Come combattere il mal bianco

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questo articolo vogliamo aiutare i nostri lettori a capire come poter combattere il mal bianco nella maniera più semplice e veloce possibile. Grazie al metodo del fai da te, anche noi potremo essere in grado di curare le nostre piante. Il mal bianco, detto anche oidio, nebbia o albugine, è una malattia delle piante causata da funghi imperfetti, noti in passato come Oidium. La conseguenza principale, o meglio la più visibile, legata alla contrazione della malattia è la formazione di un feltro biancastro, di aspetto farinoso, sulla superficie delle specie colpite, dovuto all'intreccio di filamenti e alla produzione di un numero elevatissimo di spore. Ben presto, in caso di mancato pronto intervento, vedremo le nostre piante indebolite, secche, spente e, nei casi più gravi, completamente distrutte. Tra le specie più colpite si annoverano: uva, carote, zucca, mele, nocciole, pesche, cavoli e tutti gli "odori" frequentemente usati in cucina (prezzemolo, sedano etc.). Nella seguente guida impariamo a prevenire e combattere l'insorgere del mal bianco.

26

L'importanza della prevenzione contro il mal bianco

La difesa contro l'oidio comincia, come sempre, dalla prevenzione. È Importantissimo, infatti, controllare frequentemente le specie vegetali di nostra proprietà, in modo da scongiurare la presenza di spore fungine ed eventualmente cominciare a distruggerle. Molto interessante, inoltre, è la possibilità di spruzzare, a cadenza mensile, una miscela di acqua e latte magro (in percentuale di circa il 6%) sulle piante, creando in tal modo un ambiente inadatto alla nascita e proliferazione di funghi. Ripeto, il controllo è molto importante in quanto il mal bianco, una volta presentatosi, è molto rapido nella sua azione devitalizzante.

36

L'utilizzo dello zolfo liquido alla comparsa dei primi sintomi del mal bianco

Una volta constatata la presenza di ife biancastre sulla superficie delle nostre piante, è bene munirsi di zolfo liquido, in grado di interferire con la funzionalità delle membrane cellulari e di devitalizzare le spore fungine, bloccando l'infezione sul nascere. Il trattamento deve essere uniforme e in grado di coprire completamente la zona "malata". È sconsigliato l'utilizzo di zolfo in polvere, in quanto più volatile, tossico e grossolano.

Continua la lettura
46

Il valore del parere dell'esperto nella lotta contro il mal bianco

Per cominciare la battaglia è molto importante rivolgersi al proprio giardiniere, a un negozio di fiori e piante o a un consorzio agricolo e comprare un prodotto specifico contro l'oidio. A tal proposito è utile portar con sé una fogliolina malata e mostrarla "all'esperto", in tal modo sarà più facile per lui dare consigli e suggerire un prodotto veramente appropriato.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

5 rimedi per il mal bianco

Se avete notato delle macchie bianche come la neve sulle vostre piante ornamentali, probabilmente vi trovate ad affrontare il mal bianco, detto anche oidio. È una malattia delle piante, è provocata da diverse famiglie di funghi appartenenti al genere...
Giardinaggio

Come curare il mal della cenere e la fumaggine degli agrumi

Gli agrumi sono un genere di piante che vivono nelle regione a clima mite e che si affacciano sul mare. Il loro fusto è relativamente piccolo e la chioma tondeggiante, mentre la loro corteccia è liscia, di colore marrone tendente al grigio. Le foglie...
Giardinaggio

Come curare il "mal secco" del limone

In questa guida ci occuperemo di una malattia fungina che minaccia le piante, volgarmente conosciuta come “mal secco”. Questa fitopatologia si evidenzia soprattutto nel periodo autunnale, quando il clima umido e piovoso colpisce indistintamente rami,...
Giardinaggio

Come combattere la peronospora

Se abbiamo un orto, può capitare che alcune foglie degli ortaggi presentino delle macchie bianche diffuse. Evidentemente la pianta è stata colpita dalla peronospora, una grave malattia funginea che volendo si può curare. In questa guida a tale proposito,...
Giardinaggio

Come combattere la cocciniglia

La cocciniglia è un parassita particolarmente dannoso che si presenta con il corpo molle, solitamente mascherato da cera farinosa. Si insedia vistosamente sotto la rosetta ed il peduncolo di frutti o piante. Alcune specie ne infestano addirittura le...
Giardinaggio

Come combattere i parassiti del giardino

Chi possiede un giardino, sa come sia difficile combattere i parassiti dei giardini che si annidano nelle piante, rovinano nuove gemme e devastano piante già sviluppate. La risposta più semplice, ma non la migliore in ogni situazione, a questi attacchi...
Giardinaggio

Come Combattere Le Altiche

Le altiche, conosciute più comunemente con il nome di ''pulci di terra'', sono dei piccoli insetti saltatori che attaccano ortaggi e piante ornamentali. Essi si riconoscono dai colori vivaci del corpo e dall'addome voluminoso. Gli adulti si cibano di...
Giardinaggio

Come combattere gli acari delle piante

Generalmente i parassiti delle piante e dei fiori sono dei fastidiosi animaletti che prosperano nelle aree verdi delle nostre città e, le piccole oasi di natura create nei giardini e sui balconi. Tuttavia, quando attaccano le piante che danno frutti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.