Come combattere gli afidi con il tabacco

Tramite: O2O 22/10/2014
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Tutte le persone che amano coltivare o che posseggono un giardino, devono, per forza di cose, affrontare il problema dei parassiti, ospiti involontari che minano la salute delle piante coltivate con tanta passione ed amore. Per questo motivo, nei passaggi seguenti, vi daremo alcuni consigli su come combattere gli afidi con il tabacco, senza danneggiare le piante.

26

Occorrente

  • Tabacco
  • Spruzzatore
  • Pellicola per alimenti
  • Acqua
  • Contenitore
36

Dopo esservi procurati tutto l'occorrente, iniziate col preparare questo semplice rimedio sfruttando il vizio di fumare, vostro o di qualche conoscente. Munitevi di una sigaretta, apritela delicatamente ed estraete tutto il tabacco al suo interno. Terminata questa operazione, procedete sminuzzando il tabacco, usate le dita per completare questa fase, se non siete fumatori e non avete voglia di sentire l'odore di tabacco sulle mani, utilizzate un paio di guanti "usa e getta". Una volta in possesso del tabacco dovrete metterlo a macerare in un recipiente con dell'acqua a temperatura ambiente.

46

L'acqua deve essere circa mezzo litro per ogni sigaretta, una volta terminata questa operazione, coprite il tutto con della pellicola trasparente, va bene quella utilizzata in cucina per preservare gli alimenti. Lasciate il tutto a riposo per almeno una settimana, trascorsa la quale dovrete filtrare il contenuto e versarlo in uno spruzzatore. Giunti a questo punto, la miscela sarà pronta per essere utilizzata. Individuate le piante aggredite dagli afidi ed irroratele con la soluzione a base di tabacco, spruzzate direttamente sulle parti colpite dagli afidi, attenzione però ad eseguire quest'operazione durante le ore più fresche della giornata.

Continua la lettura
56

Il rimedio appena adottato è ottimo anche contro altri parassiti delle piante e insetti situati nel terreno. È una soluzione di poco costo che potrebbe risolvere ogni vostro problema di questa tipologia e le piante avranno finalmente un sollievo. Ovviamente, se con la prima irrorazione non siete riusciti ad eliminare completamente gli afidi, ripetete il procedimento, attenzione a non spruzzare questa sostanza a base di tabacco durante le ore più calde ed evitate di utilizzarla tutti i giorni, potreste utilizzare una dose maggiore a giorni alterni, fino alla completa scomparsa dei parassiti. Il procedimento descritto in questa guida, come avete potuto notare, è molto semplice da portare a termine e vi consentirà, spendendo molto poco, di ottenere una soluzione molto efficace e sicuramente meno aggressiva rispetto a molti prodotti chimici presenti sul mercato.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Irrorate la soluzione a base di tabacco durante le ore più fresche della giornata.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come combattere gli afidi delle piante

Gli afidi, detti anche pidocchi delle piante per via della loro natura simile ai pidocchi che minacciano l'uomo. Essi attaccano sia le foglie che i rami succhiando via la linfa vitale. Per combatterli in commercio possiamo trovare diversi preparati ma...
Giardinaggio

Come utilizzare il tabacco delle sigarette per curare le piante

Sappiamo tutti che le sigarette fanno male e nuocciono gravemente alla salute dell'uomo ma non tutti sanno che la nicotina in esse contenute combatte insetti ed afidi delle nostre piante fungendo da ottimo insetticida.In questa breve guida vedremo come...
Giardinaggio

Come prevenire le infestazioni di afidi

Se abbiamo un giardino, è importante sapere che le piante sono soggette agli attacchi di afidi che nella maggior parte dei casi tendono a distruggerle, vanificando le nostre quotidiane operazioni di cura e manutenzione. A tale proposito, ecco una guida...
Giardinaggio

Come eliminare gli afidi dalle piante

Se abbiamo la passione per il giardinaggio, può capitare di scoraggiarci quando le nostre piante vengono attaccate dagli afidi, consapevoli di dover necessariamente utilizzare antiparassitari chimici. In realtà non è così, poiché è importante sapere...
Giardinaggio

Come eliminare gli afidi dai fiori

Gli afidi, esattamente come le cocciniglie, sono dei parassiti delle piante. Questi insetti perforano sia le foglie che i germogli, sottraendone la linfa e modificandone la struttura morfoanatomica. Per tale ragione, è necessario contrastare l'anfigonia...
Giardinaggio

Come eliminare gli afidi con aceto e sapone di marsiglia

Chi possiede un giardino può godere delle belle giornate di sole e vivere all'aria aperta. Tuttavia, sarà senz'altro capitato di imbattersi negli afidi, fastidiosissimi insetti, pidocchi delle piante che una volta prese di mira le piante le attaccano...
Giardinaggio

Come eliminare afidi, oidio e cocciniglia con aglio e cipolla

Molto spesso, la bellezza e la salute delle nostre amate piante, può essere messa a rischio dall'arrivo di indesiderati parassiti. Anche se in commercio ci vengono proposti metodi più o meno aggressivi per eliminare questo fastidioso problema, è invece...
Giardinaggio

Come combattere gli acari delle piante

Generalmente i parassiti delle piante e dei fiori sono dei fastidiosi animaletti che prosperano nelle aree verdi delle nostre città e, le piccole oasi di natura create nei giardini e sui balconi. Tuttavia, quando attaccano le piante che danno frutti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.