Come combattere l'occhio di pavone dell'olivo

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'occhio di pavone è una una delle malattie che colpisce l'olivo, e i periodi più pericolosi sono l'autunno e la primavera. Si tratta essenzialmente di una forma fungina, che si può manifestare anche diversi mesi dopo il trattamento, in quanto va in incubazione. Per fortuna, molti coltivatori sanno che ci sono due rimedi, e pertanto ogni anno nelle suddette stagioni li mettono in pratica per scongiurare la perdita di gran parte del raccolto. Se siete interessati a questo argomento continuate a leggere la guida che segue, dove vi sarà spiegato come combattere l'occhio di pavone dell'olivo.

25

Intervenire in autunno e primavera

L’occhio di pavone si può manifestare sia durante il periodo di formazione delle olive oppure successivamente, quando risultano essere già mature. Il danno peggiore consiste nell'invecchiamento del fogliame, che comincia conseguentemente a cadere, rendendo la pianta spoglia e priva di linfa vitale. Questa malattia è facilmente individuabile, poiché sulle foglie si creano macchie di un colore verdastro o giallastro. Per cercare dunque la soluzione ottimale per combattere l'occhio di pavone, bisogna intervenire nei suddetti periodi autunnali e primaverili, utilizzando alcuni prodotti a base di rame.

35

Usare prodotti specifici

Si tratta nello specifico di un composto altamente efficace che contiene solfato tribasico di rame, con particelle molto sottili e in grado di ricoprire per intero la pianta, proteggendola come una sorta di pellicola. Esperti agricoltori, consultandosi con gli istituiti agrari delle varie zone d'Italia, al prodotto a base di rame aggiungono una sostanza biologica stimolante a base di epitelio animale fluido, che contiene aminoacidi tali da aiutare la pianta a diventare resistente agli agenti patogeni, e quindi in grado di difendersi dall'attacco del fungo generato dall'occhio di pavone.

Continua la lettura
45

Pulire e concimare il terreno

Oltre al trattamento specifico, è bene ripulire accuratamente l'area circostante specie in inverno, e cioè eliminando con un rastrello foglie secche e olive cadute, specie se presentava prima del trattamento, il sintomo della malattia. Inoltre, in questi frangenti, conviene rimuovere anche gran parte del terreno, aggiungendone eventualmente dell'altro già concimato e con lo stesso grado di acidità, poiché potrebbe verificarsi che qualche foglia o frutto penetrando in profondità ed essendo malato, successivamente tende a marcire distruggendo pian piano la pianta e vanificando tutti gli sforzi fatti per curarla da questa pericolosissima e a volte letale malattia fungina, chiamata occhio di pavone.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esperti agricoltori al prodotto a base di rame aggiungono una sostanza biologica stimolante a base di epitelio animale fluido, che contiene aminoacidi tali da aiutare la pianta a diventare resistente agli agenti patogeni.
  • Questa guida è asolo scopo informativo, perciò chiedete sempre suggerimento a persone esperto nel settore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come innestare un olivo in giardino

Hai un bel giardino ed hai deciso di coltivare piante e fiori in maniera molto semplice. Tutto bene, fin quando, però, non hai pensato di sperimentare tecniche più avanzate per ottenere prodotti particolari come, ad esempio, l'innesto. Innestare significa...
Giardinaggio

Tutto sull'olivo bonsai

Da qualche anno a questa parte è impazzata la moda per il giardinaggio. Molte persone infatti allestiscono un piccolo spazio per l'orto, in modo da avere ortaggi e frutti a propria disposizione, ma anche bellissime piante da sfoggiare. In particolare,...
Giardinaggio

Le malattie dell'ulivo

L'ulivo è una pianta da frutto originaria del continente Orientale e fin dai tempi più antichi è stata impiegata con finalità alimentari. Produce le olive che sono utilizzate sia per la produzione del celebre olio extravergine di oliva che come alimento...
Giardinaggio

Come Combattere La Peronospora

Se abbiamo un orto, può capitare che alcune foglie degli ortaggi presentino delle macchie bianche diffuse. Evidentemente la pianta è stata colpita dalla peronospora, una grave malattia funginea che volendo si può curare. In questa guida a tale proposito,...
Giardinaggio

Come combattere i parassiti del giardino

Chi possiede un giardino, sa come sia difficile combattere i parassiti dei giardini che si annidano nelle piante, rovinano nuove gemme e devastano piante già sviluppate. La risposta più semplice, ma non la migliore in ogni situazione, a questi attacchi...
Giardinaggio

Come Combattere Le Altiche

Le altiche, conosciute più comunemente con il nome di ''pulci di terra'', sono dei piccoli insetti saltatori che attaccano ortaggi e piante ornamentali. Essi si riconoscono dai colori vivaci del corpo e dall'addome voluminoso. Gli adulti si cibano di...
Giardinaggio

Come combattere il mal bianco

In questo articolo vogliamo aiutare i nostri lettori a capire come poter combattere il mal bianco nella maniera più semplice e veloce possibile. Grazie al metodo del fai da te, anche noi potremo essere in grado di curare le nostre piante. Il mal bianco,...
Giardinaggio

Come riconoscere e combattere la dorifora della patata

Coltivare il proprio orto per farlo crescere bello e rigoglioso, come ben sappiamo, comporta concentrazione, dedizione e mesi di duro lavoro ma, capita talvolta, così all'improvviso che le tue culture subiscono purtroppo il silenzioso, quanto fastidioso,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.