettuata ogni giorno di mattina presto o la sera tardi.

Continua la lettura
56

Alla ripresa vegetativa sara' opportuno concimare con il concime in polvere ripetendo l'operazione 1-2 volte, a distanza di 15 giorni l'una dall'altra. In estate, ogni tanto, sara' utile sfoltire alla base i rami del cespuglio. Il Viburno è attaccato spesso dall'afide nero. Alla sua comparsa bisogna trattare tempestivamente con l'insetticida liquido contro gli insetti come Afidi, Tingidi, Cocciniglie. In Italia solitamente la pianta di viburno cresce spontanea in giardini incolti grazie agli uccelli che spesso ne mangiano i frutti e con i loro escrementi ne diffondono la crescita, ma è anche ottima da usare come elemento decorativo tipo le siepi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Durante i climi più caldi mettere l'acqua nelle ore più fresche per evitare che evapori velocemente
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare la pianta di ciclamino

Il ciclamino è una pianta a fiori, di piccole dimensioni, adeguata infatti non solo per ambienti come il giardino ma anche per interni. Come lo stesso nome richiama, si tratta di una pianta a fiori dai colori che variano come il bianco, il rosa ed i...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta di ligustro

Il ligustro è una piccola pianta, che è stata coltivata principalmente nelle isole britanniche per secoli, dove si è adattata bene alla crescita in quasi tutti i tipi di terreno, sia all'ombra che al sole. Questa pianta, è una pianta densa e sempreverde....
Giardinaggio

Come coltivare una pianta antibatterica come l'Areca

Al mondo esistono una quantità infinita di piante, ed ognuna di esse possiede delle caratteristiche particolari. Alcune sono curative, altre solo decorative, studiarle per comprenderne le potenzialità potrebbe rivelarsi particolarmente utile. L'Areca...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta della lenticchia

Le lenticchie sono una buona fonte di proteine e di carboidrati e, poiché prive di glutine, sono adatte a chi ha problemi di celiachia. Poterle coltivare nel proprio orto, rappresenta una grande soddisfazione poiché si accontenta di terreni non troppo...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta del caffè

Meraviglioso, corroborante, aromatico caffè! Poche cose riescono a stimolarci come l'aroma inconfondibile e ristoratore del caffè, soprattutto al mattino.Per chi ama il giardinaggio, non sarà difficile cimentarsi nella produzione della pianta del caffè....
Giardinaggio

Come coltivare la pianta del caffè in vaso

Forse non tutti sanno, che è possibile tenere in casa le piante del caffè. Più precisamente, la varietà Coffea Arabica, che è originaria degli altopiani etiopi, ma ormai diffusa nelle zone tropicali di tutti i paesi. La pianta è formata da un arbusto...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta di cachi

Il cachi è una pianta di origine asiatica, con molte probabilità cinese. Di fatti proprio in Cina sono conosciute e si coltivano più di 400 varietà di cachi. In Europa giunge al termine dell'Ottocento, mentre ad oggi i Paesi produttori di questo frutto...
Giardinaggio

Come Coltivare La Pianta Di Fico

Il Fico è un albero avente delle origini provenienti dall'Asia, specialmente nella sua zona ovest. Per quanto riguarda l'Italia, esso è facilmente visibile al sud, specie in Puglia, in Calabria e in Campania. Lo troviamo nei frutteti, negli orti, come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.