Come combattere la ruggine del crisantemo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il crisantemo è una pianta rustica che viene coltivata sia come pianta da giardino, sia industrialmente per ottenere fiori recisi, dal momento che la richiesta di mercato è molto alta nel corso di tutto l'anno. Alcuni floricoltori, sono riusciti ad ottenere anche varietà di piccole dimensioni, adatte a vivere in vaso come pianta d'appartamento, con la possibilità di essere ripiantate in giardino (in questo caso, però, impiegheranno un tempo abbastanza lungo prima di rifiorire e non potranno essere nuovamente collocate in vaso). Tuttavia, una delle malattie più pericolose di questa pianta è la ruggine del crisantemo. Per sapere come combattere questa malattia, continuate la lettura di questa guida.

26

Occorrente

  • Acqua
  • Fungicida
  • Pantaloni
  • Sacco nero
  • Forbici da potatura
36

Anzitutto, la ruggine del crisantemo può arrecare danno alla pianta in maniera davvero significativa: infatti, se non viene presa in tempo, tende a danneggiare in brevissimo tempo tutta la piantagione. Se avete diverse piante di crisantemo o un'intera coltura, provvedete immediatamente, altrimenti rischierete di rovinare tutte le piantine di questo bellissimo fiore. La ruggine del crisantemo è facilmente riconoscibile poiché attacca le foglie con puntini bianchi, che poi si trasformano in pustole di 3-5 millimetri. È necessario, quindi, agire in maniera repentina, perché prima che voi decidiate di intervenire o meno, la malattia potrebbe essersi già propagata in poco tempo, con una velocità veramente unica.

46

Le sue spore, tra le altre cose, resistono talmente tanto che, anche negli anni successivi, potrebbero nascere piante già infette. Fortunatamente, la ruggine del crisantemo colpisce solo ed esclusivamente questa pianta, quindi non dovete preoccuparvi delle altre colture. Entrate nella coltura di crisantemi indossando dei pantaloni che, in seguito, dovrete buttare via, perché le spore tendono ad attaccarsi alla stoffa e finirebbero per contaminare anche le altre piante. Successivamente, avvicinatevi alle piante infette e recidete le foglie colpite, dopodiché chiudetele in un sacco nero.

Continua la lettura
56

A questo punto, tagliate tutte le foglie malate e buttatele via, quindi irrigate abbondantemente le piante di crisantemo. Oltre a ciò, inserite dell'acqua e del fungicida anche nelle tubazioni che irrigano i crisantemi ed in tutti gli elementi che stanno a loro contatto. L'acqua dev'essere veramente abbondante: bagnate anche i 5 centimetri di terra sottostante la pianta, per impedire anche alle spore più resistenti di propagarsi. Infine, utilizzate il fungicida su tutti gli altri crisantemi anche se non vi appaiono malati, ma non avvicinatevi troppo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il crisantemo a fiore sferico

Tutti noi vorremmo avere un giardino pieno di piante e fiori di ogni tipo, per rendere la nostra casa molto più colorata e confortevole.Coltivare dei fiori all'interno di un appartamento oppure in un balcone, un giardino o un terrazzo è un passatempo...
Giardinaggio

Come Combattere La Peronospora

Se abbiamo un orto, può capitare che alcune foglie degli ortaggi presentino delle macchie bianche diffuse. Evidentemente la pianta è stata colpita dalla peronospora, una grave malattia funginea che volendo si può curare. In questa guida a tale proposito,...
Giardinaggio

Come combattere i parassiti del giardino

Chi possiede un giardino, sa come sia difficile combattere i parassiti dei giardini che si annidano nelle piante, rovinano nuove gemme e devastano piante già sviluppate. La risposta più semplice, ma non la migliore in ogni situazione, a questi attacchi...
Giardinaggio

Come combattere l'occhio di pavone dell'olivo

L'occhio di pavone è una una delle malattie che colpisce l'olivo, e i periodi più pericolosi sono l'autunno e la primavera. Si tratta essenzialmente di una forma fungina, che si può manifestare anche diversi mesi dopo il trattamento, in quanto va in...
Giardinaggio

Come Combattere Le Altiche

Le altiche, conosciute più comunemente con il nome di ''pulci di terra'', sono dei piccoli insetti saltatori che attaccano ortaggi e piante ornamentali. Essi si riconoscono dai colori vivaci del corpo e dall'addome voluminoso. Gli adulti si cibano di...
Giardinaggio

Come combattere il mal bianco

In questo articolo vogliamo aiutare i nostri lettori a capire come poter combattere il mal bianco nella maniera più semplice e veloce possibile. Grazie al metodo del fai da te, anche noi potremo essere in grado di curare le nostre piante. Il mal bianco,...
Giardinaggio

Come combattere afidi e tripidi

Le piante sono un elemento di ornamento fondamentale per tutte le case e per tutti i giardini, ma per garantire la loro perfetta salute, e di conseguenza la loro bellezza, è fondamentale che esse vengano curate sotto tutti i punti di vista. Infatti,...
Giardinaggio

Come combattere la mosca bianca

Se siamo degli amanti delle piante, sapremo sicuramente che per mantenerle sempre perfettamente in salute e rigogliose dovremo necessariamente curarle costantemente. Tuttavia se siamo alle prime armi con questo mondo, per riuscire a curare le nostre piante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.