Come combattere l'oziorrinco

Tramite: O2O 03/06/2016
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'oziorrinco è un piccolo insetto che appartiene alla famiglia dei coleotteri. È di colore scuro (nero) ed è provvisto di una piccola proboscide che gli permette di divorare le foglie delle nostre piante. Trova rifugio nel terreno, ai piedi delle piante, e da qui sale, muovendosi lungo il tronco, fino a raggiungere e mangiare le foglie più giovani. Infesta, in pochi anni, i nostri giardini creando notevoli danni alle siepi e alle foglie di tutti gli alberi presenti. Debellarlo non è facile ma, in questa guida troverete utili consigli su come combattere l'oziorrinco.

26

Occorrente

  • nematodi
36

Di questo insetto sono pericolose anche le larve che, vivendo sotto la terra, si nutrono delle radici anche di altri prodotti, come verdura e frutta, creando molti problemi alle coltivazioni. Le foglie di una pianta, infestata dall'oziorrinco, hanno la forma di una mezzaluna e questo limita la loro capacità di fontosintesi (cioè creare la clorofilla che rappresenta la linfa vitale delle piante) rallentandone la crescita in ogni sua parte. Per liberarsi di questo insetto, soprattutto se l'infestazione è grave, negli ultimi anni si ricorre alla cosidetta lotta biologica che consiste nel raccogliere, nelle ore notturne, tutti gli insetti adulti, mettendo sotto i fusti dei grandi teli o della paglia, per poi scuotere tutte le parti della pianta; una volta che gli insetti cadono giù, per precauzione, si brucia tutto. Inoltre, per evitare la salita di altri insetti, vanno sistemati degli anelli intorno al fusto.

46

Questi accorgimenti possono essere fatti utilizzando del cartone impregnato di vischio e messo intorno al tronco tramite del filo di ferro. Periodicamente vanno controllati e cambiati. Questo metodo va utilizzato per brevi periodi poicgè si ha l'eliminazione anche degli insetti "buoni". Le larve vanno invece eliminate con l'uso di prodotti che contengono nematodi che vanno irrorati nel terreno la sera o la mattina presto. Questi prodotti possono trovarsi anche sotto forma di granuli e, in questo caso, vanno messi in una sospensione acquosa prima dell'utilizzo.

Continua la lettura
56

L'uso di prodotti chimici, come detto prima, non è consigliabile in quanto, il periodo di attività di questo insetto è molto lungo (almeno 4 mesi) e, le piante dovrebbero essere sottoposte a trattamenti intensivi tossici per molto tempo, con tutte le controindicazioni del caso. Spesso risulta inutile in quanto le larve si annidano, oltre che nel terreno, all'interno dei tronchi dopo avere creato delle nicchie nelle quali si insediano. Poiché, l'oziorrinco, è duro "a morire" questi modi per debellarlo possono essere attuati contemporaneamente. In ogni caso bisogna armarsi di pazienza e sperare che questo animaletto non si presenti più a rovinare le nostre piante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come combattere i parassiti del giardino

Chi possiede un giardino, sa come sia difficile combattere i parassiti dei giardini che si annidano nelle piante, rovinano nuove gemme e devastano piante già sviluppate. La risposta più semplice, ma non la migliore in ogni situazione, a questi attacchi...
Giardinaggio

Come Combattere Le Altiche

Le altiche, conosciute più comunemente con il nome di ''pulci di terra'', sono dei piccoli insetti saltatori che attaccano ortaggi e piante ornamentali. Essi si riconoscono dai colori vivaci del corpo e dall'addome voluminoso. Gli adulti si cibano di...
Giardinaggio

Come combattere il mal bianco

In questo articolo vogliamo aiutare i nostri lettori a capire come poter combattere il mal bianco nella maniera più semplice e veloce possibile. Grazie al metodo del fai da te, anche noi potremo essere in grado di curare le nostre piante. Il mal bianco,...
Giardinaggio

Come combattere gli acari delle piante

Generalmente i parassiti delle piante e dei fiori sono dei fastidiosi animaletti che prosperano nelle aree verdi delle nostre città e, le piccole oasi di natura create nei giardini e sui balconi. Tuttavia, quando attaccano le piante che danno frutti...
Giardinaggio

Come combattere afidi e tripidi

Le piante sono un elemento di ornamento fondamentale per tutte le case e per tutti i giardini, ma per garantire la loro perfetta salute, e di conseguenza la loro bellezza, è fondamentale che esse vengano curate sotto tutti i punti di vista. Infatti,...
Giardinaggio

Come combattere la batteriosi del kiwi

La pianta del kiwi è originaria della Cina Meridionale; essa ad inizio ottocento viene importata in Inghilterra ed alla fine del novecento si diffonde in Europa. Esistono diverse varietà, la più diffusa è la Hayward che ha una forma ovale con la buccia...
Giardinaggio

Come combattere la mosca bianca

Se siamo degli amanti delle piante, sapremo sicuramente che per mantenerle sempre perfettamente in salute e rigogliose dovremo necessariamente curarle costantemente. Tuttavia se siamo alle prime armi con questo mondo, per riuscire a curare le nostre piante...
Giardinaggio

Come combattere la cocciniglia

La cocciniglia è un parassita particolarmente dannoso che si presenta con il corpo molle, solitamente mascherato da cera farinosa. Si insedia vistosamente sotto la rosetta ed il peduncolo di frutti o piante. Alcune specie ne infestano addirittura le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.